LUGANO
27.05.19 - 09:160
Aggiornamento : 10:31

L’animalismo non urla (quasi) più, ma oggi è più vivo che mai

Dalla protesta davanti ai circhi alla discussione in piazza, oggi prevale l'approccio dialettico su cui Atra punta da sempre: «L’interesse è cresciuto enormemente tra i giovani»

LUGANO - Dimenticate lo scontro a muso duro e le incursioni animaliste di qualche anno fa, oggi i toni paiono decisamente meno aggressivi. L’ultima news sul sito di Offensiva animalista, una delle sigle più battagliere, è una protesta di tre anni fa contro lo zoo di Magliaso. La pagina social invece continua ad essere aggiornata, ma l’azione sembra essere stata rimpiazzata dalla condivisione di post e commenti. L’impressione, per questo come per altri gruppi o frange, è che l’animalismo ticinese sia reduce da una sorta di selezione naturale...

Una storia lunga 41 anni - E allora? Allora nella vecchia galassia di chi difende la vita a 360 gradi - tolte le Società protezione animali che fanno dell’intervento la loro politica - la più attiva resta decisamente Atra, l’Associazione svizzera per l’abolizione della vivisezione. Sulla presunta crisi degli altri gruppi, il presidente Max Molteni, 56 anni anni e volontario da quando ne aveva 16, non si esprime, «non giudico in casa d’altri e non amo seguire i social», ma parla volentieri di ciò che avrebbe consentito alla sua associazione di resistere nel tempo e anzi crescere: «Innanzitutto, e non è un aspetto secondario, siamo una realtà consolidata sul territorio da 41 anni». Da quando cioè Atra venne fondata nel 1978 da Milly Schär-Manzoli. «Il mio merito fu semmai quello di capire che bisognava andare on the road e coinvolgere i giovani».

La dialettica della rabbia - «Il secondo merito - continua Molteni - è l’approccio. E non dico che noi siamo migliori. Abbiamo un approccio non solo di contestazione, ma anche propositivo e dialettico con l’opinione pubblica». In piazza dunque ma per cercare di spiegare le proprie posizioni. «Ognuno di noi resta però molto arrabbiato per ciò che succede in Svizzera e nel resto del mondo con la vivisezione e gli allevamenti». Voler spiegare, puntualizza il presidente di Atra, «non significa essere più accomodanti. Ma abbiamo capito semplicemente che non possiamo imporre le nostre scelte alle persone. Si possono avere posizioni radicali nella vita, ma non vuol dire essere intolleranti nei confronti degli altri».

Dal tendone alla piazza - «Per molti anni - ricorda Molteni - ho manifestato contro lo sfruttamento degli animali nei circhi. Si protestava davanti al tendone e non rinnego quei momenti al buio urlando come matti per cercare di sovrastare il suono delle orchestrine...». Risultato? «Proteste del genere vanno benissimo. Ma se l’obiettivo è portare a casa un risultato, ho capito negli anni che se sto dalle 10 alle 17 in Piazza Dante a Lugano, in sette ore distribuisco centinaia di volantini. E soprattutto, con un approccio giocoso, ad esempio vestiti da animali in un gabbione, coinvolgiamo i bambini. Spieghiamo loro il senso della libertà nella foresta. Ma soprattutto ho la possibilità di convincere qualche mamma che il biglietto per lo spettacolo ancora non l’ha comprato. Questo è un aneddoto per spiegare che un approccio meno urlato può essere più produttivo. Magari rischiando un po’ di impopolarità tra i più radicali».

Sold out in classe - Altro aspetto che il presidente di Atra rileva è la maggiore sensibilità del pubblico rispetto al passato. «Lo dico cifre alla mano - spiega Molteni -. Da più di dieci anni partecipiamo alle giornate autogestite nei licei dove veniamo chiamati per tenere conferenze su tre tematiche, l’alimentazione veg, la vivisezione e la relazione tra violenza su animali e la violenza su donne e bambini. Abbiamo visto crescere l’interesse, dai 4-5 studenti degli inizi oggi questi eventi sono seguiti in classe da quaranta e più giovani. E non mancano i docenti, quando parliamo - ad esempio - di vivisezione».

«Avevamo un eroe» - L’ultima curiosità concerne la presenza di politici dichiaratamente animalisti in Gran Consiglio. «Poter contare su qualcuno - dice il presidente di Atra - sarebbe fantastico perché alcune soluzioni passano inevitabilmente dalle leggi. Ma non ho la percezione che oggi ve ne siano. Avevamo un eroe. Ma veramente un eroe con la maiuscola. Se ne è andato in un incidente stradale nel Malcantone. Si chiamava Bill Arigoni».

Tipress
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
36 min

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
48 min

L’androide Sophia che interagisce con gli umani è sbarcato a Lugano

È in grado di rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
3 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

LUGANO
5 ore

L'impresa di Nicole: campionessa del mondo a 50 anni

Trionfo di una ticinese ai Mondiali Master di judo in Marocco: «Che emozione il salmo svizzero per me»

LUGANO
6 ore

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

FOTO E VIDEO
LUGANO
8 ore

Auto in fiamme nella notte

La vettura è andata completamente distrutta nei pressi della pompa di benzina di Pazzallo

CONFINE
9 ore

L'accordo sui frontalieri si è (ufficialmente) impantanato

Sono passati quattro anni dalla firma da parte elvetica. Settimana scorsa, l'ennesimo incontro al Pirellone. Franscella: «Pazienza al limite»

FOTO E VIDEO
MEZZOVICO
18 ore

Centra la rotonda e si ribalta sul tetto

Un conducente proveniente dalla Spagna ha perso il controllo della sua Citroen all'entrata di Mezzovico questa sera. Nell'incidente ha riportato ferite apparentemente non troppo gravi

LUGANO
19 ore

Festeggia il compleanno al bowling: gli rubano tutti i regali

Singolare furto in uno dei più noti locali ricreativi del Luganese. La mamma del bimbo: «Video sorveglianza scadente». La replica: «Non siamo baby sitter»

CANTONE
21 ore

Solo qualche pioggia all'orizzonte

Prosegue questa tendenza a giornate miti e sostanzialmente prive di precipitazioni, a parte una parentesi tra martedì e mercoledì

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile