Lo storico negozio di dischi in via Lodovico il Moro a Bellinzona.
CANTONE
26.04.19 - 09:050
Aggiornamento : 13:17

Il Pinguis abbassa (per sempre) la saracinesca

Dopo quasi 44 anni (e un’ultima liquidazione prevista attorno a metà maggio) lo storico negozio di dischi in via Lodovico il Moro a Bellinzona cesserà definitivamente l’attività

VINILI

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BELLINZONA - Una scelta, quella di Claudio Scaramella - titolare del Pinguis -, ponderata a lungo e presa già da qualche mese: da una parte, motivata, comprensibilmente, «dagli acciacchi dell’età (non sembra, ma Claudio a breve compirà 67 anni), così come «dalla predilezione, soprattutto da parte dei giovani, della cosiddetta musica liquida» che, negli ultimi anni, «ha fatto colare a picco le vendite del supporto fisico».

Claudio, raccontami come tutto quanto ha avuto inizio...

«Prima di aprire il negozio, ho lavorato come impiegato al Disco Bar di Locarno. Era il 1969, un periodo d’oro: ricordo ancora le code di appassionati davanti all’entrata in attesa di accaparrarsi l’album - in vinile, cassetta o stereo8 - che usciva quel determinato giorno… Dopo due-tre anni, sempre a Locarno, ho lavorato per un periodo al Music Store per poi inaugurare, a fine settembre ‘75, il Pinguis qui a Bellinzona…».

Quanti clienti avevi al giorno all’epoca?

«Sessanta-settanta… Il negozio, devo dire, funzionava molto bene…».


Foto Patrick Botticchio
Il titolare del Pinguis Claudio Scaramella.

Tanto rock, ma non solo…

«Rock, ma anche musica etnica, jazz, classica…».

Hai sempre dato una mano anche ai gruppi della zona… Chi ricordi, in particolare?

«Beh, Davide Van De Sfroos… Mi portò la cassettina con “La curiera”... Se ha avuto successo è grazie a me! (ride)».

Attorno alla metà degli anni Ottanta hai assistito da esercente alla prima rivoluzione del supporto sonoro: dal vinile e dal nastro (cassette e stereo8) buona parte degli appassionati, dei fruitori di musica, sono passati al cd: come è andata, esattamente?

«C’è stato, come dire… uno scambio automatico. E quasi tutti avevano deciso, sbagliando, di liberarsi del vinile: ricordo scatole zeppe di dischi destinate al macero…».

E tu, pur adattandoti a quello che era diventato il nuovo mercato, che hai fatto dei dischi in vinile che avevi in negozio in quel periodo?

«Li ho tenuti e, a poco a poco, li ho venduti…».

In fatto di qualità, anche tu, da quanto mi sembra di capire, propendi per il vinile, seppur “la battaglia” sia tuttora molto accesa tra gli appassionati…

«Direi di sì, se ascolti un vinile con un impianto adatto percepisci immediatamente la differenza… E questo senza contare che le copertine, in tantissimi casi, sono delle vere e proprie opere d’arte: tenerle tra le mani in tale formato fanno tutt’altro effetto... A vincere, diciamo, era stata la praticità del cd…».

Qual è la tua opinione sul grande ritorno del vinile, in particolare in questi ultimi 8-10 anni?

«C’è qualcosa che mi lascia perplesso: le fabbriche sono poche, ma la produzione è enorme. Non riesco a capire…».

Sulle ristampe, in particolare, è utile porre molta attenzione, giusto?

«Sì, certo. Va verificata la fonte sonora, l’etichetta… Anche il costo: se trovi ristampe a 15-20 franchi, c’è sicuramente qualcosa che non va…».

Da circa un decennio, la musica liquida sta portando i giovani a un ascolto sommario… Vuoi dare qualche consiglio a questi ragazzi?

«No, eviterei… Sono talmente assorti nelle loro applicazioni… (ride)».

Veniamo, come dire, al mercato… Quando, esattamente, hai iniziato a sentire la crisi?

