tipress archivio
CANTONE
06.05.19 - 10:540

AITI contraria all’iniziativa popolare "Giù le mani dalle Officine"

Secondo L'Associazione industrie ticinesi si rischia di creare un «ostacolo alla realizzazione della nuova officina»

LUGANO - L’Associazione industrie ticinesi si dichiara contraria all’iniziativa popolare “Giù le mani dalle Officine” che mira alla creazione di un polo tecnologico-industriale nel settore del trasporto pubblico sull’area attualmente occupata dalle Officine FFS di Bellinzona.

«Pur riconoscendo le intenzioni degli iniziativisti - sottolinea l'AITI - , quanto proposto rischia di creare numerosi problemi. Paradossalmente, se approvata, l’iniziativa rischia di costituire un ostacolo alla realizzazione della nuova officina (e il relativo polo teconologico-industriale) e alla creazione di circa 230 posti di lavoro qualificati, compromettendo di fatto la realizzazione di un’opera garantita dagli accordi siglati con le FFS nel dicembre del 2017».

Secondo l'AITI, inoltre, al Cantone sarebbero imposti oneri finanziari e amministrativi legati all’espropriazione delle attuali Officine FFS e, in seguito, anche quelli relativi alla gestione delle attuali attività.

«Seppur come detto si comprendono le motivazioni e i sentimenti in particolare delle maestranze - prosegue l'Associazione industrie ticinesi -, immaginare che nel 2019 lo Stato si metta di fatto ad espropriare un'attività di un'azienda ferroviaria federale con la pretesa di poter diventare imprenditore in un settore ad alta competitività internazionale, di cui non ha nessuna competenza, porterebbe ad un sicuro fallimento dell'obiettivo di salvare centinaia di posti di lavoro e di mantenere in Ticino un'attività ad alto contenuto tecnologico. Non da ultimo, l’accettazione dell’iniziativa popolare comprometterebbe la prevista creazione di un polo tecnologico a Bellinzona, laddove saranno insediati laboratori e attività di ricerca e di produzione ad alto valore aggiunto, volano della creazione di posti di lavoro qualificati che tutti si attendono».

Per questi motivi, l’AITI invita a votare NO il prossimo 19 maggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 ore
Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì
Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.
CANTONE
1 gior
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
1 gior
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
1 gior
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
TENERO
2 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
MENDRISIO
2 gior
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
2 gior
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
CANTONE
2 gior
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile