Deposit
MONTECENERI
02.04.19 - 20:300

«La mia sfida? Lasciare del Gruppo Re un ricordo positivo»

La strategia del liquidatore dell’azienda italiana di serramenti: «Non riaprirà più. Puntiamo a un atterraggio morbido cercando di accontentare i creditori con reali pretese»

MONTECENERI - Rincorso da uno stormo di debiti il Gruppo Re imbocca la strada della liquidazione ordinaria e non del fallimento (come lasciava presagire la sfilza di precetti per centinaia di migliaia di franchi). A darne notizia è il Foglio Ufficiale dove si legge anche che a traghettare l’uscita di scena dell’azienda italiana di serramenti sarà Luca Moretti. «L’obiettivo è fare in modo che la vicenda si appiani dolcemente e che l’azienda possa chiudere con quello che ha» spiega a Tio/20Minuti il liquidatore.

Quello che ha, naturalmente, è poco. «È una sfida che assumo sperando di riuscire a lasciare del Gruppo Re un ricordo positivo» dice ancora Moretti. Che, proprio in questi giorni, sta contattando uno per uno le decine di creditori: «Si tratta di chiudere in modo pacifico, sereno e senza cattiveria. Il fallimento sarebbe una soluzione che non piace a nessuno, anche se a rimetterci meno sarebbe l’azienda. Secondo la mia politica è meglio spartirsi venti franchi a testa, che non ottenere nulla. Salviamo il salvabile, puntando ad un atterraggio morbido. Non si può fare altro, la ditta non riprenderà più la propria attività».

Moretti non precisa a quanto ammontano le pretese: «Non sarebbe corretto nei confronti del cliente». E poco dice sul numero dei creditori: «Non più che in altri casi simili». Semmai, rileva, «l’obiettivo mio resta quello di accontentare chi ha delle reali pretese. Perché ci sono alcuni creditori con richieste superiori al valore del lavoro stesso».

A rendere più brusco l'atterraggio potrebbero essere le quattro comminatorie di fallimento notificate di recente al Gruppo, nonché i casi che stanno per giungere in pretura dove, sempre di recente, lo scorso 25 marzo, un giudice ha condannato l'azienda a versare 22mila franchi a uno dei tanti creditori. E altri potrebbero seguire.

10 mesi fa Il Gruppo Re è nudo... e parecchio indebitato
8 mesi fa Ciò che resta (molto poco) del Gruppo Re finisce all’asta
6 mesi fa Gruppo RE, le associazioni dell'edilizia prendono le distanze
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
TERRE DI PEDEMONTE
1 ora

«Costruiremo appartamenti in cui il vicino è uno di casa»

Fasi finali per il progetto “Viv Insema” con le sue tre palazzine dove gli inquilini non saranno mai degli estranei. «Ma non è una comune» chiarisce la presidente della cooperativa abitativa

CANTONE
9 ore

Ticino, terra di fulmini. 2019 possibile anno da record

Il primato annuale di saette potrebbe essere raggiunto alla fine dell'estate

VIDEO
LOCARNO
15 ore

Rotonda tranquilla... tranne un fermo da action movie

Un ragazzo bloccato al suolo da quattro agenti della sicurezza. Il video del fermo solleva interrogativi sulla proporzionalità dell'intervento

FOTO E VIDEO
LUGANO
17 ore

Grande successo per la nuotata popolare nel lago

I primi a tagliare il traguardo dopo avere attraversato i 2'500 metri che separano Caprino dal Lido sono stati Pierandrea Titta e Maria Fernanda Stornetta

CANTONE
18 ore

Dalla canicola alla neve, quando l’allerta corre sul filo dei social

La bacheca degli Amici di MeteoLocarno è seguita da oltre 17mila persone. La pagina ora cambia nome. Ma cambierà anche il resto? Lo abbiamo chiesto a Nicola Gobbi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile