Tipress
Lisa Bosia in missione umanitaria a Berkasovo (Serbia)
CANTONE
20.02.19 - 07:010
Aggiornamento : 11:08

«Alloggi fatiscenti, pasti scadenti: Argo fu la punta dell'iceberg»

La deputata Lisa Bosia Mirra mostra il lato oscuro della gestione migranti e sull'abbandono della politica dice: «Nessun rimpianto, una delle mie peggiori esperienze»

BELLINZONA - Tutti gli occhi puntati su Argo e poca voglia di porre rimedio alle magagne del “sistema asilo”. È questa la chiave di lettura che si ricava da alcuni recenti post su Facebook della deputata Lisa Bosia Mirra (Ps): «Quando lavoravo per Soccorso Operaio ero tenuta a segnalare all’Ussi (Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento) ciò che verificavo durante le visite nelle pensioni...». E ancora, «sono a disposizione - scriveva nel 2014 a Claudio Blotti, allora capo della Divisione sociale - per un incontro in cui posso tranquillamente dettagliare e denunciare un numero straordinario di abusi...».

Mai, mai una volta, scrive lei, sue segnalazioni siano state considerate. Che abusi venivano tollerati?

«Potremmo iniziare dalle pensioni e dagli alloggi che erano spesso inadeguati per accogliere le famiglie. Allora ci occupavamo principalmente di genitori con bambini piccoli - risponde Lisa Bosia Mirra -. I tentativi portare l’aiuto di un pediatra o di volontari venivano regolarmente disattesi. I pasti forniti erano inoltre spesso di qualità scadente. Argo è stata la punta dell'iceberg. Tutto ciò veniva settimanalmente segnato all’Ussi e da parte loro ignorato».

Con alloggi inadeguati cosa intende?

«Inadeguati per tipologia e struttura. Perché erano fatiscenti. Erano chiaramente alloggi non più utilizzati per il turismo, e ciò è anche comprensibile. Meno accettabile invece era il fatto che chi, non tutti, ma troppi, gestiva queste pensioni faceva un’ampia cresta su quello che il Cantone versava. Tutto ciò veniva segnalato da noi, ma nulla cambiava».

Le sue critiche sono però rivolte anche ai funzionari...

«Ricordo progetti, ad esempio, per l’inserimento di utenti presso laboratori protetti portati avanti con l’accordo dell’Ussi e poi naufragati in dirittura d’arrivo per mancanza del loro assenso. Sa qual era l’ottica?».

Quale?

«Quella del risparmio a tutti i costi, senza tenere conto delle ricadute sull’utente che non ha mezzi per muoversi, non conosce la lingua, ...».

Quali, invece, le responsabilità del vertice dipartimentale?

«Rilevo solo che investire risorse nei richiedenti l’asilo era politicamente poco pagante. Non lo si è voluto fare con tutte le conseguenze che si sono viste»

Dopo Argo, non fosse altro come scossa, la situazione oggi è migliorata?

«Ci sono ancora aspetti in chiaroscuro. L’impressione resta quella che alcuni compiti - allora in forma eclatante - siano stati affidati a persone senza alcuna competenza specifica. Non è elegante far nomi, ma ricordo operatori sociali improvvisati ma comunque chiamati a determinare la vita delle persone. Spostandole come pacchi. Più in generale ho notato questa tendenza a mettere in posizione di potere persone senza competenze adeguate per gestire delle questioni sociali».

Le sue critiche sono focalizzate sul “sistema pensioni”. Perché?

«Perché c’è anche una responsabilità del Cantone. Un’urgenza dura un anno, due. Al terzo non è più un’urgenza e il Dipartimento di Beltraminelli non è stato in grado di pensare a una soluzione a lungo termine per una gestione efficace. Era evidente che il “sistema pensioni” generava costi che andavano oltre il forfait versato dalla Confederazione».

Dopodiché bisogna considerare anche l’ostruzionismo di molti comuni nell’accogliere i migranti…

«C’è anche questo, ma non dimentichiamo che su questo ostruzionismo qualcuno ci ha guadagnato. In realtà i richiedenti l’asilo non creano problemi. Il deputato Germano Mattei di Montagna Viva ricorda come molto positiva l’esperienza di Peccia».

Peccia non è Riace...

«Ma in fondo erano partiti così anche nel comune calabrese. In un paese che si stava spopolando hanno deciso di fare della buona accoglienza. Riace dimostra che dove si investe con questo obiettivo si ottengono risultati. Con ricadute positive anche sulle persone del luogo».

Chiudiamo con uno sguardo al futuro e uno al passato. Ad aprile si chiude la sua esperienza politica. Che ricordo porterà con sé?

«Nessun rimpianto, è stata una delle peggiori esperienze della mia vita. Un bagno in una realtà triste che mi ha molto disillusa su ciò che la politica può realizzare. Continuo invece a credere nell’impegno civile a favore del benessere di tutti».

7 mesi fa Non c’è “speranza” per Lisa Bosia Mirra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore

«Trattamenti da ambulatorio africano e nessuna privacy»

Nuova stilettata dell'avvocato Tuto Rossi contro il medico del traffico Mariangela De Cesare

CANTONE
9 ore

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
10 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
11 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
13 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
13 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
15 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

LUGANO
18 ore

L'impresa di Nicole: campionessa del mondo a 50 anni

Trionfo di una ticinese ai Mondiali Master di judo in Marocco: «Che emozione il salmo svizzero per me»

LUGANO
18 ore

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

FOTO E VIDEO
LUGANO
21 ore

Auto in fiamme nella notte

La vettura è andata completamente distrutta nei pressi della pompa di benzina di Pazzallo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile