TiPress
Nuova vita per i castelli di Bellinzona.
+12
BELLINZONA
28.03.19 - 15:270
Aggiornamento : 17:41

Nuova vita per i castelli che diventano Fortezza

Il progetto per rilanciare il sito patrimonio dell'Unesco prevede un investimento di 7-9 milioni di franchi entro il 2024

BELLINZONA - Dai 7 ai 9 milioni di franchi per dare una nuova vita e valorizzare definitivamente i tre castelli di Bellinzona entro il 2024. Il progetto -  avviato nel 2016 e fortemente voluto dalla Città (con il sostegno di Cantone, OTR e ERS) - entra ora nel vivo. «L'obiettivo - spiega Denise Tonella, la curatrice del Landesmuseum di Zurigo, che nella Capitale ha avuto il ruolo di esperta esterna - è quello di  procedere al rifacimento completo dell’offerta storico-divulgativa presso tutti gli elementi che compongono la “Fortezza di Bellinzona”».

Fortezza, appunto. Perché i castelli non vanno più visti come strutture separate. Ma bensì come una cosa unica e indivisibile. «Il Patrimonio Unesco presente a Bellinzona va considerato nel suo insieme: castelli, murata e cinte murarie». Ma non solo. Perché ogni castello va sfruttato al meglio grazie alle proprie peculiarità. «Devono raccontare la storia della città e del nostro Paese. Castelgrande è ideale per esposizioni. Montebello si presta ad offerte rivolte alle famiglie per mettere in evidenza la vita medievale. Infine Sasso Corbaro è da valorizzare per la sua posizione che domina la città».

Ma come fare tutto questo? Prova a spiegarlo Patrick Cotting, professore universitario con esperienza nella valorizzazione di monumenti Unesco. «È fondamentale un nuovo posizionamento strategico e una nuova governance per la gestione integrata della Fortezza e delle sue offerte ai visitatori». Sì perché la "Fortezza" mira a diventare un'eccellenza del turismo svizzero e un punto di riferimento sul piano della divulgazione storico-culturale. 

Il progetto contempla pure obiettivi paralleli, che avranno tempi di sviluppo e attuazione contemporanei al progetto principale, come un nuovo Visitor Center e InfoShop nel centro storico, una nuova accoglienza a Montebello, una nuova illuminazione della Fortezza, una nuova segnaletica turistico-culturale e una valorizzazione del comparto Piazza Indipendenza e mura. «Per l’attuazione del progetto si mira a giungere con la richiesta dei crediti di realizzazione entro metà 2020 e ultimare la fase realizzativa entro il 2024».

TiPress
Guarda tutte le 15 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
AGNO
1 ora
«Ragazzi che cercano problemi», aggredito il rapper Daytona KK
Dalla vita reale a Instagram, passando dalla zona del Luna Park. Da una parte spavalderia, dall'altra derisione.
CANTONE
4 ore
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
BELLINZONA
5 ore
Girava con l'erba, bloccato dagli agenti
La polizia ferma un uomo in Viale Stazione. Interrogatorio davanti a decine di presenti.
BISSONE
10 ore
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
10 ore
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
12 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
15 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
21 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
23 ore
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
CANTONE
23 ore
«Per battere il Covid, un treno ogni 15 minuti»
L'associazione dei passeggeri Astuti fa una serie di proposte alle FFS. «In Ticino si può osare di più»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile