Tipress (archivio)
Il bilancio dei primi tre anni è oltremodo positivo.
LUGANO
15.04.19 - 12:540
Aggiornamento : 15:37

«È ora di piantarla con le polemiche sul LAC»

Il bilancio dei primi tre anni del centro culturale parla di oltre 250’000 presenze all’anno. Badaracco: «E stiamo educando il pubblico del futuro»

LUGANO - «È ora di finirla con le polemiche sul LAC e sulla cultura! Bisogna capire che questo centro culturale è un punto forte per la nostra città». Così Roberto Badaracco, presidente del Consiglio direttivo del LAC, alla presentazione dei primi tre anni di attività della struttura. Tre anni in cui - lo mostrano le cifre - il centro culturale ha ottenuto «un risultato eccezionale, che va al di là delle nostre aspettative».

Si parla di oltre 250’000 presenze all’anno. Un numero pari a circa quattro volte la popolazione di Lugano, che di fatto affianca il LAC a realtà di riferimento a livello svizzero come l’Opernhaus di Zurigo o il Kunstmuseum di Basilea. Strutture, queste, che tuttavia avrebbero un bacino d’utenza  primario ben più ampio di quello ticinese.

Il museo fa il pieno - Nello specifico, le esposizioni temporanee del MASI raccolgono il 34% del pubblico complessivo. Mentre il cartellone di teatro e danza il 21%, la musica classica il 12% con le rassegne di LuganoMusica e i concerti dell’OSI. Nella sala teatro il tasso d’occupazione medio è del 71% per le rappresentazioni teatrali. E dell’81% per i concerti.

Pubblico ticinese per il teatro - Soprattutto le mostre riescono a portare a Lugano visitatori provenienti da oltre San Gottardo e dall’estero (in particolare dalla vicina Italia). Infatti al MASI soltanto un terzo delle presenze è ticinese. Un fenomeno completamente diverso si rileva nell’ambito delle arti sceniche, dove il pubblico proviene prevalentemente (e qua si parla del 90%) dalla regione. «È un fenomeno che fa parte delle dinamiche culturali e che si osserva anche altrove: l’attività di una sala teatro colpisce di più la regione» spiega Badaracco, che inoltre non esclude che per il pubblico italiano possa giocare un ruolo anche il costo dei biglietti. Per il teatro, tra l’altro, si parla di un tasso particolarmente basso di biglietti omaggio (si tratta del 3-4%).

La cultura «lingua per tutti» - Il direttore del LAC Michel Gagnon osserva, inoltre, che l’attività del centro culturale «va incontro a tutti». E non si parla soltanto della varietà delle rassegne, che prevedono eventi per tutti i gusti. Ma anche e soprattutto della mediazione culturale, e quindi delle attività educative rivolte ai giovanissimi e agli adulti. «Senza la mediazione culturale - aggiunge Badaracco - un centro culturale come il nostro non potrebbe andare avanti». L’obiettivo è di rendere comprensibile a tutti la lingua della cultura. «Se riusciamo ad avvicinare i giovani alla culturale, al LAC avremo sempre successo».

Verso nuove frontiere - E ora si guarda al futuro, e quindi al prossimo mandato di prestazione, che nei prossimi giorni passerà dal Municipio. Non si svela ancora nulla, rimandando il tutto a una imminente conferenza stampa. Ma - lo dice Luigi Di Corato, direttore Divisione attività culturali della Città - «l’attività del LAC era partita basandosi su un’analisi che non aveva dati concreti, mentre ora c’è uno storico che ci può portare verso nuove frontiere di sviluppo».

La pace con Finzi Pasca - Nell’ambito della presentazione del rapporto d’attività 2016-2018, si è accennato anche alla presenza della Compagnia Finzi Pasca al LAC. Una questione che aveva tenuto banco sui media negli ultimi mesi dello scorso anno. Quale futuro dunque per Finzi Pasca al LAC? Prematuro parlarne ora, sottolinea Badaracco, che però afferma che nelle trattative c’è un nuovo clima, «con voglia di collaborazione e di arrivare a una soluzione condivisa da tutti, senza fare inutile chiasso sui giornali».

Commenti
 
Evry 2 mesi fa su tio
Certo, guardiamo in avanti e facciamo anche di questo il meglio al postrto di marciare sul posto con critiche e polemiche.
cacos 2 mesi fa su tio
é stato anche il mio pensiero.
seo56 2 mesi fa su tio
A me interessa il bilancio finanziario non di presenze... se in perdita non serve a nulla!!
Francesco De Maria 2 mesi fa su fb
Come siete negativi! Leghisti arrabbiati.
Alice Gatti 2 mesi fa su fb
Il LAC non doveva favorire il turismo? Come mai il turismo langue?
Alice Gatti 2 mesi fa su fb
Con tutti questi visitatori, come mai il contribuente deve iniettare così tanti soldi?
Campana Luca 2 mesi fa su fb
Stiamo educando il pubblico futuro: Tanta modestia non la si sentiva dalle sparate di Berlusconi🤣 (es: meno male che ci sono io, nessuno avrebbe potuto fare meglio di quello che abbiamo fatto noi; Milano 3 dicembre 2002)
Francesco De Maria 2 mesi fa su fb
Il Bada oggi era in gran forma.
Nives Cameroni 2 mesi fa su fb
250.000 presenze cosa vuole dire ? Non capisco .....
Benedetto Craco 2 mesi fa su fb
Era meglio piantare alberi da frutto
Benedetto Craco 2 mesi fa su fb
Mangia soldi
Francesco De Maria 2 mesi fa su fb
Ha detto proprio così. Ero lì davanti al suo naso.
Michele Frigerio 2 mesi fa su fb
Stiamo educando il pubblico .... ? Un po’ troppo presuntuoso
limortaccituoi 2 mesi fa su tio
Fatemi capire...questa volta la Lega prenderà i meriti perché il LAC è fiorito sotto un sindaco leghista, oppure farà la figura di quelli che non hanno capito nulla visti i continui attacchi del giornalaccio della domenica?
Hardy 2 mesi fa su tio
È normale a queste latitudini criticare e osteggiare un posto che porta cultura. Mancanza di cultura porta a ignoranza, ignoranza porta a odio, l'odio porta i voti.
Galium 2 mesi fa su tio
@Hardy Sono perfettamente d'accordo. il Lac porta cultura e turismo, ma purtroppo molti non lo capiscono.
sedelin 2 mesi fa su tio
@Hardy hai ragione! l'ignoranza si legge anche nei commenti espressi in questo blog. se si sta incollatti all TV spazzatura e ai video giochi si ottiene questo triste risultato.
sedelin 2 mesi fa su tio
il lac propone grandi concerti e grandi spettacoli, abbiamo un tesoro in città e lo apprezziamo!
seo56 2 mesi fa su tio
@sedelin Per fortuna non tutti la pensano così!
sedelin 2 mesi fa su tio
@seo56 per fortuna il lac é sempre affollato senza persone che la pensano come te.
GI 2 mesi fa su tio
purtroppo il LAC è "oggetto" di vendetta.....solo poiché vi (e non vi...) fu un certo appalto.....la finisarà mai sta storia ??
luganikos 2 mesi fa su tio
Una gran parte dei ticinesi non se ne rende conto del fatto che al LAC si esibiscono i più grandi del mondo e che siamo più che fortunati! La voce di uno/a che critica il LAC al bar con l'ennesimo bianchin in mano (e non solo in mano), mentre altri ascoltano dei concerti al LAC non conta ;=)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
GAMBAROGNO
7 ore

Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque

L'uomo stava praticando stand up paddle, quando si è ritrovato in grave difficoltà. Momento di meritata gloria per il giovane Tito Balestra

ITALIA / CANTONE
10 ore

Scomparso in Italia, è ricoverato in un ospedale di Berna

Il centauro della Provincia di Asti, transitato dal Ticino e di cui non si avevano notizie da domenica, è rimasto coinvolto in un incidente sulla Novena

VIDEO
CAMORINO
11 ore

La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»

Prosegue lo sciopero della fame dei 30 rifugiati nel bunker. Ecco il video in cui raccontano i loro disagi. Intanto, il Cantone annuncia spostamenti

LUGANO
12 ore

Ex Macello: il Molino è pronto a scendere in piazza

Annunciata una manifestazione per il prossimo 14 settembre

FOTO
CANTONE
12 ore

Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»

Circa 1’600 chilometri da compiere non-stop, in sella a una bici. È un terzo posto meritatissimo quello di Valentina Tanzi, che guarda già al futuro: «La prossima volta i chilometri saranno 5mila»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report