«All’inizio del nuovo Millennio, ovvero quando è arrivato in Ticino il “grande colosso dal nord” che già il secondo giorno dopo l’apertura vendeva cinque chili di cd a 49 franchi».

E qualche tempo dopo è stato il turno della musica liquida…

«Gli ultimi quattro anni in particolare sono stati durissimi…».

Ora il negozio è chiuso, ma in maggio è in programma l’ultima liquidazione…

«Chi passerà troverà dell’usato a prezzi stracciati, ossia 45 giri a 2 franchi e 33 giri a 5-10 franchi, mentre sul nuovo il prezzo sarà ridotto del 50%. I cd, anch’essi, saranno in vendita a 5-10 franchi».

 

La parola ai clienti

 «Primi vinili comprati da Pinguis a inizio primavera 1987: il “back-catalogue” degli U2 prima dell'uscita di “The Joshua Tree”... Quanti ricordi e aneddoti! Chiude l'ultimo dei Mohicani e vero negozio di dischi in Ticino. Grazie di tutto, ci mancherai!».

Christian, vinyl freak

 

 

 

 «Ho cominciato ad apprezzarne la competenza e l’intraprendenza ai tempi del Music Store, negozio aperto dall’ex Night Bird Eliano Galbiati in città vecchia a Locarno. Oltre che un grande amico, Claudio rimane, in ambito musicale, uno degli addetti ai lavori che più stimo».

Giorgio Fieschi, giornalista

 

 

 «Il Pinguis per me è la classica “bottega”, dove entravo per scambiare due chiacchiere in amicizia, accolto con calore da un appassionato che, mentre gratificava la mia curiosità musicale, mi faceva godere il privilegio sempre più raro dell’incontro personale. Inimitabile Claudio!».

Renato Reichlin, già direttore del Teatro Sociale e di LuganoInScena

 

Foto Patrick Botticchio
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Orazio Quercia 1 anno fa su fb
Mancherà un Claudio conoscitore della musica tutta e un negozio del disco quanti ricordi grazie di tutto . Una domanda tutti i dischi cosa si farà ?
Buonvicini Pilcante Manuela 1 anno fa su fb
Grazie di tutto ...che peccato pensare che non ci sarà più il tuo negozio 😘
Jones Corti 1 anno fa su fb
Carissimo Claudio, il tuo negozio fa parte della storia di Bellinzona e tu sei sempre stato un mito. Grande conoscitore della musica, hai sempre saputo consigliarmi, conoscevi i miei gusti musicali ed era un piacere acquistare nel tuo negozio. Sentivo un brano alla radio o in TV, mi piaceva, venivo da te e mi ordinavi il disco. Non mi piace ascoltare la musica sul computer o con le cuffiette, sono sempre stata per i CD e per i dischi in vinile. Il disco è come un libro bello da ascoltare, da toccare, leggere i contenuti delle copertine e vederlo. Pinguis a me mancherai ma capisco la tua scelta è arrivato il momento anche per te di prenderti il tuo tempo e pensare a te stesso, comunque rimarrai sempre nel mio ❤️. Impossibile dimenticarti perché tutte le volte che ascolterò un tuo disco il mio pensiero sarà anche per te. Questo negozio era speciale 🤗 come speciale sei tu 😘.
Equalizer 1 anno fa su tio
Ho comperato il mio primo disco, Very heavy very humble, dal Pinguaz nel lontano 1977, ed è stato il primo di decine di altri fantastici LP presi da lui. Grande Claudio, l'era bona la bira in chi tempi lì.
Marco Galati 1 anno fa su fb
Io non lo conoscevo siccome nato e vissuto a Winterthur e da sei anni in Ticino. A Winterthur esisteva un negozio analogo la Musicbox. Bellissimi tempi... la prima volta che sono entrato nel 1981. Concerti il sabato pomeriggio, discussioni e tanti, tantissimi dischi da tutto il mondo. Era un ritrovo. Penso che il Pinguis sia stato simile. Sono felice di avere vissuto in quel periodo. Nessuno me lo toglie. Grazie.
Patricia Widy 1 anno fa su fb
Grazie governo 🤬
Agnese Mori 1 anno fa su fb
Peccato davvero. Tutte le cose belle e "genuine " stanno scomparendo. Sono triste per le nuove generazioni. Questi negozi sono la testimonianza di un mondo che stiamo lasciando morire...come lasciamo morire gli anziani di solitudine e di mancanza d'affetto. Spero che qualcuno raccolga l'eredità di quel negozio e lo faccia continuare a vivere,rilanciandolo come merita!
moma 1 anno fa su tio
Grandeee, BT Beatles del mitico JL. Ripeto, del Pinguis parleranno ancora tutte le prossime generazioni, 500, 1000 anni. Per esempio, oggi ascoltiamo ancora la musica di WAM o LVB o di GV. Sarà lo stesso per i mitici che ho citato. Il resto è neve. Dimenticavo LB.
Antonio Pucci 1 anno fa su fb
Vidi quel negozio nel '95
SaschaMan Gadola 1 anno fa su fb
Ma Claudio guarda ho iniziato a comprare i miei primi dischi 33 giri cassettine , avevo già iniziato ci. Sedo purple Led Zeppelin a Eric Clapton le volte che mi mettevo li ore e ore e Claudio ma lo compri si ma prima lo ascolto e ghignava bei tempi mancano , e come dice un mio grande amico Costantino Filisetti sene va un pezzo di storia , fra ricordi il famoso scalino che c’era abbassare testa 😂😂😂😂, grande Claudio Scaramella sei e resterai un mito IL PINGUINO 🐧
Fausto Golinelli 1 anno fa su fb
Giuseppe Del Notaro 1 anno fa su fb
Chiude una grande competenza, in particolare su un segmento di genialità musicale, quella degli anni ‘60 e ‘70. Almeno per quelli della mia generazione! Auguri caro Pinguis
Carola Mazzetta 1 anno fa su fb
Tutto viaggia cosi veloce.... tanti ricordi indelebili....chissa cosa riusciranno a fare dopo.... auguri di strameritata pensione per quello che ci hai trasmesso ed insegnato😘😘😘
Liana Alberti 1 anno fa su fb
Buonasera mi dispiace tantissimo😢Auguri
Pierfrancesco Ferrari 1 anno fa su fb
Un grande che nessuno saprà rimpiazzare.
Max Montanari 1 anno fa su fb
Tristezza assoluta!!!
Tania Mantovani 1 anno fa su fb
Caro pinguis mi mancherai molto praticamente la mia musica l ho comprata tutta da te!!!! Auguri per la vita
Lisa Mantovani 1 anno fa su fb
Nooo anche io come figlia ci andavo.. e compravo i cd😔 mi spiace tanto
Luigi Caglia 1 anno fa su fb
Che tristezza..
moma 1 anno fa su tio
Intramontabile, come lo sono i DP, JT, LZ ,BS ,BT, RS, PF. Fra 500 anni parleranno ancora di loro. Non di certo dei rumori di oggi, che spariscono come neve al sole.
Frankeat 1 anno fa su tio
@moma Vediamo se capisco: Deep Purple - Jethro Tull - Led Zeppelin - Black Sabbath - BT (non ci arrivo!) - Rolling Stones - Pink Floyd.
Gioia Gioia 1 anno fa su fb
Ciao Claudio , il tuo negozio e tu fate parte della storia di Bellinzona , venivo a comprare i dischi che ero ancora una pivella 😘 grazie , buona guarigione Caro Claudio 💪💪💪
Gioia Gioia 1 anno fa su fb
Ciao Claudio , il tuo negozio e tu fate parte della storia di Bellinzona , venivo a comprare i dischi che ero ancora una pivella 😘 grazie , buona guarigione Caro Claudio 💪💪💪
Daria Petronio Marazzi 1 anno fa su fb
Che bei tempi😔
aquila bianca 1 anno fa su tio
Caro Claudio, con te se ne va una delle poche persone che, sapeva accoglierti con un; ciao dolce ***….. un'enciclopedia vivente della storia musicale, capace di indirizzarti nei vari generi della musica stessa….. paziente e sempre a disposizione per qualsiasi quesito .... A sem anca parent (da Val….)….. <3<3<3 Passerò a salutarti e mi porterò a casa alcuni vinili in sostituzione di quelli più SACRI, purtroppo rovinati..... Mi mancherai, e ogni volta che passerò in zona, mi verrà il magone ..... ;-(((((( Auguri per il tuo futuro, che sia melodioso come lo é stato il tuo punto vendita...... Un grande in bocca al lupo :-***
Rosy E Igor Gambina 1 anno fa su fb
Bei ricordi
Rosy E Igor Gambina 1 anno fa su fb
Nooooooooo🥺🥺 Un pezzo della mia adolescenza lo passato lì dentro....😔
Tarık Demircan 1 anno fa su fb
Buona Fortuna Pinguis, trovavo musica o film che non esisteva da nessun'altra parte perchè erano vecchie più di 30 anni! Mi dispiace 😔.
Massimo Walter Antonio Canonica 1 anno fa su fb
Ciao Claudio e auguri per tutto
Eva Gervasoni 1 anno fa su fb
Ci sono praticamente cresciuta li dentro😔😔
Fran 1 anno fa su tio
Amavo la stragrande competenza di Claudio. È un dizionario vivente in materia!! Grazie Claudio!
Giovanni Pollini 1 anno fa su fb
Claudio sei un mito.... da te la mia famiglia è passata con 3 generazioni... Se ce la faccio arrivo per la tua ultima vendita con i me fiö 👨‍👧‍👦
Paola Togni Cioccia 1 anno fa su fb
Ciao Claudio o meglio tesoro..." così mi accoglievi ogni volta che arrivavo da te...<3" ora sono io che ti dico: auguroni tesoro auguroni con tutto il cuore...!! Persona SPECIALE!!!:-)))))))
Nina Gerosa 1 anno fa su fb
Ilaria 😔
Ilaria Colciaghi 1 anno fa su fb
Nina Gerosa sì ho sentito 😞
Roberto Fiore 1 anno fa su fb
Da quando c'è amazon i commercianti subiscono un calo drastico delle vendite.
Costantino Filisetti 1 anno fa su fb
Un altro pezzo di storia che se ne va !la città è quieta!.....veramente un peccato !
Frankeat 1 anno fa su tio
I negozi di dischi sono morti da almeno 10 anni (arrotondando per difetto), così come i vinili sono stati sostituiti dai cd negli anni 80, i quali hanno lasciato il posto ai file (mp3 su tutti, ma anche flac, shn, aac, eccetera eccetera) in questo decennio. E' il progresso che passa e non rispetta e aspetta nessuno. Sì, è vero, si parla di un ritorno di fiamma dei vinili (io stesso ho ricomprato un giradischi di seconda mano e compro ogni tanto qualche vinile e per fortuna quelli vecchi li ho tenuti tutti), ma è solo un mercato di nicchia molto piccolo per vecchi nostalgici. Tutte le nuove generazioni non sanno cosa farsene del vinile e del cd (e per fortuna l'audiocassetta è morta e sepolta) e non posso biasimarle (continua)
Frankeat 1 anno fa su tio
@Frankeat [Ho separato il mi post in due parti perché non veniva accettato dal blog, suppongo che il motivo fosse la lunghezza] Vedo ragazzi che hanno nel telefono centinaia o migliaia di canzoni senza aver speso un solo centesimo. Ma non lo fanno per cattiveria. Per loro è così e basta. Non hanno mai comprato un cd, un disco o una cassetta (ne tantomeno un dvd o una vhs) perchè il "mercato di internet" glieli offre gratis. Adesso è così, prendiamone atto e buonanotte. Tra 20 anni (10?) ci sarà qualcosa d'altro e ne riparleremo. Per quanto mi riguarda, visto che non ho più 20 anni, compro sempre tanti CD (online) e alcuni vinili (online e in negozio) ma non ho mai comprato un file audio. Mi sembra una cavolata che non concepisco (si, sono vecchio). In compenso scarico gratuitamente tonnellate di GB di musica che ascolto una volta e poi cancello. Tutta musica che comunque non avrei mai comprato (e mi sono lavato la coscienza). Ascolto anche tantissima musica in streaming tramite Spotify (in versione gratuita), oppure con altre app o servizi di streaming legali e radio online.
stones 1 anno fa su tio
@Frankeat tutto giusto quello che dici...comunque mi ritengo pure io un "nostalgico" (vecchio no ;-) ) e continuo a comprare soprattutto CD (online e da Pinguis...) chiaramente il tempo passa e le tecnologie stanno soppiantando i vecchi vinile e cd...vabè, me ne sono fatto una ragione...finchè possio comprerò i miei CD... sono anche dei ricordi...il file MP3 di turno no... si...nostalgico... ancora grazie Claudio!
curzio 1 anno fa su tio
@Frankeat "....ragazzi che hanno nel telefono centinaia o migliaia di canzoni..." Un po' di ricordi, quando da ragazzino avevo un ventello in tasca e passavo il mercoledì pomeriggio nel negozio di dischi a scegliere come investire i pochi soldini. Per prima cosa giudicavo dalla copertina. Poi iniziava la cerimonia di rottura al povero commesso. "Posso ascoltare un pezzo di questo?" e lui, pazientemente, sfilava il disco dalla custodia, lo metteva sul giradischi, abbassava la puntina... e io con le cuffie a degustare. "Hmm... no, non mi piace. Mi metti questo... e po quest'altro...?". Dopo lunga selezione si sono cristallizzati tre candidati: Jethro Tull, Alan Parson Project e Jeam Michel Jarre. Scelta difficile! Azz... uno costava 22, quindi mancavano 2 franchi, scartato!. L'altro venti...e quest'altro solo diciotto. Wow! Aggiudicato! Così avanzavano due franchi per un pacchetto di sigarette da sfumazzare di nascosto!
Frankeat 1 anno fa su tio
@curzio Per non parlare dei soldi spesi in 45 giri :-)
curzio 1 anno fa su tio
@Frankeat Haha... quelli me li facevo regalare. Se dovevo spendere i soldi, comperavo un 33 giri. In rapporto, il prezzo di musica al minuto era inferiore per i 33 giri. :D
Frankeat 1 anno fa su tio
@curzio Secondo te quando compravo i 45 giri sapevo calcolare il rapporto prezzo/tempo al minuto? AHAHAHAH
Anna Venini 1 anno fa su fb
Che tristezza!
Roberta Tosti 1 anno fa su fb
È un vero peccato .
Filo Mazzei 1 anno fa su fb
Ricordi indimenticabili di Musica 🎶❤️
Ariette Fibbioli 1 anno fa su fb
Giorgia Pacciarelli 😖
Giorgia Pacciarelli 1 anno fa su fb
Ariette Fibbioli mi dispiace tantissimo :(
Giulia Billeci 1 anno fa su fb
Alan..
Alan Albertoni 1 anno fa su fb
Giulia Billeci grazie 😎✌🏻 andrò a fare un giretto 😁
Maria Delcò-Gremlich 1 anno fa su fb
Grazie Claudio x i tuoi consigli ci mancherai 💕.auguri di una pronta guarigione e un abbraccio 💕🌷
Michele Tonini 1 anno fa su fb
Mi dispiace mitico claudio
Lella Schipani 1 anno fa su fb
Era diventato un simbolo di Bellinzona😔... mi dispiace.
Federico de Filippis 1 anno fa su fb
Quanti ricordi e quanti CD presi .... In bocca al lupo per tutto . 🎧🎼🎧🎼🎧
Aral Dastan 1 anno fa su fb
Piero Vidale
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
Con tutte le aziende che chiudono riuscite a trovare parole solo per il Pinguis???
Tania Malaika Russo 1 anno fa su fb
Benaltrismo ne abbiamo?
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
...in che senso???
Mela Nia 1 anno fa su fb
i negozi di dischi, quelli storici poi, sono una specie in via d'estinzione. quindi sì! è giusto parlarne
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
Non ho detto che non è giusto parlarne...
Tania Malaika Russo 1 anno fa su fb
Marco Ermeti prova con un dizionario...
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
Tania Malaika Russo
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
Tania Malaika Russo : conosco il significato del sostantivo ''benaltrismo'' e in quali contesti va inserito e usato... tuttavia essendo Ticinonline una piattaforma aperta ai commenti, finché si resta nei parametri dell'educazione, ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero...
Carmela Manz 1 anno fa su fb
Marco Ermeti Signor Marco, il Signor Claudio dovrebbe essere d'esempio per tante aziende, è sempre stato innovativo e ha dietro una storia per noi di Bellinzona .. se volevi comprare un disco diverso dalle solite Hit .. dovevi andare a Locarno, Lugano o in Italia..e parlo anni 70/90 e per noi giovanissimi è stato un negozio miracoloso..entravi sceglievi il disco con le cuffie ..magari non ti piaceva e Claudio te ne mostrava un altro..i mercoledì pomeriggi interi ad assaporare le sue gemme di saggezza di musica. E lui sempre gentile e pazientoso.questo ha fatto che lui resistesse fin'ora ed abbia deciso a 67 anni di chiudere...
Carmela Manz 1 anno fa su fb
Le aziende o meglio parliamo di negozi...a volte.non fanno indagini di mercato.. cercano e copiano filoni già visti. .. Quando uno apre un commercio deve sapere che ci sono i costi fissi..a me fanno ridere quelli che aprono una SA magari acquistata per chf 5'000 ... e vanno in giro con auto di grosse cilindrate..questi non hanno capito niente del commercio e ..poi arrivano che sono costretti a chiudere...
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
Ma certo, non metto in dubbio la professionalità, la gentilezza e la simpatia del Signor Claudio ci mancherebbe.
Carmela Manz 1 anno fa su fb
Marco Ermeti si ma lui chiude che ha compiuto 67 anni.. il peccato che non ha trovato nessuno da passargli il testimone...
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
A parte il fatto che a 67 anni non c'è niente di male ad andare in pensione, non è solo questione di trovare qualcuno che porti avanti l'attività dipende anche a che condizioni viene ceduto il testimone...
Carmela Manz 1 anno fa su fb
Le condizioni che prima di tutto devi amare la musica ... e sappiamo che oggi con tutti i canali dove puoi copiare, scaricare musica sono parecchi..ma è la consulenza di Claudio e le sue conoscenze sono state il valore aggiunto del by Pinguis che ha fatto si che questo negozio sia sopravvissuto fino ad oggi.....
Jones Corti 1 anno fa su fb
Marco Ermeti Dispiace per tutti quelli che chiudono ma se a chiudere un negozio è una persona speciale e un amico, dispiace ancora di più. Non è che si possono scrivere complimenti a tutti quelli che chiudono se non li conosci.
Mirian Castelnuovo 1 anno fa su fb
Un forte abbraccio Claudio 🤗
Karin Mantia-Bologna 1 anno fa su fb
Un pezzo di storia di Bellinzona che chiude .. quante giornate passate ad ascoltare musica nel tuo mitico negozio..grande Claudio 😀😀
stones 1 anno fa su tio
grazie Claudio, la tua competenza era incomparabile. quanta buona musica mi hai fatto scoprire... goditi la meritata pensione e soprattutto tanti auguri di buona salute!
Ivone Lopes 1 anno fa su fb
Che peccato🙁!
Eros Gehri 1 anno fa su fb
Un era che non tornerà più❤️
BarryMc 1 anno fa su tio
Semplicemente...GRAZIE!!!
Loris Bernasconi 1 anno fa su fb
era ora
Jacqueline Castelnuovo 1 anno fa su fb
Grazie per la passione, i consigli e l’accoglienza sempre col sorriso ♥️☀️
Sandra Salamandra 1 anno fa su fb
Jacqueline Castelnuovo che bei ricordi ❤️
Carmela Manz 1 anno fa su fb
Caro Claudio non sai quanto mi dispiace ... ti ringrazio di cuore per tutti i consigli che mi hai dato quando dovevo acquistare un disco.. La tua conoscenza non aveva limiti in quanto musica... non consigliavi il disco ma sapevi pure la storia, i componenti di una band.. Non sei un venditore ma un divulgatore di musica.. Ti auguro una felice e pronta guarigione e ancora un grande grazie🙋‍♀️💕
SaschaMan Gadola 1 anno fa su fb
Carmela Manz sapeva fare il suo lavoro e ci metteva anima e cuore tutto da solo con tanto di cappello 🎩 grande uomo
Carmela Manz 1 anno fa su fb
Mattiatr 1 anno fa su tio
Vorrei far notare alla redazione che scaricare musica gratuitamente da Youtube (per esempio) è perfettamente legale in Svizzera. Quello che non puoi fare è diffonderla per esempio in un baro o una discoteca.
KilBill65 1 anno fa su tio
Peccato…. Spero per lui che trovi il tempo di fare quello che vuole ascoltandosi della buona musica!!…..Auguri…….
Renny Crotti 1 anno fa su fb
Buona guarigione Claudio!😍
Margaroli Eros Giovanni 1 anno fa su fb
Peccato
Flora De Lillo 1 anno fa su fb
Nooo... che peccato... 😥
Elma Maretti-Stornetta 1 anno fa su fb
Tanti auguri di una buona guarigione!!!! 💐😁
Francesco Sganga 1 anno fa su fb
Omar
Omar Beltraminelli 1 anno fa su fb
😢 era un punto di riferimento per gli appassionati come me ! Un’enciclopedia vivente!
Angela Vairetti 1 anno fa su fb
Un altro pezzo di Ticino vhe se ne va 😂😂
Siro Ilmio 1 anno fa su fb
Caro Claudio con te finisce un era che non tornerà mai più
Bracco Boris 1 anno fa su fb
Peccato!!....Oncora non ci credo...Il mitico.....Auguri di buona pensione....
Francesco Bermudez 1 anno fa su fb
Amaia Bermudez
Amaia Bermudez 1 anno fa su fb
Francesco Bermudez 🤷
Claudia Mattei 1 anno fa su fb
Quanti ricordi...❤
Lu Pa 1 anno fa su fb
Se ne va un mito...peccato davvero!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
3 ore
La Città finanzierà (forse) la nuova Valascia
Il Consiglio comunale ha accolto la mozione di Sabina Calastri. Saranno i promotori a valutare se è necessario
CANTONE
6 ore
Lavoro da casa negato "per principio"
Fiscalità nel mondo professionale. La denuncia del sindacalista Giorgio Fonio e dello specialista Andrea Martone.
FOTO
AIROLO
9 ore
Incidente sulla Tremola, serie ferite per due confederati
Il 49enne circolava in direzione di Airolo a bordo di un trike, con una passeggera di 52 anni
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Swisscom: il guasto è stato risolto
I servizi di telefonia fissa e mobile sono rimasti indisponibili per oltre 3 ore
CANTONE / OBVALDO
11 ore
99 ticinesi andranno in vacanza (quasi) gratis
Sono stati estratti a sorte i vincitori delle settimane di vacanza a Engelberg. Parecchi i ticinesi.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Problemi alla rete Swisscom anche in Ticino
Internet, telefonia e tv interrotti per alcuni clienti. Guasti segnalati in tutta la Svizzera
CONFINE
15 ore
Lombardia e Piemonte potrebbero non riaprire il 3 giugno
Muro delle regioni del Sud contro una libertà di movimento senza controlli. L'anticipo aveva stupito anche Berna.
CANTONE
15 ore
Due nuovi casi e nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati nel nostro Cantone si attestano a 3'308. I morti restano 348
LUGANO 
19 ore
Un tampone pagato a caro prezzo
Un infermiere indipendente finisce in quarantena, ma non gli concedono l'indennità
CANTONE
19 ore
Lockdown più “felice” con le videochiamate, ma ora ci vuole «igiene digitale»
L'impiego dello smartphone è aumentato, anche per attività che in precedenza ritenevamo come secondarie
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile