foto tio/20min
Un terreno abbandonato di 26mila metri quadri: a Manno, tra il Vedeggio e l'A2, c'è una città fantasma
+ 10
MANNO
01.04.19 - 09:100
Aggiornamento : 13:12

Dopo gli sfratti, il risultato è questo

Ventiseimila metri quadri abbandonati in via Violino. Le ditte mandate via dal Cantone: «Nessuno ci ha rimborsati»

MANNO - C'è una città-fantasma lungo il Vedeggio. Ventiseimila metri quadri di macerie, depositi di rifiuti ma anche ambienti ben conservati, ancorché vuoti e spettrali. Ex-uffici, officine, capannoni: sembra il set di un film horror o post-apocalittico. 

Alla luce del sole - Le famiglie a passeggio per via Violino e gli sportivi che fanno jogging sul fiume si lamentano e cambiano strada, pochi ricordano che dieci anni fa l'area compresa tra l'A2 e le ruggenti industrie di Manno ospitava un piccolo distretto: mezza dozzina tra aziende edili e artigiane, dove «lavoravano decine di persone». Oggi gli imprenditori sfrattati dal Cantone si sono trasferiti altrove, ma non sono contenti dello stato di cose.

Gli sfrattati si lamentano - «Ci hanno mandati via per niente, se questo è il risultato» protesta Nico Covacev della ditta Colam, trasferitasi a Bedano dopo trent'anni in via Violino. Anche Sandro Montemarano, carpentiere, ha dovuto lasciare la sede storica dove lavorava dal 1982: «Per noi è stato un cambiamento non da poco, e non abbiamo ricevuto indennizzi».

Eternit e depositi abusivi - Ad arroventare gli animi è il danno economico e ambientale: pneumatici abbandonati, cumuli di eternit sparsi qua e là, strutture cadenti (e in parte cadute) diventate ritrovo di writers. Poi c'è la beffa burocratica. Dopo avere espropriato l'area nel 2009 il Cantone ha stanziato un credito milionario per realizzarvi un bacino idrico artificiale; ma i finanziamenti non sono mai arrivati e gli ex-proprietari – una società luganese – sono aditi alle vie legali. «Tutto è fermo da dieci anni, nel frattempo abbiamo perso le rendite degli affitti e non abbiamo ricevuto un soldo dallo Stato. Il terreno non è più nostro, né la responsabilità per il degrado che si è creato» assicurano questi ultimi. 

Ping-pong di responsabilità - Di chi è la colpa allora? Da noi contattato, il Dipartimento del territorio rimbalza al Comune di Manno. Qui rinviano ad un “Consorzio per la manutenzione degli argini del Vedeggio” e a un numero di telefono, che però suona a vuoto per giorni. La sede è ad Agno ma «un ufficio vero e proprio fisicamente non esiste» spiegano in Municipio. Sulla carta a dirigere l'ente sarebbe un dentista di Agno. Raggiunto al telefono, ha preferito non commentare.

foto tio/20min
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
1 ora

Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale

Il giovane era in sella alla sua bici quando, nel tentativo di evitare l'impatto con un'auto, vi è finito sotto riportando un trauma cranico

VIDEO
CANTONE
1 ora

Guido salvato da un infarto. Un video spiega come

La Fondazione Ticino Cuore ha realizzato un cortometraggio per mostrare come avviene la presa a carico di un paziente. Dalle prime manovre rianimatorie fino alle cure al Cardiocentro

CANTONE
4 ore

Sondaggio interno pilotato, Sunrise conferma

Un legale dell’azienda ammette l’irregolarità in uno shop ticinese. Dove il gerente avrebbe fatto pressioni sui dipendenti durante la compilazione, in teoria anonima, dell’indagine interna

VIDEO
CANTONE
4 ore

Controlli misti lungo il confine

Si occuperanno in particolare del traffico pesante e di interventi di primo soccorso in caso di incidenti stradali

BELLINZONA
5 ore

Il preasilo di Gnosca resta chiuso: «La struttura è pericolosa»

La soletta del pavimento della sala parrocchiale dove sono accolti i bambini non sarebbe conforme. L'Ufficio tecnico oggi verificherà la situazione

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile