TiPress
Nuova vita per i castelli di Bellinzona.
+ 12
BELLINZONA
28.03.19 - 15:270
Aggiornamento : 17:41

Nuova vita per i castelli che diventano Fortezza

Il progetto per rilanciare il sito patrimonio dell'Unesco prevede un investimento di 7-9 milioni di franchi entro il 2024

BELLINZONA - Dai 7 ai 9 milioni di franchi per dare una nuova vita e valorizzare definitivamente i tre castelli di Bellinzona entro il 2024. Il progetto -  avviato nel 2016 e fortemente voluto dalla Città (con il sostegno di Cantone, OTR e ERS) - entra ora nel vivo. «L'obiettivo - spiega Denise Tonella, la curatrice del Landesmuseum di Zurigo, che nella Capitale ha avuto il ruolo di esperta esterna - è quello di  procedere al rifacimento completo dell’offerta storico-divulgativa presso tutti gli elementi che compongono la “Fortezza di Bellinzona”».

Fortezza, appunto. Perché i castelli non vanno più visti come strutture separate. Ma bensì come una cosa unica e indivisibile. «Il Patrimonio Unesco presente a Bellinzona va considerato nel suo insieme: castelli, murata e cinte murarie». Ma non solo. Perché ogni castello va sfruttato al meglio grazie alle proprie peculiarità. «Devono raccontare la storia della città e del nostro Paese. Castelgrande è ideale per esposizioni. Montebello si presta ad offerte rivolte alle famiglie per mettere in evidenza la vita medievale. Infine Sasso Corbaro è da valorizzare per la sua posizione che domina la città».

Ma come fare tutto questo? Prova a spiegarlo Patrick Cotting, professore universitario con esperienza nella valorizzazione di monumenti Unesco. «È fondamentale un nuovo posizionamento strategico e una nuova governance per la gestione integrata della Fortezza e delle sue offerte ai visitatori». Sì perché la "Fortezza" mira a diventare un'eccellenza del turismo svizzero e un punto di riferimento sul piano della divulgazione storico-culturale. 

Il progetto contempla pure obiettivi paralleli, che avranno tempi di sviluppo e attuazione contemporanei al progetto principale, come un nuovo Visitor Center e InfoShop nel centro storico, una nuova accoglienza a Montebello, una nuova illuminazione della Fortezza, una nuova segnaletica turistico-culturale e una valorizzazione del comparto Piazza Indipendenza e mura. «Per l’attuazione del progetto si mira a giungere con la richiesta dei crediti di realizzazione entro metà 2020 e ultimare la fase realizzativa entro il 2024».

TiPress
Guarda tutte le 15 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
17 min

«Noi costrette a fare due, tre lavori per tirare a campare»

In Svizzera sono un esercito quelli del multi-impiego. Per lo più donne, due di esse si raccontano. E il sindacalista spiega: «Servono salari minimi degni e limitazioni al lavoro su chiamata»

FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore

Fiamme a Pregassona

A prendere fuoco è stato il food truck in via Ceresio 46

BERNA/CANTONE
3 ore

«Piaccia o no, ma dietro la mela c’è la nostra sovranità minacciata»

Dal manifesto con il simbolo elvetico attaccato dai vermi, alla distanza dai consumatori e dalle politiche ambientali, il presidente dell’Udc Piero Marchesi replica a tutto campo

FOTO E VIDEO
LUGANO / AROGNO
12 ore

Il vento fa strage d'alberi al Parco di Pian Casoro

La zona tra Barbengo e Figino è stata interessata da un violento nubifragio in serata. Una ventina di piante è caduta e si registrano pure allagamenti e la chiusura di alcune strade

LUGANO
14 ore

Spunta l'offerta di lavoro da 12mila franchi per una «Hostess seducente»

Lo sfogo di una candidata: «Il parametro più importante? Devi essere una prostituta»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile