Facebook Berliner Philharomoniker.
La Berliner Philharmoniker tornerà il 3 maggio a Lugano dopo 65 anni.
CANTONE
02.04.19 - 14:490
Aggiornamento : 17:50

La Città punta sulla più grande orchestra sinfonica al mondo

La cultura per attirare turisti. Presentati gli importantissimi appuntamenti della rassegna LuganoMusica: con i Berliner Philharmoniker - che approdano a Lugano dopo 65 anni - e con l'Orchestra Mozart

LUGANO - Avremo modo di passare le prossime festività pasquali e le settimane successive nel nome della migliore offerta musicale. E questo grazie agli sforzi del direttore della rassegna Etienne Reymond, così come del Dicastero Cultura, Sport ed Eventi della Città, guidato da Roberto Badaracco.

«Un anno fa - spiega Badaracco - inauguravamo questa bella idea di avere a Lugano un festival capace di contraddistinguere la nostra stagione musicale». «Sappiamo bene che a livello internazionale vi sono delle rassegne, come a Salisburgo, che durante l’estate si sono trasformate in momenti assolutamente centrali per gli amanti delle sette note: non abbiamo certamente le medesime ambizioni, ma vorremmo avere un momento forte durante la Pasqua, in grado di marcare la presenza del Lac come centro culturale».

L’offerta, per cui, deve essere in grado di andare a stuzzicare gli appetiti degli appassionati di oltre Gottardo, così come della vicina Italia, poiché di anno in anno, prosegue Badaracco, «il turismo culturale si sta trasformando in un trend sempre più importante. D’altra parte, chi sceglie una destinazione, la sceglie anche per l’offerta culturale che concede: e Lugano, in questi termini, negli ultimi anni, ha fatto, a tutti gli effetti, dei passi avanti...».

Veniamo, quindi, a quanto avremo modo di gustare tra poco più di tre settimane al Lac: dal 21 al 25 aprile, i concerti in residenza dell’Orchestra Mozart (e dei suoi solisti impegnati in ambito cameristico) diretta da Bernard Haitink, con pagine di Mendelssohn, Schubert, Carter, Beethoven, Haydn e, inevitabilmente, Mozart. Appuntamenti, questi, spalmati su quattro giorni e assolutamente imperdibili, poiché saranno «le ultime occasioni in cui avremo modo di vedere all’opera il grande direttore d’orchestra olandese, da poco 90enne, che, subito dopo, ha deciso di prendersi quello che lui definisce “un periodo sabbatico”», precisa Reymond.


LuganoMusica
In programma dal 21 al 25 aprile i concerti dell'Orchestra Mozart.

Un altro momento clou della stagione 18-19 - dopo i Wiener Philharmoniker diretti da Michael Tilson Thomas lo scorso mese di gennaio - è indubbiamente il concerto dei Berliner Philharmoniker - che il 3 maggio torneranno a Lugano dopo 65 anni - diretti da Daniel Harding: in programma composizioni di Wagner, Berlioz e Debussy.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il direttore di LuganoMusica Etienne Reymond.


LuganoMusica
Il direttore di LuganoMusica Etienne Reymond.

Direttore, come coinvolgere maggiormente i giovani in questo tipo di eventi?

«Attraverso delle iniziative: insieme al Lac, ad esempio, vogliamo sviluppare un progetto attraverso i social. Inoltre, torno a sottolineare che per assistere ai concerti di LuganoMusica gli studenti possono avere i biglietti a 13 franchi. Non sono tanti, ma da quanto ho potuto appurare, purtroppo, finora, ne hanno fatto poco uso. Per cui, invito i ragazzi a sbrigarsi un po’... Non devono avere paura di lasciarsi trascinare... In questa musica c’è grande sentimento».

Per quale motivo, secondo lei, da parte loro c’è poco interesse?

«Perché è pressoché sparita la musica fatta a casa. Anche se l’esecuzione non è perfetta non importa. Ciò che invece è importante è il contatto diretto con le sette note, con gli strumenti… Proprio per questo ho voluto portare in Ticino il progetto Superar Suisse, il cui scopo è incoraggiare bambini e adolescenti alla musica, creando strutture per affiancare alla loro vita quotidiana lezioni di musica d’insieme, canto corale, orchestra e danza».

Prima di concludere… Con quali composizioni, secondo lei, i giovani potrebbero più facilmente introdursi alla musica classica?

«I ragazzi dovrebbero ascoltare la radio, Rsi Rete Due. Dal mio punto di vista è un modo meraviglioso per potersi avvicinare a questo mondo. È semplicissimo, basta un clic sull’iPhone».

Info: luganomusica.ch

 

 


 

LuganoMusica
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MELIDE
1 ora

Ecco i vincitori della Nuotata del Ponte Diga

Complice una giornata ottimale sono accorsi in 157 per la traversata da una sponda all'altra del Lago di Lugano

FOTO E VIDEO
MINUSIO
3 ore

Ancora un'auto in fiamme

È accaduto questa notte in via Frizzi. Nessuno avrebbe riportato ferite

FOTO E VIDEO
QUINTO
5 ore

Perde il controllo dell’auto e finisce nel cantiere: quattro feriti

L'incidente si è verificato sull’A2, in direzione sud. Sul posto anche un elicottero della Rega

VIDEO
MELIDE
5 ore

Tutto è pronto, o quasi, per la Nuotata del Ponte Diga

La manifestazione prevede la traversata da una sponda all’altra del Lago di Lugano e l’affiancamento durante il tragitto del famoso Ponte Diga

FOTO
SANT’ANTONINO
17 ore

Ecco cosa è rimasto dell’auto bruciata sulla “tirata”

Spente le fiamme, la carcassa è stata recuperata e portata via dalla carrozzeria di servizio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile