Ti-Press
CANTONE/ITALIA
03.05.19 - 20:050

«Difendere i frontalieri per difendere gli svizzeri»

Incontro tra i sindacati Unia e Cgil oggi a Milano. Obiettivo: unire le forze sulla questione del lavoro transfrontaliero

MILANO - Un’alleanza transfrontaliera più forte al servizio dei lavoratori: è questo il significato della firma dell’accordo avvenuta oggi a Milano tra UNIA Unione Sindacale Svizzera Ticino e la CGIL. Un’intesa che ritocca e migliora quello firmato diversi anni fa e che si adegua al mondo del lavoro frontaliero nel frattempo profondamente cambiato. Infatti, se nel 2001 i transfrontalieri italiani erano 31.000, oggi coloro che ogni giorno si recano in Svizzera nei cantoni Vallese, Ticino e Grigioni dalle zone di confine di Lombardia e Piemonte sono 71.000 (60.000 quelli diretti in Ticino) a cui si aggiungono gli oltre 10.000 lavoratori distaccati.

L’accordo firmato oggi è nato per consolidare la collaborazione politico-sindacale e punta a rafforzare i servizi di tutela individuale e a cercare nuove formule di tutela legale. Innanzitutto consente ai lavoratori transfrontalieri italiani iscritti all’Unia USS di appartenere anche alla CGIL e viceversa e permette loro di usufruire indifferentemente dei servizi dei due sindacati al di qua e al di là del confine.

Ma le due organizzazioni sindacali si impegnano anche ad avviare nuovi percorsi di formazione, specializzazione e riqualificazione professionale riconosciuti sia in Italia che in Svizzera e a rafforzare i presidi sindacali transfrontalieri attraverso percorsi strutturati e periodici di formazione degli apparati sindacali. Ma al centro dell’accordo c'è anche un maggior controllo sul lavoro distaccato, fenomeno crescente che crea il cosiddetto dumping salariale e che colpisce i lavoratori transnazionali che subiscono violazioni contrattuali e normative restrittive. Senza contare le iniziative sindacali ed editoriali congiunte come l’organizzazione di convegni e campagne sulla sicurezza del lavoro in cui la Cgil offrirà il suo apporto a Unia Uss.

«La nostra idea è quella di difendere non le frontiere ma i lavoratori che per noi hanno diritto di andare a svolgere il loro lavoro dove meglio preferiscono ma devono essere tutelati sotto ogni forma. Purtroppo in questi ultimi anni i lavoratori transfrontalieri sono stati troppo spesso additati e accusati. Se riusciamo a difendere i lavoratori italiani nei loro diritti va da sé che riusciremo a difendere anche i lavoratori svizzeri. E solo così riusciremo a limitare i fenomeni come il dumping salariale», ha spiegato a tio.ch/20 minuti Mario Bertana, presidente Unia Ticino che ha sottolineato che in Svizzera solo il 50% dei lavoratori è difeso da un contratto collettivo mentre l’altra metà è alla mercé dei datori di lavoro protetti da una legislazione che gli permette di sfruttare i lavoratori assegnando loro stipendi bassi o non rispettando l’orario di lavoro.

Secondo Giuseppe Augurusa, responsabile nazionale frontalieri Cgil, questo accordo rappresenta un cambio di filosofia «perché fino ad oggi la nostra ventennale collaborazione coi sindacati svizzeri si basava sull’offerta di servizi. Ma il lavoro frontaliero è un tema di rilevanza politica e noi vogliamo parlare di questo settore come una opportunità e non come un fattore di crisi». Un concetto questo ribadito anche da Susanna Camusso, responsabile del dipartimento internazionale della Cgil ed ex segretario nazionale: «Dobbiamo passare da una lunga stagione difensiva ad una discussione fondata sulla cooperazione e sulla collaborazione. Perché il dumping non è colpa dei lavoratori».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Tutti (o quasi) promossi dal Covid: «Ma non è stato facile»
Due bocciati e oltre mille diplomati. È finito l'anno scolastico più pazzo di sempre. Il racconto dei ragazzi
LUGANO
4 ore
Risse e assembramenti alla foce di Lugano
La polizia comunale è dovuta intervenire più volte, sia ieri sera sia venerdì
FOTO E VIDEO
ROBASACCO
5 ore
Incidente sull'A2, ferite una donna e una bambina
Sul posto la Polizia e la Croce Verde di Bellinzona
CANTONE
8 ore
Giocatore positivo dopo la vacanza, una squadra in quarantena
Una compagine sottocenerina che milita nel calcio regionale dovrà stare ai box fino a giovedì prossimo.
CANTONE / ITALIA
13 ore
Le mani della ‘ndrangheta in Liguria, spunta anche Lugano
Uno dei quattro arrestati si appoggiava a un avvocato per spostare soldi verso gli Emirati Arabi Uniti
CANTONE
14 ore
Altre giornate con temperature che superano i 30 gradi
Lunedì il giorno più caldo, anche in montagna. Il sole sarà protagonista.
CANTONE
1 gior
Nuove norme nei locali: GastroTicino fa chiarezza
Dalla capienza massima alla raccolta dati, chi non le rispetta rischia sanzioni amministrative e penali.
FOTOGALLERY
ASCONA
1 gior
Si suona per New Orleans (e per Ascona)
Si è concluso l'evento organizzato da chi, ogni anno, allestisce JazzAscona sulle rive del Verbano
FOTO
CHIASSO
1 gior
Il mercato serale d'estate, per riscoprire il centro di Chiasso
Primo appuntamento con la manifestazione, che si protrarrà per tutti i sabati di luglio
FOTOGALLERY
LUGANO
1 gior
"Nuvole colorate" nei cieli ticinesi
Tante le fotografie giunte in redazione. Si tratta di un parelio, come spiegato da MeteoSvizzera
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile