CANTONE
04.02.19 - 07:450
Aggiornamento : 12.02.19 - 10:14

Obbligati a stare in mensa a 4 anni: «Così ci sequestrano i bimbi»

La battaglia di un genitore si incrocia col malcontento dei docenti di scuola dell’infanzia. In oltre 300 scrivono al Decs. Si alza il coro: «Niente costrizioni per i più piccoli»

BELLINZONA – C’è maretta attorno all’obbligo, per i bambini dai 4 anni in su, di mangiare alla mensa della scuola dell’infanzia. Lo si intuisce dalla lettera firmata da ben 312 maestre d’asilo, circa il 60% di quelle attive in Ticino, e recapitata lo scorso novembre al Governo. Il tempo del pranzo, a detta delle docenti, sarebbe stressante e poco retribuito. In contemporanea, c’è un genitore, E. F., residente nel Luganese, che sta portando avanti una singolare battaglia. «Voglio fare saltare l’obbligo per i bambini di 4 anni di stare all’asilo a pranzo e al pomeriggio. È assurdo che lo Stato ci imponga una cosa simile».

Il paradosso – La questione è piuttosto sorprendente, viste le crescenti aspettative che ormai da anni le famiglie ripongono (anche ingiustificatamente) nella scuola. Stavolta è un po’ come se accadesse il contrario. Paradossale? Il concordato Harmos, che sigla le direttive della scuola dell’obbligo in Svizzera, stabilisce che la scolarità obbligatoria debba iniziare all’età di 4 anni. «Ma il nostro – sostiene E.F. – è l’unico Cantone che “abusa” di questa direttiva, obbligando i bambini di quell’età a stare anche a pranzo e al pomeriggio. Negli altri Cantoni, l’obbligo si limita alla mattinata».

Un’imposizione che fa discutere – E.F., ormai da diverse settimane, sta sondando il terreno, cercando adesioni un po’ ovunque per portare avanti la sua causa. «Forse arriveremo a una raccolta firme. Di certo qualcosa si farà. Perché questa imposizione non funziona. È giusto che le famiglie che ne hanno bisogno possano lasciare il bambino all’asilo già a quell’età. Ma non deve e non può esserci un obbligo. Altrimenti siamo ai limiti del sequestro. L’obbligatorietà a tempo pieno dovrebbe esserci solo per l’ultimo anno di asilo. Cosa facciamo figli a fare se poi le autorità ci costringono a piazzarli a scuola per la maggior parte del tempo? Ho parlato con diversi genitori. In molti la pensano come me»      

Malumore – Intanto, le maestre di scuola dell’infanzia si sentono sempre più sminuite. «Già solo per il fatto che il tempo in mensa è pagato meno della metà rispetto a quello del resto delle lezioni – evidenzia una firmataria, che per ovvie ragioni vuole restare anonima –. Il Cantone dice che i bambini di 4 anni devono restare in mensa perché quello è un momento educativo. Ma allora, se è un momento educativo, perché non viene retribuito come tale?»

Quella per le maestre non è una vera pausa pranzo – Non è solo una questione di soldi. La pausa pranzo nelle scuole dell’infanzia non è una vera pausa per le maestre. Anzi. È il contrario. «È il momento in cui i bambini si sentono più liberi e si sfogano anche – riprende la nostra interlocutrice –. Siamo costantemente sollecitate. Di conseguenza è come se lavorassimo per oltre 7 ore filate, senza pausa, quando per legge non si potrebbe lavorare oltre le 5 ore consecutive. Il Cantone ci ha ribadito che non possono mettere sorveglianti al nostro posto, perché quello è un momento educativo. L’educazione alimentare, però, può essere fatta anche durante le lezioni. La mensa è semplicemente un servizio che giustamente offriamo alle famiglie che ne hanno bisogno. E come tale dovrebbe restare opzionale, soprattutto per i più piccoli».

La sorpresa del Decs – Manuele Bertoli, direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) è naturalmente a conoscenza della questione. Lo scorso 14 gennaio ha addirittura ricevuto alcune rappresentanti di questa piccola rivolta. Il consigliere di Stato non sembra, tuttavia, intenzionato a cambiare rotta. «Da decenni – fa notare – la refezione alla scuola dell’infanzia rientra nelle attività educative. Per cui queste rivendicazioni mi hanno parecchio sorpreso».

In tanti chiedono altro – In particolare Bertoli fa riferimento all’altra faccia della medaglia. Sempre più famiglie chiedono ai Comuni e allo Stato un servizio mensa per i propri figli. «Quanto mi è stato sottoposto si scontra con altre visioni diametralmente opposte e fondate piuttosto sulla necessità di garantire la refezione, ma concepita come servizio e non come momento educativo privilegiato. Mi pare che il concetto in vigore da molto tempo nella nostra scuola dell’infanzia, che vede nel pranzo in comune tra bambini e insegnante un’occasione educativa importante, sia quello più adeguato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora

Il PS contro Plein: «Il borioso modaiolo si rassegni, la legge vale anche per lui»

Non sono piaciute ai socialisti le battutine dello stilista tedesco sul mondo del lavoro svizzero: «Si è preso gioco del Ticino»

LUGANO
3 ore

Ordina prodotto per suicidarsi: la famiglia se la prende con le dogane

Nell’era in cui una 17enne grigionese finisce in tribunale per avere acquistato un coltellino “proibito” su Wish, ecco invece cosa riesce a fare un giovane ticinese

SONDAGGIO
CANTONE
5 ore

Col treno per Malpensa, sui bus c'è qualche passeggero in meno

Dallo scorso 9 giugno il collegamento ferroviario dal Ticino non prevede il cambio a Mendrisio. Ma per ora nel trasporto su gomma si osserva solo un leggero calo della richiesta

MINUSIO
7 ore

«Abbiamo visto un corpo galleggiare, ci siamo tuffate»

Sono state due 26enni le prime a soccorrere la donna, ora in ospedale, che ieri sera ha rischiato l'annegamento nel Verbano

FOTO E VIDEO
MINUSIO
15 ore

Rischia di annegare nel Verbano, donna in ospedale

È accaduto attorno alle 21 in via alla Riva. La dinamica dei fatti non è al momento nota

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile