LUGANO
13.12.18 - 07:040
Aggiornamento : 11:01

Bambini presi a schiaffi: «Genitori unici responsabili»

Mamma, papà, contate fino a dieci prima di picchiare vostro figlio. La sessuologa Kathya Bonatti attacca la campagna di Protezione dell’infanzia Svizzera. Intanto in tutto il Paese scatta l’allarme

LUGANO – «Non si può responsabilizzare i bambini in questo modo». La sessuologa Kathya Bonatti attacca la campagna “Idee di bambini forti per genitori forti: c’è sempre un’alternativa alla violenza”, promossa in tutto il Paese dalla fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera. L’obiettivo è quello di ridurre un fenomeno allarmante, quello della violenza sui minori. Secondo uno studio dell’Università di Friborgo, infatti, la metà dei genitori svizzeri ricorre alla violenza fisica nel compiere il proprio ruolo educativo. Un quarto, invece, fa leva regolarmente sulla violenza psicologica. «Ma non sono i bambini a doversi dare una mossa – precisa la sessuologa –. Tocca agli adulti fare certe riflessioni».  


L’esortazione – “Dai mamma, dai papà, contate fino a dieci…” Una delle immagini sui cartelloni, tanto per fare un esempio, evidenzia una bambina che esorta il papà “ad andare un attimo fuori”. Idea firmata da Emma, 6 anni. I coordinatori di Protezione dell’infanzia Svizzera hanno evidenziato come la campagna, oltre che alle cifre trapelate dallo studio accademico, si sia ispirata proprio alle idee di bambini interpellati sul fenomeno.

Un pensiero da sradicare – «Troppi genitori – sostiene Xenia Schlegel, direttrice della fondazione – alzano le mani sui bambini e nemmeno se ne rendono conto. Pensano che quella non sia violenza, o che quell’atteggiamento sia un loro diritto acquisito in quanto genitori. Si tende a dire che qualche schiaffo non fa male a nessuno. Finora la politica non è mai riuscita a sradicare definitivamente questo pensiero. Ci proviamo noi».  

Sensi di colpa – Bonatti non è d’accordo. E ribatte. «I bambini sono vittime. Non spetta a loro trovare soluzioni. Nella campagna si fa riferimento ai bambini forti. Chi è terrorizzato e non riesce a reagire, allora cosa deve fare per fermare il padre violento? Si deve sentire anche colpevole perché non è abbastanza forte come recita lo slogan? Mi sembra una campagna che può fare di tutto tranne che proteggere l’infanzia».

Il fenomeno silenzioso – «Noi non abbiamo mai detto che la responsabilità deve essere dei bambini – tuona Schlegel –. Abbiamo semplicemente preso le idee dei bambini per dare spunti ai genitori. Il vero problema è che questo è un fenomeno silenzioso. Molte mamme e molti papà non sono consapevoli di essere violenti coi figli. I bambini più colpiti sono quelli tra gli zero e i sei anni di età. Bambini che, poi, col tempo potrebbero avere grosse ripercussioni sul carattere a causa di questi episodi».

La violenza per risolvere i conflitti – L’invito spontaneo rivolto ai genitori è dunque quello di riflettere (o di, appunto, uscire a farsi un giro) prima di usare qualsiasi forma di violenza sul figlio. «Gli studi – prosegue Schlegel – dimostrano che da uno schiaffo i bambini non imparano nulla. Se non che si possono risolvere i conflitti con la violenza».

 

Commenti
 
siska 8 mesi fa su tio
Chiaro, é molto più facile dare della stupida a qualcuno.. mi dispiace ma anch'io mi sono sentita offesa da lei. Frasi sconclusionate? Ho risposto semplicemente alle sue gentilezze.
beta 8 mesi fa su tio
@siska Rileggiti, ben bene, e vedrai che il vecchio, con tutti i ... contorni che mi hai messo,, ti ha solo risposto, vedi 2 giorni fà, a una tua affermazione riguardo gli schiaffi. In NESSUN modo ti ho dato della stupida o offesa . Mai , In nessun modo, mi sono mai sentito superiore; anzi mi sono sempre posto in modo da poter ulteriormente IMPARARE . Comunque , in questo caso, meglio dimenticare e chiudere ogni ulteriore commento . Saluti.
aquila bianca 8 mesi fa su tio
@beta Sei un Gran Signore, caro beta….* E la signorilità, non la si può comprare…. ;xD È inutile andare oltre, tanto fa e disfa tutto da sola… ;o) Buona giornata, ciaooooooooooooo ;-***
siska 8 mesi fa su tio
Sig. beta certo che lei rappresenta il classico che si crede sempre e comunque nella ragione ma guardi che pure lei é sceso a bassi livelli al pari del mio ma lei ha 70 anni!!! ..quindi credersi perché si ha lavorato in certi posti, si ha conosciuto tante persone tutte fuori di cozza come dice lei e se per avere 70 anni vuol dire sentirsi superiore a me o ad altri ma su si faccia una riflessione. Credo che anche lei in fatto di arroganza e supponenza non sia poi così a corto poi non cerchi di farsi lo spallone da altri solo perché vuole avere ragione su tutto e su tutti. Lei continua a dirsi a se stesso che vuole chiudere il caso ma lo chiuda una volta per sempre ma per se stesso non per me.
Tato50 8 mesi fa su tio
Ed ora, Signore e Signori; "siska" e "beta", canteranno per voi : VOGLIAMOCI TANTO BENEEEEEEEE ;-)))))))
beta 8 mesi fa su tio
@Tato50 Ciao Tato, sai che nella mia " vita " lavorativa, di gente, ne ho visti e sopratutto sentite di tutti i colori. Pensavo di aver visto anche il peggio, leggi arroganza , strafottenza e maleducazione , ma risposte sconclusionate come quelle di quella " tipa " non pensavo che ne avrei avute. E pensare che ho avuto a che fare con gente che a volte andava sopra le righe o pensava di saperne una pagina in più del ... libro e nella stragrande parte dei casi chiedeva scusa o passava l'acqua ... bassa . Comunque ho capito che la stupidita " umana " non é possibile misurarla o quantificarla . Per mè , caso chiuso ! Sarà, fin che me ne resta il tempo, piacere colloquiare con gente che , non faccio nomi, ma ci legge sicuramente. Buona serata ( senza... cantanti ) .
Tato50 8 mesi fa su tio
@beta Ciao "beta"; non entro nel merito della diatriba perché la cosa non mi concerne, anche se a dir la verità sono rimasto un po' basito da certe affermazioni che non fanno altro che alimentarne in contenuto. Tu sai chi sono, come mi esprimo, anch'io a volte "sclero" ma poi mi rendo conto che non ne vale la pena. Già la vita mi ha "regalato" tanto e non è quindi mia intenzione aggiungergli altro e cercare di viverla il più serenamente possibile non sapendo cosa sarà il domani. Certo che certe discussioni animate che poi degenerano un pochino una volta, parlo di almeno 10 anni fa, erano all'ordine del giorno ma poi tutto finiva li e si continuava fino alla prossima. Poi quando conoscevi la persona fisicamente ti rendevi conto che era molto diversa dal "virtuale". Ciaooo, una buona giornata a te e A.......
siska 8 mesi fa su tio
Bé certo si evince che dare schiaffi é un piacere anzi oserei andare oltre ma mi fermo. È certo che chi da schiaffi vuol dire che ne ha presi di schiaffoni vero sciur beta? Non la invidio propio.
Cleofe 8 mesi fa su tio
@siska siska...si scrive propRio ! impara !
beta 8 mesi fa su tio
@siska Io, al contrario di te, li ho ricevuti, assieme a tanto amore e PRESENZA e me li sono tutti meritati . Non sono morto e a oltre settanta anni mi trovo bene anche con chi da 50 anni mi ... sopporta . A te, probabilmente , visto come ti porgi , ti saranno mancati gli schiaffi e qualche pedata nel sedere . Risparmiati che ci guadagni in salute . Saluti .
beta 8 mesi fa su tio
@beta .... e senza nessun psichiatra .
siska 8 mesi fa su tio
@beta Ti ta sumeiat al ciciarùn da brasèra. A 70 anni non hai ancora imparato a stare al tuo posto quindi non ti puoi aspettare che altri stiano al suo posto ci sarà sempre qualcuno che ti risponde picche. Io la salute me la preservo comunque a prescindere quindi non ti preoccupare e da te sicuramente non vorrò mai imparare nulla. Sei anche molto cattivello d'animo leggendo il tuo post, fai parte di quella schiera di pensionati che vedo in giro che a ga daresi dumà tanti pesciaat in dal cüüü. Saluti e grazie comunque.
beta 8 mesi fa su tio
@siska Rileggiti e vedrai che la chiacchierona la trovi in casa tua senza dover andare in giro a cercare . Saluti e vedo che mi confermi che non é mai troppo tardi per prendere schiaffi .Mah ; a volte puoi andare per suonare e invece sei suonato . Fine della .... commedia .
siska 8 mesi fa su tio
@beta Allora tu non sai cosa vuol dire prenderle sul serio e tu rappresenti l'immagine di quello da prendere a schiaffoni, non é mai troppo tardi per imparare la creanza anche ricevendo uno schiaffone da vecchi. Imparari la creanza con il tempo che le avanza se lo ricordi per sempre fin che campa signor beta ocho!
siska 8 mesi fa su tio
@beta No fine della commedia lo dico io a me stessa e non lei, ha compreso il messaggio?? Guardi che io non chiacchiero c'é mio figlio che ha letto e riletto tutti i vostri post verso di me, mi ha detto solo una cosa di uscire e di lasciare perdere questo tipo di blog che é pieno di zecche. E mio figlio che é un uomo in ordine si limita a dire questo per non andare oltre.
F.Netri 8 mesi fa su tio
@siska Dai retta a tuo figlio! L'umanità te ne sarà grata.
pillola rossa 8 mesi fa su tio
@siska Cara siska, caso mai decidessi di lasciare il blog questo è il mio contatto: rossapillola@gmail.com Mi dispiacerebbe non leggerti più.
siska 8 mesi fa su tio
@pillola rossa Ciao pillola rossa sei molto cara/o certo che ti contatterò con molto piacere così prenderai nota della mia e-mail. A presto:))
siska 8 mesi fa su tio
@F.Netri E tu sig. F.Netri daresti un'enorme contributo all'umanità se imparassi a startene al tuo posto senza dare in pasto all'umanità i tuoi "cortissimi" post in senso di poche parole, ma penosi.
siska 8 mesi fa su tio
@F.Netri Oltrettutto mi permetto di renderti nota che fin'ora non ho visto nessun contributo all'umanità nei tuoi post. Io al contrario di te offro nel mio piccolo offro tutti i giorni e notti un contributo alla mia famiglia e sono 10 anni che contribuisco a dare un risparmio enorme alla società. Soprattutto non ho mai fatto del male a nessuno malgrado il mio lessico alquanto discutibili siano andati giù male..mi difendo come farebbero altri. Sono felice di avere un figlio che mi ama e devo darti atto che meglio non diventare una zecca...le zecche ci sono quasi riuscite a farmi diventare una zecca (non quelle rosse).
aquila bianca 8 mesi fa su tio
@F.Netri Clap Clap …… !!! Ocho…. Ocho….. Che tra un po', si mette in moto anche il Tribunale Federale….. hahahahahahaha…… ;o) Buona giornata Netri :))))))))))))))))))))
siska 8 mesi fa su tio
@aquila bianca Se hai un briciolo di buon senso non dovresti porre fine a questa tua sceneggiata da baraccone? Perlomeno daresti buon cibo a te stessa. Vuoi continuare fai pure. Da sola non avresti comunque nessun valore umano hai sempre bisogno della spalla di qualcuno... é questa la grandissima differenza tra me e te. Ti piace accanirti verso qualcuno forse per tuoi personali xxxx motivi elemosinando l'aiuto (che l'ottieni comunque) di altri che nulla vi entrano nel teatro grottesco che stai mettendo in piedi. Ciao colta signora.
beta 8 mesi fa su tio
@siska .......Allora tu non sai cosa vuol dire prenderle sul serio e tu rappresenti l'immagine di quello da prendere a schiaffoni,..... Dai ascolto a tuo figlio che se vero quello che ti ha detto ti ha dato un OTTIMO consiglio . Fine del teatro !
siska 8 mesi fa su tio
@beta No beta fine del teatro lo dico io a me stessa e non lei lo dice a me ha compreso il messaggio. di sicuro non ci penserei due a menare anche un vecchio signore che si perde a litigare con una donna e persona molto più giovane. I pensionati da ciapai a pesciaat in dal cüü a iè propi fai cuma lù che a la mia a ammò capiit che sa ciapai anca da vecch e sgarbéll. Fine del teatro lo dico a me stessa se lo ricordi probabilmente non ha mai conosciuto persone che le hanno fatto mangiare la scarpa.
siska 8 mesi fa su tio
@beta Se le hai prese potresti continuare a prenderle anche da vecchio e spero che ti capiti quello che ti gonfia la faccia e ti rifà il maquillage a suon di ceffoni te lo auguro infinitamente di trovare quello giusto e lo troverai dalle tue parti ne sono convinta.
siska 8 mesi fa su tio
@beta No io ho uno psichiatra parente prossimo e se anche avessi avuto bisogno di uno psichiatra non me ne vergognerei di sicuro anche perché tanti avrebbero bisogno dello psichiatra ma per molte persone il tempo é scaduto.
siska 8 mesi fa su tio
@beta Ocho!
siska 8 mesi fa su tio
@siska Un piccolo aneddoto che riguarda un mio familiare che un paio d'anni fa a riempito di schiaffoni fino a gonfiarlo propio a uno che non ha perso tempo..ma gliene ha dati 4 ben assestati e se li é portati a casa ma bello gonfio. Ecco in questi casi uno schiaffone ad un adulto che si comporta male ci stanno.
siska 8 mesi fa su tio
@siska Di ceffoni ne darei a tanti specialmente gente che arriva alla pensione la oltrepassa ma non é mai cambiato nulla. No io non le suono e non sono abituata a suonarle semmai ci penserebbe qualcuno a suonare al vecho di turno.. ma da chi perderebbe il neurone se solo.....
aquila bianca 8 mesi fa su tio
@Cleofe Si definisce la paladina della giustizia contro la violenza, ma istigherebbe suo figlio di 30 anni, a mettere le mani addosso a un uomo di 70, gonfiandolo di botte, sempre e solo per divergenze d'opinione……. Qui, qualcosa non torna…. ;O) Che strano però, io sarei la sola che dovrei incontrarla per guardarla negli occhi….. ?? Ha litigato con un terzo dei blogger, ma vuole solo ME.…. hahahahaha……. nem tüc insema, pö vedum se la micacia ammò i pensionà… (ocho….ocho….)…… che la riva con scià tüta la family, come i Casamonica… ;o) È fulminata…. ;-)))) Saluti Cleofe…. :))))))))))))))) p.s. mì la caura, la mà pias in bogia … mmmmmmhhhhh ;o)
aquila bianca 8 mesi fa su tio
@aquila bianca * minacia…. mia micacia…. errata corrige :))))
siska 8 mesi fa su tio
@aquila bianca No io non ho istigato mio figlio a fare nulla e fai attenzione a come dichiari le cose in pubblico se no chiamo la redazione e faccio i miei passi. Mio figlio mi ha detto solo una cosa che é meglio che io esca da questo blog che é pieno di zecche (per fortuna poche ma quelle poche sono abbastanza) nulla di più, lui é una persona educata e pacifica. Ma c'é qualcuno vicino a me che non sopporterebbe che qualcuno mi aggredisca tutto qua. Quella che mi interessa se tu parli troppo e dici troppo di tutto.
siska 8 mesi fa su tio
@siska Oltretutto io ho scritto alla redazione, punto 2° non toccare mai più la mia famiglia, tocca me che ti piace ma non permetterti più di nominare la persona di mio figlio.
beta 8 mesi fa su tio
Leggendo certi commenti , si deduce che certi elementi , di schiaffi, ne hanno presi troppo pochi .
Laura LR 8 mesi fa su fb
No alla violenza sul bambino
Laura LR 8 mesi fa su fb
https://www.facebook.com/stoparp/
Maria Lurati 8 mesi fa su fb
Maddiona ci sono modi e modi .
Leila Blu 8 mesi fa su fb
un gran applauso ai quei genitori che sono stati capaci di tirare su i figli EDUCATI ma senza schiaffi!
Lucio Macagnino 8 mesi fa su fb
Se si vogliono dei figli bisogna armarsi di pazienza e impegnarsi a fare i genitori insegnando educazione e buone maniere. Vedo genitori senza pazienza, che fanno fare ai figli ciò che gli pare senza seguirli minimamente e facendoli diventare dei viziati maleducati. Chiusa questa parentesi sono contro alle botte da orbi senza senso o per cazzate ma quando ci vuole uno scanasone sul muso fà solo bene! Detto da uno che di botte ne ha prese e perfortuna le ho prese, se no chissà dov' ero adesso. Grazie Mamma e Papà!
Encarnita Bivona 8 mesi fa su fb
Lucio Macagnino sei un tesoro ?
Gianluca C Segreto 8 mesi fa su fb
Ma perchè io invece ringrazio mio padre e mia madre per i ceffoni presi?? evviva la classica sana sberla...sindeve cresce col bastone e la carota...
Valerie Domeniconi Bontà 8 mesi fa su fb
Non bisogna confondere le cose tra violenza pure maltrattamenti e la sculacciata che ogni tanto ci puó e capita!!! X una sculacciata non è mai morto nessuno ?
siska 8 mesi fa su tio
Anzi a volte é molto meglio uno psichiatra perché riesce a scavare (quello che tu in fondo sai già perfettamente, il subcosciente non mente) quello che immancabilmente rimuovi per galleggiare ma che non fa vivere un po' più serenamente. Poi nella vita é molto bello che vi siano fratelli o sorelle, amici di cuore o propi partner per poter iniziare a vivere nella comprensione e non nelle bugie. Ognuno é libero di pensarla e scegliere quello che gli pare ma le bugie verso se stessi hanno le gambe corte. Io ho provato a bugiardarmi non funxia.
siska 8 mesi fa su tio
@siska Anzi devo ringraziare i miei fratelli ne hanno viste di cotte e di crude anche loro ma l'amore profondo che ci unisce é una solidità forte malgrado ognuno abbia preso strade differenti. Ancora oggi sono protettivi nei miei confronti e guai a chi mi tocca...uno anni e anni fa ha tentato di toccarmi per fortuna é finita bene e non crudelmente. Come sono protettivi verso le loro compagne e rispettosi della donna sono fiera di loro.
Maddalena Nurra 8 mesi fa su fb
Quando serve 2 scapellotti nn hanno mai fatto male a nessuno, infatti con i nuovi metodi educativi abbiamo visto che bella generazione che abbiamo.
Liliana Knezevic 8 mesi fa su fb
Scusate ma i figli non sono fatti per picchiare ma per educare....
Sabina Campi 8 mesi fa su fb
La violenza fisica (pur blanda che sia) insegna che il controllo della situazione viene riprestinato con la forza. Il genitore deve essere autorevole e non autoritorio. Le situazioni si risolvono con le parole...
siska 8 mesi fa su tio
Gli psicologi non usano violenza perché aiutano a non darla né a viverla a lungo, hanno studiato per aiutare le persone/vittime a rialzarsi per continuare il cammino della vita o almeno a rifarsi un percorso di vita. Poi ognuno é libero di andarci o meno ci sono persone che sono riuscite a ricostruirsi un cammino con persone care vicino.
F/A-18 8 mesi fa su tio
Gli psicologi sono i primi che hanno bisogno di cure particolari.
beta 8 mesi fa su tio
@F/A-18 Psicologi = mestiere dei tempi moderni , ( per modo di dire ) . Mestiere praticamente inutile che solo pochi decenni fa era perfettamente sconosciuto e non mi sembra che stavano peggio. Infatti gli alcolizzati, tossici, maneschi, ecc. ecc, sono esattamente uguali .
Luca Riboni 8 mesi fa su fb
qualche legnata, specie ai maschi ma spesso anche alle femmine, ci vuole.
Marcello Ragonesi 8 mesi fa su fb
Gli psicologi avvolte devono andare a farsi vedere per primi
F/A-18 8 mesi fa su tio
Se posso dire la mia vorrei chiarire il concetto sberlone o pelatone in quel posto quando ci vuole era la regola ai miei tempi, infatti siamo cresciuti rispettosi delle regole. Ora invece è un reato ed una non educazione, infatti si vedono i risultati dei nostri giovanissimi, ai maestri danno del tu e mancano di rispetto, perfetti teppistelli che se non raddrizzati diventeranno anche perfetti delinquenti. Solo pretese, sicuri di non ricevere punizioni e quindi liberi di male comportarsi, mille vizi, nessun obbligo in casa, capirai...., sono ragazzi, studiano già tanto, infatti l'altro giorno in discoteca in Italia c'erano 1400 dodicenni a sentire un cantante da bassifondi alle due di notte in un locale dove gira alcol e droga, alcuni anche accompagnati dai genitori. Questo è la sintesi delle nostre famiglie moderne, penso che a diciotto anni ai genitori gli passano sopra col trax.
Betty Beltrami 8 mesi fa su fb
L’unica cosa che mi sento di dire è che i ragazzi di oggi sono il frutto dei genitori che sono stati educati con sculaccioni, sberle, battipanni e la ciabatta rotante. Non sono contraria alla sculacciata ma è sicuramente più difficile educare senza muovere le mani e mettendoli in castigo!
Aldojechantyaurora Novellino 8 mesi fa su fb
Betty Beltrami concordo
Jasmin Atakol 8 mesi fa su fb
Concordo in parte...una buona dose di “fortuna “ ce la metterei comunque...
Jonathan Bopp 8 mesi fa su fb
Ma se c'è il problema dilagante della maleducazione dei bambini non venite a mettere i bastoni tra le ruote ai genitori. Un conto è picchiare/essere violenti, un'altro è educare.
Luana Riva 8 mesi fa su fb
Tutti che parlano dei minori tutti che dicono i genitori unici responsabili ....... E no Nessuno parla mai dei minori che fanno abuso sui genitori Minori che rispondono ai genitori che cazzz te ne frega Figli a cui dai orari e non li rispettano Figli che tirano calci ai genitori Premetto non fa il caso mio perché verrebbe appesa al muro Ma spesso vengo chiamata da genitori dove chiedono aiuto Minorenni in pensilina criminali, ecc forse qualche psicologo dovrebbe fare pace col cervello ? ripeto qualche non tutti ma è ora di finirla, di colpevolizzare sempre e solo una fascia
Paola Nelly Dellagiovanna Morandi 8 mesi fa su fb
??
Paola Nelly Dellagiovanna Morandi 8 mesi fa su fb
Quella signora non ha figli.mio non dico di picchiarli ma qualche schiaffo se necessario ci sta. Oggi si vedono dei bambini strafottenti già all’asilo perché i bambini non si possono toccare è così abbiamo ragazzi delinquenti di tutte le età. Dovrebbe fare il genitore o la docente prima di aprire bocca
Ingrid Vescio-Scolari 8 mesi fa su fb
Argomenti troppo delicato da trattare così malamente in un articolo preso da fb, dico solo che ora abbiamo troppi bimbi scostumati e la colpa non è la loro...
MIM 8 mesi fa su tio
Che la sessuologa faccia il suo lavoro, e lasci stare i bambini.
Charlie Oneway 8 mesi fa su fb
Un ceffone o una pedata nel culo indirizzava sempre nella direzione giusta e non ha mai ucciso nessuno, ora con questi nuovi metodi da genitori ultras dei figli e amici dei figli c’è in giro un sacco di senza coscenza senza rispetto senza educazione.. tanto poi mamma e papà mi parano sempre il culo !
Sonia Foraboschi-Locatelli 8 mesi fa su fb
Una sberla resta un atto coercitivo, io non le ho mai prese e non le ho mai date ai miei figli, mai! Se un bambino, cresce a pane e sberle, cresce credendo che quello sia normale, verso l'amico o verso la compagna una volta adulto. La paura crea insicurezza, troppo facile educare a suon di ceffoni, non avrete dei figli educati ma con la paura di prenderle. Mio modesto parere
Monica Cocconi 8 mesi fa su fb
Ma qui si tende un po a generalizzare. Ci sono schiaffetti magari intesi come "educativi" e poi ci sono famiglie problematiche che picchiano i bambini. Sono due cose ben diverse, anche se sempre di sberle si parla. Il termine PICCHIARE andrebbe analizzato di contesto in contesto. Se no si rischia di dire un mare di cazzate e far sembrare tutti i genitori non idonei al ruolo.
Billy HD FatBob 8 mesi fa su fb
Infatti, in questo serraglio di facebuk cé tanta di quella gente che pesa le parole, giudica la gente, insulta, basandosi su un profilo.... pensando di essere il padre eterni
Gladys Jelmini 8 mesi fa su fb
Monica Cocconi si che poi...aggiungo che c'è anche la violenza verbale, pure peggio a volte di una sculacciata che poi finisce lì. Un articolo su facebook di questo genere per me non è posto ideale per una discussione costruttiva.
Aldo Gianoli 8 mesi fa su fb
Una sberla daita al mument giust ta sa regordas tüta la vita ( mi ni dait 3 cume genitur sa le cüntu vargot al si miga ) A bon sa vedè
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
Cribbio Aldo Gianol...che dialèt sctrènc che t'è scritt...bela sctoria...avegan da gèènt inscì
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
Scüsa, tant chi da TIO i capis mia...pensi che da ticinès a n'è resctaat ben poc
Aldo Gianoli 8 mesi fa su fb
Vick E Dany Frassi poshiavino
Galium 8 mesi fa su tio
Bene ni_na. Concordo pienamente con la tua opinione fuori dal coro di coloro che guardano solo al passato e non si rendono conto che i tempi cambiano
Martina Spinelli 8 mesi fa su fb
Aspetto che tutte quelle che hanno commentato abbiano figli. ?????
Pasquale Frasca 8 mesi fa su fb
Ce ne vorrebbero di più altro che storie....noi cinquantenni ne abbiamo prese a palate ma non è mai morto nessuno e siamo cresciuti per lo meno più educati e rispottosi....
Sonia Foraboschi-Locatelli 8 mesi fa su fb
Pasquale Frasca tu lei avrai prese, io no e ringrazio per questo
Fabiana Bazzurri 8 mesi fa su fb
Ma va..un paio fi sberle non ha mai ucciso nessuno! Hai miei tempi se non obbedivi, se rispondevi male, e altro, le sberle arrivavano e non sapevi neanche da quale direzione. Oggi con sta educazione peace&love le sberle, gli insulti, e ben altro le ricevi tu genitore da figli maleducati e cafoni!!!!!!
Kyem Molteni 8 mesi fa su fb
Una sculacciata non è violenza. La violenza è un’altra cosa. Per quanto sono di base contraria anche a quella (la sculacciata) ma quanno ce vó ve vó! Insomma ogni cosa è violenza. Se usi le mani fisica e se non è fisica è psicologica. Però poi tutti si lamentano della maleducazione e via dicendo. Ma come li può educare? Ogni tanto la sculacciata si vuole. Soprattutto quando te le tirano fuori dalle mani. Eddaje! E a chi sostiene che bisogna dare l’esempio rispondo che non è vero una cippa! I bambini copiano solo quello che gli fa comodo! Altroché!
Vivianne Achermann 8 mesi fa su fb
Si ma con quali criteri se ne può parlare? Chiaro, la sculacciata non è violenza. Ma se la sculacciata diventa una volta al giorno? Se la sculacciata è la punizione di una cosa capita male dal genitore? Se un mio amico fa una cosa che mi fa incazzare o che non mi va bene, non gli tiro una sberla o sculacciata che sia, perché lo rispetto. Si tratta di rispetto. I miei fratellini mi fanno incazzare quando si comportano da scimmie iperattive, ma.non li prendo a sberle per farli smettere perché tanto cosa otterrei? Che si mettono a piangere e/o che continuano a fare quello.che non va bene per ripicca. Allora preferisco trovare un accordo con loro, spiegargli perché non va bene e trovare una soluzione insieme che piaccia anche a loro ma che non crei fastidi. E non parlo di dare in mano iphone per farli stare zitti o lasciarli continuare a fare ciò che vogliono, perché quello allora sarebbe accontentarli, e nemmeno quella sarebbe educazione. I no, i limiti servono ai bambini, ma perché ottenerli attraverso il linguaggio fisico? Per me.la risposta più palese è solo che non c'è voglia e pazienza. Ne ho visti tanti di scenari dove un bambino fa qualcosa che non va bene, e invece di fermarsi a parlare, ci si mette a urlare dall'altra parte della casa "XYZ se non la smetti le.prendi" e alla terza volta mollarne una. Credo sia abbastanza ovvio che a mettere giu cosi a mo di ricatto le cose, alla fine bisogna arrivare alla sculacciata, perché il bambino non obbedirà chiaramente, ma voi ve la cercate anche allora
Vania Montagna 8 mesi fa su fb
Esatto. La pazienza è merce rara, invece dare una sberla è facile e liberatorio. E inutile.
Stefy La Bernese 8 mesi fa su fb
sarò la voce fuori dal coro, ma trovo sia una campagna giusta, non si educa a schiaffi i bambini, ma con pazienza, tempo, dedizione e attenzioni!
Vania Montagna 8 mesi fa su fb
Esatto. Che poi li vorrei vedere questi genitori a favore delle botte se fosse la maestra dei loro figli a dare botte con la scusa dell'educazione.
Akın Şeker 8 mesi fa su fb
Poi quando vedi i bastoni spezzarsi su di te capisci di aver raggiunto il livello massimo
miba 8 mesi fa su tio
Vi è una differenza abissale tra il "picchiare i bambini" ed un ceffone più che meritato! Ai novelli pseudo-guru della psicologia vorrei ricordare (anche se in teoria dovrebbero già saperlo...) che un bambino/adolescente sa perfettamente qual'è la linea che può o non può superare! I valori ed i comportamenti della vita che dovranno affrontare, in particolare il rispetto e l'educazione, non sono purtroppo degli "optionals".... Cos'è meglio? Un ceffone quando come dicono i romani "quando ce vo ce vo" oppure con le vostre (nuove) teorie del menga accettare, giustificare, approvare anche quando, forti dell'improbabilità di un ceffone, si permettono di deridere anziani, sfottere insegnanti, dire una bestemmia ogni 3 parole??? Ma per favore! Tornate con i piedi per terra e siate soprattutto pratici, concreti e realisti invece di tante (nuove) pagliacciate!!
volabas 8 mesi fa su tio
@miba concordo con te miba
Irena Rogozinska 8 mesi fa su fb
Picchia i figli!!!!! Non ho mai fatto e adesso da adulti ? sono persone fantastiche.Cresciuti con mio amore e Rispetto. Non esiste a casa mia la violenza. Buona giornata a tutti
ni_na 8 mesi fa su tio
Poi tutti quelli del " ai miei tempi " si dimenticano che 1. oggigiorno i ragazzi non sono tutti maleducati e scemi, anzi 2. non sapete se e quanto i genitori li abbiano educati a sberle oppure no, a giudicare dai commenti ipotizzo che siano in molti a darne e averne date e ricevute 3. ci sono infinite altre ragioni del perché ci siano ragazzi più ingestibili, tra quanto è cambiata la società fino al numero degli studenti per classe quando si parla di scuola
ni_na 8 mesi fa su tio
Per quelli del "o li educhi come si deve anche con le sberle, o si permetteranno tutto e saranno degli sbandati" ricordo che esistono anche le vie di mezzo e che Evitare la violenza non equivale a mancanza di regole o a non far rispettare le regole.
Roberta Maffi Izzo 8 mesi fa su fb
Difatti si vedono ragazzini che mandano a cagare i genitori forse li qualche sberla in più ci andava
Roberta Noli 8 mesi fa su fb
Io francamente di sberle non ne ho mai ricevute... forse una volta una pacca sul culo... Però cazzate in giro non ne ho mai fatte... e reputo di essere cresciuta bene lo stesso. Quindi credo che uno pirla è e pirla rimane... con o senza schiaffi... ma allo stesso tempo non posso nemmeno giudicare genitori che lo fanno, se per loro questo si può chiamare insegnamento ok... ma senza esagerare.
Pamela Angelotti 8 mesi fa su fb
Credo che la violenza sia inaccettabile comunque, se non riesci ad educare tuo figlio senza picchiarlo il problema è tuo. Non è facile per noi cresciuti a sberle, ma credo che valga la pena impegnarsi. Per me i bambini non si toccano.
Francesca Lombardo 8 mesi fa su fb
Dei schiaffi non hanno ucciso nessuno , picchiare malamente un bambino è violenza, si vede la differenza di figli di prima e figli di adesso, se ne salva solo qualcuno..
Katia Mandelli Ghidini 8 mesi fa su fb
Una sberla quando ci vuole ci vuole. E soprattutto ci vogliono i limiti. Un figlio non può crescere senza avere dei limiti. E non sono i bambini a doversi proteggere, siamo noi adulti e noi genitori a dover dar loro un ambiente in cui siano in grado di crescere e di "farsi le ossa" per un giorno proteggersi da soli. La violenza è fisica e verbale, la violenza non permette al bambino di crescere in un ambiente sano e tranquillo. La violenza non permette un sano sviluppo del bambino. La violenza non è una sberla che fa più male alla madre che al figlio (nel mio caso). Vediamo di ridefinire i termini. Senno ci ritroviamo con degli adolescenti che non sanno cosa sia il rispetto e come risolvere i conflitti. Ma come facciamo a buttare via tutti questi soldi in campagne pubblicitarie che non valgono un soldo?
Mirko D'Urso 8 mesi fa su fb
Katia Mandelli Ghidini se hai bisogno della sberla per farti rispettare dai tuoi figli vuol dire che probabilmente hai sbagliato qualcosa
Mirko D'Urso 8 mesi fa su fb
Parlo in generale , non di lei
Katia Mandelli Ghidini 8 mesi fa su fb
La cosa triste é il sentenziare e pronunciare frasi fatte senza conoscere e/o capire il contesto. A suo uso beneficio glielo spiegherò: non ho detto che ho tirato quattro sberle in tutta la vita dei miei figli per farmi rispettare. Legga bene quello che ho scritto. In ogni caso intendevo dire che a volte mi fa tornare qui piedi per terra non è questione di rispetto. Il rispetto dei miei figli l’ho guadagnato e lo guadagno in un altro modo
Lisa Viviani 8 mesi fa su fb
Vi sembra normale e sano che un bambino già in scuola elementare abbia un telefonino? Genitori che a loro volta sono perennemente attaccati al telefono ? Bambini maleducati genitori troppo presi dal lavoro o dai social che non hanno più tempo da dedicare ai bambini e sono i primi a piazzargli in mano un telefono per farli stare buoni. Risultato genitori frustrati perché i figli non li ascoltano, bambini sempre più isolati dalla realtà. Quella realtà fatta di cose belle e brutte. Il genitore dovrebbe avere il compito di accompagnare e educare il figlio, prepararlo per il futuro, dovrebbe insegnarli ad apprezzare i piccoli gesti senza per forza dovere ricevere un premio per essere andato bene a scuola o essersi comportato bene. Mah non so ?‍♀️ poi li mandano a scuola credendo che sia dell ‘insegnante il compito di educare il figlio
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Lisa Viviani e che telefonini! Visto che compie 10 anni riceve l’iPhone X. Capperi alla faccia del conquistarsi le cose!
Lisa Viviani 8 mesi fa su fb
Debora Marçal 10 anni? Ma già prima ?
Ade Gheiz 8 mesi fa su fb
Forse bisognerebbe prendere i genitori a sberle e sculacciate finché non chiedono pietà. E poi continuare...
Vivianne Achermann 8 mesi fa su fb
Bravi bravi voi non siete cresciuti bambini educati, siete cresciuti bambini terrorizzati di essere presi a cinghiate. Questa non è educazuone, perche non sceglievate di conportarvi bene, lo facevate perchr avevate paura.di prenderle. Un po.come hitler che, o odi gli ebrei o finisci nelle docce con loro. Eh.chiaro poi che tutto il popolo tedesco era educato bene vero? Non terrorizzato. Ancora convinti che sia giusto? BRAVI
Susi Fa 8 mesi fa su fb
Qualcuno che ragiona..
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
Io cinghiate no!! Ciabbatte, sberle e battipanni, sì. E oggi sono qui...scuola reclute, caporale, Sergente maggiore, imprenditore con 16 famiglie alle quali do da mangiare. Disciplina, lavoriamo bene. Chi non lavora...a casa...ma daiiii cosa dici?? Le cinghiate no!! non si fa...questo arrivava dal papà ubriaco che rientrava a casa e picchiava la moglie ed i figli...Oggi pensi che non succede? Certo che sì, ma questa gente dovrebbe essere denunciata. E dico che viene punito di più uno che infrange la legge sulla circolazione stradale che uno che picchia con la cinghia moglie e figli. Allora? dov'è il problema? Ecco dov'è...nelle nostre istituzioni che non puniscono severamente questi atti barbarici. Cribbio non continuate a blaterare, cambiamole queste cose.... ma dietro una tastiera è facile scrivere e basta.
Ester Mottarella 8 mesi fa su fb
Parole sante Angela ??
Angela Colli 8 mesi fa su fb
Ester Mottarella grazie carissima ❤
Ester Mottarella 8 mesi fa su fb
moma 8 mesi fa su tio
Il problema è che fare i buoni genitori costa fatica, molta fatica, molta fatica. Io non parlo di botte, no assolutamente, ma della mitica "tasa sul cüü" si, assolutamente si.
BigEasy 8 mesi fa su tio
Ma quelli che si vantano o ringraziano di avere preso botte da piccoli che problemi hanno ?! Trogloditi.
Lore62 8 mesi fa su tio
@BigEasy ...i problemi li hanno i docenti e qualche volta anche i genitori oggi, infatti sono i bambini che li insultano e "picchiano"....XD Il bello è che nel caso dei docenti nelle scuola se reagiscono per farsi rispettare, vengono messi alla gogna o licenziati!...poi si vedono i risultati in giro...
Tato50 8 mesi fa su tio
@BigEasy Non ne hanno, perché malgrado tutto, forse erano altri tempi, sono cresciuti nel rispetto, nell'educazione, nell'onestà, con pochissimo a disposizione ma ugualmente felici e non usano aggettivi qualificativi alla fine dei loro Post ;-((
pillola rossa 8 mesi fa su tio
@BigEasy Violenza fisica e ricatto morale si sostengono a vicenda. Uscire dal ricatto morale implica sofferenza, paura di perdere l'amore.
pillola rossa 8 mesi fa su tio
@BigEasy Si chiama sindrome di Stoccolma.
BigEasy 8 mesi fa su tio
@Lore62 Quelli sono adolescenti, non bambini, che non hanno avuto nessun tipo di educazione. Quello che intendo dire è che i bambini vanno assolutamente educati, ma non con le botte ! Perché un bambino che viene maltrattato, picchiato, sculacciato o preso a sberle è molto probabile che da adulto sviluppi fobie, paranoie e vari disturbi psicologici. Però capisco che questi sono concetti impossibili da comprendere per i trogloditi.
Tato50 8 mesi fa su tio
@Lore62 Questa è la conseguenza del lassismo da parte dei genitori che a volte affidano a altri il compito di educare i propri figli perché occupati a fare altro. Li riempiono di ogni bene, basta che chiedano e stiano zitti, non sanno nulla di cosa fanno e di chi frequentano e questi sono i risultati. Io negli anni 60 qualche pacca l'ho presa e non mi ha fatto male; magari al momento, ma capivo che se arrivava era perché avevo sbagliato. Nelle vacanze estive mi mandavano a lavorare almeno non avevo tempo di combinare disastri e ho capito anche cosa voleva dire guadagnare anche poco ma meritarselo ;-))
siska 8 mesi fa su tio
@Lore62 Ma guarda un po' i bravissimi docenti specialmente quelli di un tempo e uno che andava messo alla gogna tanti e tanti fa' c'era (non l'unico sicuramente ahimé) io ho saputo di uno che menava di brutto gli alunni figli di genitori meno abbienti, ( alunni figli di genitori molto abbienti non li toccava ma guarda un po') gli umiliava, li spaventava e ad alcuni li ha pure rovinati psicologicamente perché non riuscivano in materie specifiche ma guarda un po'! Morale della brutta favola: gli hanno pure fatto la targhetta e mai licenziato pur che alcuni genitori avevano reagito contro di lui. Morale: anche sono uno schiaffo da parte di un docente o genitore lo trovo riprovevole ed in certi casi si alla gogna mediatica. Mi dispiace non sono d'accordo ad alzare le mani verso i più fragili della società.
Lore62 8 mesi fa su tio
@siska Io alla gogna mediatica metterei le registrazioni su quello che fanno e dicono alcuni alunni "iperattivi", poi vediamo cosa ne pensa l'opinione pubblica... Probabilmente non hai mai insegnato ad una classe disperata, dove non immagini cosa arrivano ad inventarsi. Di certo oggi NON hanno paura a mandarti a f...... o sputarti in faccia fregandosene del minimo rispetto anche se sei adulto o anziano, a già oggi si fanno intervenire gli psicologi....poi si che lo fanno il danno psicologico! Detto da uno che le ha prese dal docente (me lo meritavo perché PROVOCAVO per testare i famosi limiti),e se lo veniva a sapere mio padre prendevo il resto! Di sicuro ho imparato il rispetto, senza traumi e paure psicologiche...
siska 8 mesi fa su tio
@Lore62 Certo Lore62, hai ragione da vendere ad esserti arrabbiato/a ho letto attentamente il tuo scritto e forse hai vissuto sulla tua pelle quanto hai soprascritto e mi dispiace molto. Ma io stavo parlando di un'altro tempo ca. 45 anni fa, dove esistevano docenti maneschi alla vecchia maniera, vecchi pensieri che non badavano a spese ad umiliare i bambini di allora. Ed io sono stata pure umiliata ma non potevo andare a casa a piangere perché capitava che quando rientrava mio padre a mezzanotte ubriaco ero io bambina che andavo ad aprirgli la porta perché avevo paura che facesse del male a mia madre e gli facevo pure 2 uova al tegamino con contorno per cena in ritardo e lui si calmava come d'incanto ma mia madre la scongiuravo di non farsi vedere e di restare dov'era comprendi allora un qualche cosina in più. Sono felice e sollevata sapere chi ha avuto un'infanzia felice e non di terrore. io sono diventata adulta molto presto e non mi piace la violenza sui bambini neppure da un docente che si é permesso di darmi una manata forte dietro alla nuca e ben sapendo della mia situazione a casa quindi il tuo discorso vale fino ad un certo punto poi tutto non si conosce.
siska 8 mesi fa su tio
@Lore62 ..e certa sono che tanti genitori hanno lasciato un'indelebile segno come pure i maltrattamenti fatti da infami maestri di un tempo che manco ti vedevano. Per me il maestro che fu resterà per sempre un torbido ricordo di un'infame che vive ancora oggi.
Lore62 8 mesi fa su tio
@Tato50 Esattamente !! la tua infanzia è una copia della mia, mi vengono in mente le giornate intere passate nei campi a raccogliere cornetti e zucche per il vicino contadino, tanto per guadagnare qualche centinaio di franchi.... ;-))
Tato50 8 mesi fa su tio
@Lore62 Però, almeno per me, era una gran bella infanzia che non cambierei con quella attuale. Prati verdi e non palazzi, pallone riparato decine di volte perché il secondo non c'era; andare con la bici nuova del papà che adesso sarebbe una Lamborghini ;-)))) Sapere il valore dei soldi perché sgobbavi e felicità al quadrato quando quello del negozio vicino a casa mia svendeva i gelati perché troppo datati ;-)) Voglio tornar bambinooooooooooooooo ;-)) Ciao Lore, buona serata ;-)) Ps : che cosa era il Co2 ?
Lore62 8 mesi fa su tio
@Tato50 Hahaha...ciao Tato!...anch'io ho bei ricordi! Avevo a che fare con un vicino che quando il pallone finiva nel suo orto, me lo faceva sparire! Sai quanti ne ho rimpiazzati... :-( Invece la mia prima bicicletta era un riciclato per 4 o 5 volte, e l'ho buttata quando sono collassato a terra per via della ruota posteriore quando gli sono rimasti una 10ina di raggi! XD ...poi a 10 anni giravo con una bici per adulti (da donna) sempre riciclata, dove, se seduto in sella, non arrivavo a toccare i pedali nel punto più basso...XD..dovevo pedalare giù dalla sella XD... Anche i franchetti che guadagnavo col sudore (beh sai raccogliere cornetti sotto la stecca del sole non è una scemata..), li mettevo nel salvadanaio per i tempi più duri hihihi... Il CO2 ci piaceva hihi...specialmente quella della benzina al piombo...hahaha XD. Ciao e buona serata a te ;-)
Tato50 8 mesi fa su tio
@Lore62 Devo scriverti in due volte perché non parte ;-((( Ciao Lore, mi sa che entrambi abbiamo avuto un'infanzia quasi uguale ma erano tempi in cui il poco bastava e lo apprezzavi perché altro non c'era più. Quella del vicino di casa e del pallone non avevo problemi perché uno dei giocatori era suo figlio quindi non osava toglierli quello svago che adesso è solo un ricordo. Io sono nonno di due bambine e devo dirti con sincerità che non farei il cambio con loro; hanno tutto e adesso che arriva Natale non sai cosa diavolo regalare. Vado quindi sui soldi e quindi ne facciano quello che vogliono, ma dagliene 100 o 200 non gli frega un accidenti perché non hanno mai provato sulla loro pelle il valore del denaro. Mi ricordo quando mio padre, con sforzi che non puoi immaginare, mi ha acquistato la mia prima auto; era metà del 1968 e il veicolo una Fiat 1500 che a quei tempi era una bomba. Per fare il figo credo che il viale della Stazione a Bellinzona lo faceva da sola, comunque avere un mezzo di trasporto aiutava ( non entro nei dettagli ).
Tato50 8 mesi fa su tio
@Lore62 Seconda parte !! A settembre del 1969 ho fatto un incidente gravisssimo, per colpa mia, a Locarno e l'allora Dott. Giao mi ha salvato la vita ma purtroppo a uno dei due passeggeri le ferite riportate lo accompagneranno per tutta la vita (tra l'altro la Redazione di TIO ha le foto e gli articoli di giornale quando si parlava se mettere il nome di chi commetteva un reato ). Mio padre era in Cadagno e lo avvisarono dell'accaduto perché avevano sentito alla radio, con nome e cognome, cosa era successo. Uscito da cure intense e quando cominciavo a capire cosa era successo mi ricordo che mi disse "sei fortunato che sei concio altrimenti ti conciavo io" ;-)) I suoi risparmi andati in fumo in un istante, comunque, col passare del tempo l'ho ripagato e non solo finanziariamente :-)) Ciao, buona giornata almeno a te, oggi è tosta ;-((
Tato50 8 mesi fa su tio
@BigEasy Mi sa che tu non vuoi ammettere che qualche sberla ti ha lasciato il segno !!!!
BigEasy 8 mesi fa su tio
@Tato50 Lo schiaffo, e le botte in generale date a un bambino, sono diseducative e non educative che provocano una serie di conseguenze che non sto qui a spiegare perché evidentemente perderei tempo inutilmente ! Le generazioni passate invece sono cresciute nel TERRORE puro altroché rispetto, educazione e onestà. Ricorda: il rispetto si GUADAGNA e non si prende con le botte.
Tato50 8 mesi fa su tio
@BigEasy Parte pria : Oh mamma è arrivato lo psicologo di turno ad insegnarmi come si allevano i figli che magari non ne ha nemmeno !! Infatti io sono cresciuto talmente nel TERRORE, lavorando in Polizia, vedendo però la metamorfosi della gioventù attuale nel rispetto di una divisa o di qualsiasi Istituzione. Per fortuna che poi sono passato alla Scientifica, diventando Commissario grazie ai ceffoni presi, e così lavoravo con in morti che almeno non mi rompevano le palle. Ho due figlie, una del 79 e l'altra dell'81 e sono pure nonno, alle quali non ho mai dato un ceffone ma bastava uno sguardo per fargli capire che stavano sbagliando o rompendo le balle. Quindi, vista la mia età ma non conoscendo la tua qualche esperienza di vita ce l'ho senza dover prendere lezioni da un Blog. Certo l'educazione si GUADAGNA se i genitori ci sono, ma fare il genitore è una delle cose più difficili che esistano. Se metti a dimora una pianta e non gli dai il sostegno di cui ha bisogno, non pretendere che cresca diritta !!!
Tato50 8 mesi fa su tio
@BigEasy Parte seconda : Quando leggi su un giornale che una donna in Ticino chiede il permesso di rinunciare al congedo maternità per motivi di avanzamento nella sua professione, quella non può certo avere un figlio normale visto che è già idiota lei di suo. Non gli hanno concesso nulla e "ha dovuto" fare la mamma; sarà stata dura. Sei un di quelli che se i docenti si lamentano non è per colpa dei pargoletti ma sono loro che non sono in grado di gestirli ? Sei uno di quelli che se hai un figlio con un tre sulla pagella vai a gridare con la mogliettina al Docente e non ti accorgi che hai un figlio idiota ? Ecco io ho perso un po' di tempo inutilmente ma se vuoi potrei andare avanti citandoti dei casi concreti da me vissuti da certi "pistola" di 13/15 anni che poi si sono beccati quello che non hanno avuto dai genitori che naturalmente, dopo, li difendevano a spada tratta. Le generazione passate sono vissute nel TERRORE ma si comportavano civilmente, quelle di adesso sono cresciute nella SOLITUDINE senza che nessuno gli indicava la retta via. Usate il preservativo se non siete in grado di dare ai vostri figli quello che hanno bisogno ; AMORE e PRESENZA ma non circondati da ovatta ;-(( Ta salüdi !!!
BigEasy 8 mesi fa su tio
@Tato50 Nemmeno io sono qui per prendere lezioni da te professorino ! La violenza, così come le botte ai bambini, è stata sempre il metodo di chi non ha cervello. Il più delle volte chi alza le mani con i propri figli è per sfogare le proprie frustrazioni e non per educare. Magari è buona cosa informarsi prima di aprire bocca.
Tato50 8 mesi fa su tio
@BigEasy Mio padre e mia madre, dal Paradiso, ti ringraziano di cuore per le tue parole . Io non sono professore di nessuno e probabilmente non hai letto quello che ho scritto su come ho educato i miei figli. E adesso cerca di non nominare più i miei genitori, lasciali in pace dove sono, perché altrimenti chiedo il tuo nome alla Redazione, ti denuncio e ci metto già "lesioni semplici". Tè capiiii, asan !!!!!
BigEasy 8 mesi fa su tio
@Tato50 Non ho più voglia e nemmeno interesse nel continuare questa discussione con te. Stai attento con le minacce e gli insulti.
Tato50 8 mesi fa su tio
@BigEasy Definire i miei genitori, che non ci sono più, senza cervello e frustrati offendi un figlio che ha avuto la fortuna di essere allevato da loro. Quindi se c'è qualcuno che deve stare attento quello sei tu. Non osare ritoccare questo tasto e non ti permettere tu di insultare i miei cari. Se vuoi fatti avanti con me se vuoi concretizzare quello che ti ho scritto. Ps : non credo ti convenga conoscere l'altra parte del Tato ;-((
beta 8 mesi fa su tio
@Tato50 Ah, ha, ha, Tato leggendo e rileggendo quello scritto quì sopra mi sa che ti sei scaldato di più del ... " nonno pirla da prendere a schiaffoni o magari impiccarlo " ! Buona ... nottata .
Tato50 8 mesi fa su tio
@beta Hihihi, non trovavo il tuo Post, poi quando hai parlato del "nonno pirla", ho capito. Madonna, toccatemi tutto ma non i miei cari, specialmente se non ci sono più, perché altrimenti mi va il sangue alla testa e non riesco a trattenermi. Poi mi spiace perché non è nella mia indole, ma in quel momento ho rivisto el Pierin e la Pierina e pensato a quanto mi hanno dato, il bene reciproco e quanto mi mancano, che ho sclerato ;-)) Ciaoo, buona giornata
limortaccituoi 8 mesi fa su tio
Io ho preso forse un solo sberlotto da bambino, la violenza non è mai stata di casa nella mia famiglia. Eppure sono qui, non rubo, non violento, non mi drogo, non sono un "mollaccione" e nemmeno un frignone. Quindi, tutti i partigiani della sberla facile, siete sicuri che non ci sono alternative alla vostra violenza gratuita?
Tato50 8 mesi fa su tio
@limortaccituoi Comunque era bello forte ;-))))))))))))))))))
F.Netri 8 mesi fa su tio
@limortaccituoi Ecco dove sta il problema! :-)))
Lara Cebulski Menotti 8 mesi fa su fb
Io son del parere che la sculacciata quando ci vuole, ci vuole e basta!!
Tato50 8 mesi fa su tio
Dio, visto che mio padre e mia madre sono tuoi ospiti, su consiglio della Signora Bonatti, sessuologa che si intende di sberle, mandali per punizione un paio di giorni in Purgatorio ma non dirgli che ti ho scritto io. Facciamo solo due giorni perché quelle poche sberle o calci in culo che mi son preso mi hanno fatto un bene della Madonna (saluti anche a lei ) ;-))
Veli Vidic 8 mesi fa su fb
Si, poi vedi in giro bambini maleducati che fanno casino e i capricciosi che non sanno il valore del rispetto e genitori che dico: poverino non lo toccate si sta solo sfogano... ma jebemti mater... Mi dispiace se qualcuno non condivida ma a parere mio qualche sberla sonora ci vuole! ANCHE PERCHÉ LA VITA É FATTA DI SCHIAFFI.
Alexandra Le 8 mesi fa su fb
Veli Vidic non condivido ma jebemti mater mi ha fatto morire ??
Riccardo Pullarà 8 mesi fa su fb
“Un bambino senza regole è piu vicino alla solitudine che alla libertà “. Bisogna capire di che tipo di violenza si parla. Se si tira in ballo violenza gratuita, quella in cui un genitore sfoga la propria rabbia verso il figlio/a allora ok sensibilizzare i genitori. Ma se si parla della sculacciata cari miei allora non è violenza. Bisognerebbe analizzare ogni singola situazione famigliare nel dettaglio e sopratutto nel passato dei genitori per poi poter seguire, sensibilizzare e aiutare tutti i membri della famiglia. Ogni persona, ogni nucleo famigliare, ogni situazione è a sè ed è diversa e quindi merita un analisi dedicata. Tornando all’educazione, nessuno ha in mano il manuale del genitore perfetto e nessuno dovrebbe avere la presunzione di insegnare o di giudicare un genitore. Ogni genitore, di principio, agisce per il bene del proprio figlio. I bambini dopo i 3 anni mettono letteralmente alla prova i genitori, testandone i limiti. Quindi sta al genitore mettere paletti, contenere il figlio senza tarparne le ali, dagli un recinto sicuro dove il piccolo possa sperimentare l’indipendenza e la libertà senza mancare di rispetto a persone e oggetti e rimanendo al proprio posto! E se le parole non bastano, una sculacciata educativa serve.
Laura Bernasconi 8 mesi fa su fb
Parole sante !!!!
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Riccardo Pullarà una punizione corporale è solo la dimostrazione che noi genitori non siamo in grado di offrire educazione. È un nostro limite e insegna che i problemi si risolvono con la violenza. Non concordo con la tua visione, ma se non sbaglio non hai figli, e avere opinioni sull'argomento è difficile senza esperienza.
Riccardo Pullarà 8 mesi fa su fb
Debora Marçal Cara Debora, rispetto la tua opinione, ho un figlio di quasi 8 anni, sono a favore della pace e convivo con i figli della mia compagna (3 e 19 anni), quindi un po di esperienza in materia ne ho!! Io personalmente non mi ritengo parte della cerchia di genitori alla quale tu alludi, perché ritengo di dare e fare del mio meglio come padre e come persona. Con la consapevolezza che il genitore perfetto non esiste, che una sculacciata data a fine educativo NON È VIOLENZA DOMESTICA. Ma ognuno ha la sua idea. Peace
Katia Mandelli Ghidini 8 mesi fa su fb
Debora Marçal io di figli ne ho due. Sberle fino ad oggi: poche. Ma quelle poche sono servite. E la frase riportata da riccardo pullarà P molto vera... un bambino non può e non deve crescere senza regole. Gli facciamo solo del male. I "paletti" sono necessari sempre.
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Katia Mandelli Ghidini per me paletti e punizione corporale sono due cose differenti
Katia Mandelli Ghidini 8 mesi fa su fb
Debora Marçal si giusto. i paletti non si mettono picchiando i bambini. ma ci sono situazioni in cui una sberla (non un massacro!!!!!) aiuta.
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
nella mia esperienza invece non sono mai servite se non per incrementare astio e disistima. Vorrei proprio vedere quanti genitori sono in grado di dare un’AMOREVOLE punizione corporale.
Cinzia Foglia 8 mesi fa su fb
Rosalba Room Agostinacchio
Angela Colli 8 mesi fa su fb
io ho prese tante botte da mio padre ...ero ribelle ... ma lo ringrazio tantissimo , mi ha insegnato cos`è la vita e come ci si comporta e grazie a lui sono una grande persona !!!!!!!
Michela Balsarini 8 mesi fa su fb
Io penso che ogni tanto, uno schiaffo possa anche servire... quante volte sentiamo di ragazzini lasciati a se stessi, che fanno cagate su cagate... o bambini al ristorante senza il minimo controllo.. o che mandano a quel paese i genitori.. Non dico di massacrarli di botte, ci mancherebbe.. però ogni tanto ci vuole.. tutti noi nella vita ne abbiamo preso qualcuno.. Non mi pare che ci abbiano fatto male
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
A me sì Micky....sulla chiappa destra ho tatuate le cinque dita e la mano di mia mamma, son passati 40anni.....e quando cambia il tempo sento ancora la chiappa che pulsa ????
Michela Balsarini 8 mesi fa su fb
Però almeno non hai più fatto la cosa per la quale hai questo fantastico tatoo?
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
Per sicurezza non ho più fatto nemmeno le altre dato che non mi ricordo perché ho quel bellissimo tattoo ??....alla cena di Natale glielo chiederò...ma mi sa che l'elenco sarà lungo ?
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
Ooh comunque non commentiamo troppo se no questi di Ticinonline (ma come gli altri) si stimano. Con l'arrivo dei social mettono tutte le notizie di 'sto mondo....perfino se in inverno gela l'acqua di una fontana a 3'000 metri ?
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Michela Balsarini io credo che tra prendere a schiaffi e non educare ci sia un ampissimo raggio di azione.
Michela Balsarini 8 mesi fa su fb
Quello sicuramente.. Non sto dicendo che gli schiaffi devono esserci per forza.. però se ogni tanto scappa non si può parlare di violenza
Diego Atzeni 8 mesi fa su fb
Io non bevo, non fumo e non mi drogo. Prendevo botte da mia madre, mio padre e mia nonna. Ma non è per quello che non ho vizi e ho comportamenti sociali positivi. Sono una persona " a posto" perché oltre alle botte mi hanno insegnato anche il rispetto verso me stesso, gli altri e le cose. Diciamo che molti genitori si limitano a picchiare per sfogare le proprie frustrazioni ma a non far capire davvero il perché delle botte.
tip75 8 mesi fa su tio
chiamare una sberla violenza mi pare un tantino eccessivo. Le regole ci devono essere, così le punizioni. Viviamo in un mondo dove neppure un poliziotto può più fare il suo lavoro ed infatti è pieno di lazzaroni ladri maleducati pieni di diritti.....insomma, il bambino deve rispettare l'adulto e non significa doverlo riempire di schiaffi ma neppure come fanno ora ....l'educazione è quasi un dolce ricordo e non va bene
Vick E Dany Frassi 8 mesi fa su fb
Riporto commento trovato in giro: "Ogni volta che sento la vicina sbattere i tappeti con il battipanni, mi metto a fare i compiti. Ho 47 anni"........ahahaha troppo bella
Dragana Martac 8 mesi fa su fb
Vick E Dany Frassi concordo con i commenti e la ringrazio di cuore, ho riso con il gusto, io mi sento così pure ????
Basile Guidotti 8 mesi fa su fb
Gabriel Schupp a Locarno sarebbero servite più sberle rigenerative ?
Gabriel Schupp 8 mesi fa su fb
Puttana
siska 8 mesi fa su tio
Ca. 45 anni fa quando frequentavo le elementari, mi ricordo di un docente che mi diede la classica manata dietro alla nuca...bene, ho ancora un brutto ricordo di lui come fosse ieri che era mercoledì. Inoltre l'umiliazione rivolta a noi bambini era abbastanza in voga, inoltre non potevo e non volevo dire nulla in famiglia non perché avevo paura di buscarle, ma perché in aggiunta avevo una situazione ai limiti del limite. comunque ho avuto un figlio ma mai ho voluto punirlo alzando le mani semmai ogni tanto dovevo alzare la voce comunque era un bambino abbastanza tranquillo, poi a quei tempi ha avuto un padre presente. Alzare le mani contro i bambini potrebbe diventare un reato perché é un po' come alzare le mani contro una donna se l'uomo lo fa solo una volta lo farà la seconda e così via e per i bambini lo scenario non é differente in quanto i genitori o il genitore si permetterà di punirlo alzando le mani vergognoso!
pillola rossa 8 mesi fa su tio
@siska Concordo, picchiare un essere indifeso o in condizione di sottomissione (ma anche torturare attraverso ricatti morali) è sempre la conferma di un fallimento personale e comunicativo e non si contrappone all'assenza di regole. Non esistono da una parte le botte e dall'altra la maleducazione. Sarebbe troppo facile. Per fortuna.
siska 8 mesi fa su tio
@pillola rossa Sono d'accordissimo con te e mi ricordo di un episodio accaduto ca. 10 anni fa davanti a uno degli ascensori di Migros Lugano: attendevo l'ascensore assieme ad un padre di ca. 38/40 e sua figlia di ca.10 anni quindi una bambina, ebbene ho guardato la bambina e ho compreso tutto all'istante e guardandola in volto ho visto una sorta di disperazione era veramente disperata e chiedeva che voleva ritornare dalla madre, (presumo coppia separata) lui il "buon"padre le ha risposto testuali parole: ricordati che faremo i conti a casa mi hai fatto passare un pomeriggio di m..... la figlia ha iniziato a piangere dicendo che non voleva stare più con lui, a quel punto non ci ho più visto ho chiesto perché la bambina era così disperata ed ho aggiunto che loro stanno male a trattarli così duramente. Per tutta mi ha praticamente detto: signora cara si faccia i cavoli propi non si permetta di insinuare altrimenti la denuncio. Ecco ancora oggi a volte penso a lei a quel volto piangente, chissà questa bambina come sarà, sicuramente cresciuta ma quell'uomo non era un padre né dolce né protettivo oserei dire un fallimentare.
pillola rossa 8 mesi fa su tio
@siska Intervenire in una situazione come quella descritta da te è sempre difficile, un po' per educazione (…) e un po' perché si rischia di peggiorare la situazione. Un genitore frustrato a cui si fa notare il proprio fallimento non potrà che aumentare la sua frustrazione. Allo stesso tempo un bambino se avverte di avere un genitore per il quale le altre persone non hanno stima aumenta la sua insicurezza. A dipendenza della situazione, una carezza, un complimento, lo spostamento dell'attenzione da una situazione di disagio a una di benessere può sbloccare senza ferire nessuno. I bambini sono dei loro genitori, ma sono anche di tutti noi, sono il nostro futuro. Ho conosciuto bambini che temevano il giudizio dei genitori e per questo sono andati avanti a subire violenze sessuali dai loro stimati docenti, qualcuno di loro è perfino arrivato a togliersi la vita. Crescere nel timore reverenziale può portare a conseguenze nefaste.
siska 8 mesi fa su tio
@pillola rossa Pillola rossa hai perfettamente ragione su quanto hai descritto e su come o quando intervenire. Il comportarsi davanti a una bambina che piange a causa di un genitore é come un filo sottile che si può improvvisamente spezzare a totale favore del bambino per proteggerlo o totalmente a sfavore per motivi non sussistenti. ....ma quella bambina mi é rimasta sempre nel ricordo non so....Docenti che sono oberrati di lavoro e cercano in tutti i modi di eseguirlo nei migliori dei modi ce ne sono ma ci sono stati e forse e purtroppo ne esistono ancora. È terribile non poter difendersi e sentirsi adulti quando si é nel pieno dell'infanzia. Malgrado tutto il grigio/noir nella mia infanzia ho sempre cercato di giocare molto all'aperto e di divertirmi, il problema nasce subito dopo quando entri in casa o entri in classe alla campanella della scuola. Neppure se ci fosse un radar velocissimo non vorrei mai ritornare anche solo per un'attimo a quei tempi. Ho visto compagni di classe umiliati a scadenze più o meno regolari, da un pezzente ma patentato per esercitare la sua professione.
siska 8 mesi fa su tio
@pillola rossa Il reato sessuale contro i bambini come hai descritto nelle ultime righe da parte di docenti e terribile come é uno dei terribili pesi che questi bambini si devono portare e trascinare nelle loro vite violate e violate due volte. Il timore reverenziale non porta da nessuna parte porta ad aver paura della vita. Nei miei pensieri ci sono sempre questi bambini ormai adulti e bambini di oggi...chissà quanti pesi riescono a portarsi dentro. Il peggio del peggio é chi si é sempre girato dall'altra parte ben sapendo o chi gira perché non vuole crederci, sono identici ai violatori e ladri d'infanzia anzi a tratti li vedo come beffardi. Non finirò mai di ripetermi per tanti é meglio credere che tutto vada bene e che non esistono tali sciagure. Nella mia sensibilità a volte sto male ma spero che i nodi vengano sempre al pettine perché queste violazioni sono un'ombra gigante sulla nostra società.
pillola rossa 8 mesi fa su tio
@siska Fra tutte le diverse personalità trovo che le persone resilienti abbiano una marcia in più e siano preziose per tutta la comunità. Certo, danno immenso fastidio a quelle persone prive di empatia e a quelle che non sanno vivere nel presente. Ma quando riesci a superare le difficoltà non temi più nulla.
siska 8 mesi fa su tio
@pillola rossa Pillola rossa, quanto e tanto di vero in quello che dici. Le difficoltà a volte sono una gramigna ma quando si riesce a superarle soprattutto nell'azione, é già una vincita.. poi il non temere più nulla é come avere una molla....
Bacche80 8 mesi fa su tio
Sotto un certo punto di vista sarebbe anche troppo facile se uno schiaffone di tanto in tanto risolvesse i problemi. Purtroppo non è così. Tanto disagio giovanile è dovuto a situazioni familiari problematiche: consumo di alcool, droga, gravi problemi di soldi, dipendenze. I bambini sono le vittime. Quanti crescono senza un adeguato supporto? Poi sarebbe bello sapere se effettivamente questi "giovanistri di oggi" non le hanno mai prese. Secondo me i giovani con comportamenti violenti sono pure quelli che ne hanno prese di più.
Marcello De Gregorio 8 mesi fa su fb
Tesi alquanto discutibili. Senza contare poi del manifesto che parla soltanto di papà. Naturalmente il papà Orco che ti massacra e la mamma Angelo che ti accarezza soltanto.
Eva DeeVa Poletto 8 mesi fa su fb
Violenza domestica è diverso da educare... picchiare o urlare senza motivo è violenza domestica, lo sculaccione oppure lo “sguardo serio” dato al bambino indisciplinato è educare! A volte vedo genitori che rimprovarano giustamente i figli ma poi si sentono in colpa e addirittura chiedono scusa e lo riempiono di coccole!! ? Abbiamo una serie di ragazzini cresciuti con tante belle parole prese da libri e studi che non hanno più rispetto per gli adulti/anziani, piccoli dittatori a cui non è stato insegnato mai di stare al proprio posto e che pensano che tutto il mondo giri attorno ai loro vizi e capricci! Io non conosco la soluzione al dramma in cui sta cadendo la società, ma di sicuro non siamo sulla strada giusta al momento!!! ?
Michela Michi 8 mesi fa su fb
Eva concordo!
Cinzia Foglia 8 mesi fa su fb
Rosalba Room Agostinacchio
Fafner 8 mesi fa su tio
Se solo penso che 30 anni fa girava qualche schiaffetto anche a scuola, va detto anche giustificato visti gli individui. Oggi per la stessa cosa scatterebbe la denuncia e il pubblico ludibrio sulla stampa o nella rete, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Violenza gratuita ovviamente no, ma al solito si sta estremizzando portando il tutto fino al limite del grottesco, di questo passo tra 10 anni nemmeno li si potrà più sgridare.
Tiffany Ty 8 mesi fa su fb
Io temo molto di più la violenza psicologica...
TinAngel Dario Ferrini 8 mesi fa su fb
nessuno parla di quella... poiché richiede autoanalisi da parte del genitore!
sedelin 8 mesi fa su tio
ancora una volta la conferma che la Protezione dell'infanzia Svizzera capisce nulla dello sviluppo del bambino. sono d'accordo pienamente con katia bonatti: i bambini non vanno sollecitati a "essere forti", al contrario, essendo creature fragili perché in crescita, hanno bisogno di cure amorevoli e di protezione da parte degli adulti. sono quest'ultimi a dovere qualcosa ai bambini, che hanno bisogno di educazione e LIMITI dati con autorevolezza.
Elviana Ella 8 mesi fa su fb
Io dico solo..GRAZIE ai miei genitori per gli schiaffi presi..
Marco Bianconero 8 mesi fa su fb
Ne volano troppo poche di sberle al giorno d’oggi
Alex Tehnnison 8 mesi fa su fb
Spesso gli schiaffi non dati dai genitori producono figli che prima o poi prenderanno pugni in faccia da qualcuno in giro x strada......
Vania Montagna 8 mesi fa su fb
Educare è prima di tutto dare l esempio. Ad alzare le mani sono capaci anche gli incapaci, soprattutto gli incapaci..
Chiara Ferroni 8 mesi fa su fb
Vania Montagna Concordo! Mi domando che bestie di genitori abbiano avuto quelli che si vantano di avere preso botte da piccoli
Laura Bernasconi 8 mesi fa su fb
Genitori cge al momento giusto ci hanno raddrizzato !!!!!
Natascha Valli 8 mesi fa su fb
Chiara Ferroni genitori che ci hanno insegnato cos'è il rispetto delle regole e il rispetto per i genitori. Preferisco i genitori che danno delle sculacciate educative piuttosto che i genitori di oggi che crescono bambini maleducati, arroganti, prepotenti e chi più ne ha più ne metta.
Valentine Cucciati Mancuso 8 mesi fa su fb
Vania Montagna Uno dei pochi commenti che condivido !!!
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Salvo poi creare la società odierna. I miei figli non sono ancora adulti ma sono molto educati e non ho usato le percosse a scopo educativo. È che usare punizioni corporali è tanto più semplice (e semplicistico, inteso per persone con pochi mezzi a livello di intelligenza (emotiva)) e veloce per i genitori, ma le conseguenze di violenza fisica e psicologica (chissà quanta ne usano coloro che credono in quella fisica!) non sono da sottovalutare, se non seguiranno l'esempio genitoriale e useranno il cervello per farsi qualche domanda.
Pasquale Frasca 8 mesi fa su fb
Debora Marçal ha ragione..io le botte le darei a quei genitori che nn sono stati capaci di educare i propri figli e pensano che siano i più educati del pianeta
Graziella Abbate 8 mesi fa su fb
Chiara Ferroni nessuna bestia di genitore anzi uomini e donne che hanno prima di tutto insegnato il rispetto e se arrivava una schiacciata nn arrivava mai alla leggera..e sia ben chiaro..nn massacravano
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Graziella Abbate picchiare è insegnare RISPETTO? Se tuo figlio picchia un altro bambino ???
Leila Blu 8 mesi fa su fb
un gran applauso ai quei genitori che sono stati capaci di tirare su i figli EDUCATI ma senza schiaffi!
Michelle Jordan-Azzalini 8 mesi fa su fb
Debora Marçal concordo
Speranza Melis 8 mesi fa su fb
No coment
Liz Der Witz 8 mesi fa su fb
Come si può riempire di botte un essere che non è neanche in grado di capire quello che ha fatto? Che uno schiaffo riporti il quindicenne in crisi alla realtà ci sta, ma qua stiamo parlando di casi dai 0 a sei anni, età in cui il bambino non riconosce il giusto e il sbagliato, di sicuro picchiandolo non migliori la cosa, anzi ne approfitti di un esserino che non è neanche in grado di capire cosa stia succedendo
Liz Der Witz 8 mesi fa su fb
E tranquilli che poi le conseguenze si riflettono sull'intelletto e sulla stabilità emotiva di vostro figlio
Piera Mazzei 8 mesi fa su fb
Liz Der Witz si allora va bene tutti drogati a 20 anni avranno il fegato spappolato
Liz Der Witz 8 mesi fa su fb
Piera Mazzei sinceramente non ho capito il tuo commento
Laura Bernasconi 8 mesi fa su fb
E invece e proprio in quella dascia d' eta che si da l' imprinting, quando dai tre anni in su cominciano a sfidarti per capite dove sta il limite. E se non gli metti subito l' asticella bassa piu si sentono liberi piu prenderanno sottogamba le regole.
Liz Der Witz 8 mesi fa su fb
Laura Bernasconi certo, ma penso si possa dimostrare chi comanda senza dover ricorrere per forza alla violenza
Natascha Valli 8 mesi fa su fb
Liz Der Witz ma per favore chi non ha mai beccato sculacciate in questo mondo?! Io le prendevo e sto DA DIO ho 27 anni e so cosa sia il rispetto delle regole e il rispetto per i miei genitori ( tendevo ad essere ribelle) ma grazie a quelle sculacciate sono venuta su bene. Il ferro va battuto finché e caldo, poi una volta freddo non lo raddrizzi più. Prova e che vedo bambini e ragazzini maleducati,prepotenti,arroganti chi più ne ha più ne metta. Certe volte le parole e le punizioni non bastano. Un esempio una volta al supermercato ho visto un bambino urlare contro la madre un bel sonoro "vaffanculo ti odio " solo perché la madre gli ha negato il gioco che lui voleva. Ecco io se facevo una cosa così davanti a tutto il superamento ne prendevo tante ma tante che me le ricordavo per il resto della mia vita.
Vivianne Achermann 8 mesi fa su fb
Nemmeno a 15 anni si dovrebbero ricevere gli schiaffi. La violenza non è mai una soluzione. Invece è proprio a quell'età che si da'imprinting? Imprinting de che? Se a tre anni insegni a tuo figlio che se non si comports bene otterrà uno schiaffo non crescerai un bambino più educato. Sia come educatrice, sia come sorella, sia come babysitter ho sempre (SEMPRE) avuto la dimostrazione che con le gentilezze si ottiene MOLTO di.più che cominciare a sgridare/punire. Il bambino disegna.sul muro e gli tiro uno schiaffo? NO. Perché invece non provare a spiegare come mai non bisogna farlo e poi trovare un'altra soluzione che lo gasi ancora di più? Violenza insegnerà violenza. Se tiri uno schiaffo a tuo figlio invece di parlargli, non gli insegnerai ad essere educato, anzi, gli insegnereai che sei un codardo e idiota, le mani arrivano dove il cervello non riesce a farcela. Smettiamola con sta storia che negli anni 50 i bambini erano molto.più educati, perché non è cosi, erano TERRORIZZATI. Eh chiaro, ricevere il battitappeto sul culo, o il righello, o chi più ne ha piu ne metta, non è divertente...ma questi sono metodi vecchi per fortuna. Genitori o dittatori? Guadagnarselo.il rispetto o pretenderlo attraverso la paura? Chiaro che se prendete i vostri figli a schiaffi vi rispettano, ma non per scelta, e io non ne andrei fiera se cosi fosse
Vivianne Achermann 8 mesi fa su fb
Veramente fa ridere pensare che la gente ritenga giusto ricevere schiaffi da bambini. I primi anni dellla nostra vita sono I PIU IMPORTANTI, I PIÙ INDELEBILI. Lo sapete che è qui che si costruisce la.fiducia del proprio "io"? Non perché tua madre ti prendeva a schiaffi significa chr era giusto. Da genitori vi sentite cosi poco di impatto verso.i vostri figli, che se fa una cazzata vi sentite subito sfidati e dovete chiarire "che siete.voi quelli che comandano". Ecco perché poi i vostri figli vi prendono.per il culo. Togliete l'asticella "io genitore =io capo" magari non divrete ricorrere a prendere a schiaffi vostro.figlio. E comunque magari ponetevi qualche domanda, i bambini più agitati e senza controllo sono coloro che richiedono piu attenzioni. E non perche siano viziati, magari perché hanno dei genitori che non se li cagano mai (anzi, lo cagano solo.per sgridarlo e magari anche per prenderlo a schiaffi visto che secondo alcuni è giusto)
Liz Der Witz 8 mesi fa su fb
Natascha Valli mia madre mi ha dato uno schiaffo in tutta la mia vita, ciò nonostante sono riuscita benissimo a crescere senza diventare una testa di cazzo
Aline Panda Marchesi 8 mesi fa su fb
Liz Der Witz io penso che dipenda tanto da bambino e bambino. Io ho tre figli, stesse regole e stessa educazione. La prima bravissima, ho dovuto intervenire raramente in modo deciso. La piccola è una piccola ribelle che sfida e provoca di continuo. Non dico menatemi figli costantemente, ma una sculacciata ogni tanto fa solo bene. Io ho preso due sberle in tutta la mia vita, tanti castighi e son bastate a farmi capire cosa potevo o non potevo fare.
Ingrid Vescio-Scolari 8 mesi fa su fb
Se si aspettano i 6 anni per educare ciaone ti fanno fuori, i bambini sono creature molto intelligenti e capiscono benissimo pure a 2 anni, e si educa subito, le botte no educazione si
Milena Locatelli Imperatori 8 mesi fa su fb
Io ho iniziato a prendere botte a 3 Anni.. da ragazzina ho iniziato ad avere attacchi di panico che ho tutt' ora a 46 anni per non parlare di altri problemi...Non dovrebbero mai succedere queste cose...le botte non educano ti fanno solo crescere di merda
Pamy Bernardi 8 mesi fa su fb
Sberle e sculacciate date quando i figli si comportano male e/o disubbidiscono è più che giusto!! È puro maltrattamento chi li picchia così tanto per divertimento senza nessuno scopo!! ?
Ravi Von Verwandt 8 mesi fa su fb
Un conto sono i maltrattamenti veri e propri, un altro sono le sberle educative...
Matteo Lavizzari 8 mesi fa su fb
Ravi Von Verwandt sai che secondo i grandi studiosi.... neanche quelle servono......
Patrizia Wullschleger 8 mesi fa su fb
Ravi Von Verwandt se poi sono sul sedere....ecco non mi piacciono in faccia....ma uno schiaffetto sulle mani o sul sedere ci sta...certo non devi romperli ?
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Ravi Von Verwandt spiegarlo a certa gente.. siamo tutti stati cresciuti da dei mostri cattivi! Troppa ignoranza ancora in giro
Ravi Von Verwandt 8 mesi fa su fb
Laila Berger può anche essere...ma siamo cresciuti meglio
Ila Pol 8 mesi fa su fb
ma questi psicologi hanno figli? se si , li curano loro personalmente 24h su 24 oppure hanno le baby sitter? si vede il risultato di “tanto buonismo giustificativo coi figli”.. si Paolo Mac ESTINZIONE!!
Anna Witschi-Schurter 8 mesi fa su fb
Nur schwache Erzieher schlagen. Konsequenz und keine leeren Drohungen wäre besser. Wer aus Angst gehorchen muss braucht Ventile. Anstand muss man Vorleben! Gewalt hat keine Berechtigung in der Erziehung.
Gusme Cinto 8 mesi fa su fb
poi siamo noi genitori per la società i colpevoli dei figli maleducati senza una sberle sul culo !!!! io non ne ho risparmiate e sono orgoglioso che non fumano , non bevono e non si drogano , ne ho 3 .
Chiara Ferroni 8 mesi fa su fb
Gusme Cinto nemmeno io fumo bevo o mi drogo, ma non ho mai preso botte nella mia vita. Non è mica obbligatorio menare i figli eh
Giorgia Camponovo 8 mesi fa su fb
Chiara Ferroni bravissima, condivido!!!?
Gusme Cinto 8 mesi fa su fb
Chiara non parlo di botte fisiche parlo di botte vocali ?????
Antonino Sidoti 8 mesi fa su fb
Silvia Mariana De Marco
Silvia Mariana De Marco 8 mesi fa su fb
Quando si cerca di agire in buona fede, e invece si alza un polverone... ? P.s. Non siamo mai stati granché a livello pubblicitario, ahimè
Sylvan Rusca 8 mesi fa su fb
Giusto intervento della Bonatti. È ora che l'Aspi faccia un passo avanti. Sono poi gli stessi che dicono di NON controllare il telefonino ai figli per rispetto della privacy.....a 11-12 anni !!
Laura Bernasconi 8 mesi fa su fb
11/12....mio figlio il primo telefonino a 15 , quando ha iniziato a dare l' apprendistato e andava al lavoro in motorino, scheda prepagata, in caso restasse a piedi. Poi che lo usava anche per i messaggini ci stava. Ma quelli ersno altri tempi ??
Barbara Devittori 8 mesi fa su fb
il mio 14 anni e non c’è la e finché non lavora niente...è giusto così.... per me
Giuliano Forlini 8 mesi fa su fb
Ma io devo ringraziare gli schiaffi presi se sono cresciuto educato e rispettoso...si vedono i risultati di tutti gli schiaffi che non si danno più
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Infatti poi si vedono in giro tutti i risultati degli schiaffi non dati ?
Gian Luca 8 mesi fa su fb
Laila Berger parole sante!
Mariagrazia Borrelli Jaria 8 mesi fa su fb
Io non do schiaffi in faccia, ma sculacciate sì. Senza esagerare, ovviamente! È un modo per far capire che c'è un limite a tutto, soprattutto se esagerano nel fare capricci insensati. Sti bimbi devono avere dei paletti, perché se tutti continuiamo ad esser amici dei figli, roviniamo solo le nuove generazioni. E basta anche!
Juli Uribe 8 mesi fa su fb
bestie
Graziella Abbate 8 mesi fa su fb
Laila Berger è quello che stsvo pensando pure io..mia nonna diceva..shciafa ben dada..mai desmentegata in determinate situazioni..vale più di mille parole..
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Juli Uribe bestie chi scusa?
Juli Uribe 8 mesi fa su fb
Chi picchia i bambini pensando che sia educativo! Solo gli animali si compattano così! Abbiamo una neo corteccia che ci permette di ragionare!! Usiamola... ✌?❤️
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Juli Uribe c’è differenza tra sberla educativa e botte vere e proprie. Se non ci arriva pazienza!
Juli Uribe 8 mesi fa su fb
Laila Berger hai ragione tu! ???
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Juli Uribe leggiti i commenti e fattene una ragione. Direi che il termine “bestie” è parecchio fuori luogo ?
Juli Uribe 8 mesi fa su fb
Stai nella ti ignoranza! Chiudo! Buona continuazione! Pure tirare una sberla a un bambino è fuori luogo!! Pensaci... puoi dire quello che vuoi non cambierai di certo la mia idea! Siete bestie basta... addio!!
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Si si bestie di satana, brutte e cattive ?? Di ignoranza qua c’è solo la tua, mi dispiace dirtelo! Ciao ciao
Stefano Poncini 8 mesi fa su fb
Laila Berger ascolta Juli Uribe che i suoi commenti valgono molto di più di tutti i like che hai ricevuto con il tuo commento. I problemi di oggi non sono dovuti alle sberle non date ma all’assenza di empatia dei genitori verso i figli. Ci vuole amore e non violenza e per quanto tu creda che la sberla che dai sia educativa la stessa sberla che tuo figlio/a riceve viene percepita come violenza. E quella violenza la porterà fuori casa e la userà su qualcun’altro visto che i genitori gli han fatto credere che sia normale mettere le mani addosso. Prova a rifletterci.
Laila Berger 8 mesi fa su fb
Stefano Poncini beh io ne ho ricevute diverse di sberle, pizzicotti sotto al tavolo, ciabattate.. Non ho mai toccato nessuno.. E come me sicuramente molti altri. Come te lo spieghi questo?
Stefano Poncini 8 mesi fa su fb
Laila Berger sono felicissimo per te e sei un buon esempio, ma cerca di guardare oltre a quello che credi di sapere. https://it.m.wikipedia.org/wiki/Bias_di_conferma
Stefano Poncini 8 mesi fa su fb
Laila Berger è l’errore più comune di pensiero che facciamo tutti. Sicuramente ci sono molte altre persone come te, ma ce ne sono molte altre a cui le sberle educative non sono servite a niente di buono. Siamo tutti diversi e siamo umani non robot, ogni bambino andrebbe capito e educato di conseguenza. La sberla che i tuoi genitori han dato a te senza conseguenze negative potrà non essere la stessa sberla che un bambino più emotivo riceverà e potrà ferire. Te lo direi di persona con il cuore in mano per cui il massimo che posso fare è invitarti a capire; quelle ferite non guariscono.
Mery Gatto 8 mesi fa su fb
Stefano Poncini Io sono pienamente d’accordo con tutto quello che hai scritto. Devo dire che anche i miei genitori di vecchio stampo come tanti genitori al occasione c’era la sberla piuttosto che la scarpata e via dicendo, magari una persona può anche ridere leggendo questa cosa, però non fa ridere perché è vero non è educativo e non è una cosa normale tirare una sberla o una sculacciata o altro. Deve essere in grado di capire con il dialogo, cercando di farli capire cosa è giusto che cosa è sbagliato, poi chiaro che quando non capisce ci sono altri modi di farglielo capire, glielo dici cento, mille volte finché li entrerà in testa... o quando fanno capricci o si comportano male che con il dialogo non ha servito ci sono i castighi che la aiutano a riflette. Io ho un bimba di quasi sei anni, io amo parlare con lei e mi piace che abbiamo un buon dialogo, lo so che è ancora piccola, ma fidatevi che quando facciamo i discorsi sembra davvero una persona adulta, e più delle volte rimango sbalordita di quanto sia avanti a capire le situazioni è quello che la vita ci porta ogni giorno ad affrontare. Il dialogo è davvero tutto, poi ognuno è giusto che la pensa a modo suo, ma per me questo è la chiave di un rapporto sano e rispettoso. Buona serata a tutti e buon feste
Juli Uribe 8 mesi fa su fb
Stefano Poncini ???
Lolly Rovere 8 mesi fa su fb
Juli Uribe solo gli animali? Allora non conosci il mondo animale!
Stefy La Bernese 8 mesi fa su fb
Laila Berger io direi che si vedono in giro i risultati del poco amore e comprensione dati ai bambini più che di schiaffi, che a mio avviso sono fuori luogo se si é capaci di educare in modo corretto...
Zey G. Pinto Ozyurt 8 mesi fa su fb
Sberla educativa?! Quindi se tuo marito crede che hai sbagliato e ti dà una sberla educativa fa bene? Mettiti nei panni del bambino che riceve la sberla, buona serata.
Angela Ceraudo 8 mesi fa su fb
Per questo stiamo crescendo figli ribelli e maleducati !! Sono propio loro che ci portano a crescerli cosi dove adesso i figli fanno i genitori e i genitori i figli ... abbiamo paura di loro .. non si possono ne anche guardarli che i nostri figli sono delle istituzioni ..
Natascha Valli 8 mesi fa su fb
Poveri noi...... lo sculaccione va benissimo almeno non c'imbattiamo in soggetti come certi ragazzini del giorno d'oggi!!!!!!!!
Lolly Rovere 8 mesi fa su fb
Oddio.... cosa dovremmo dire noi, che nonna e mamma si alternavano con battipanni e zoccole di legno... con tanto di fibbia???
Angela Bruno 8 mesi fa su fb
Lolly Rovere La ciabatta era quella che faceva più male!!!
Lolly Rovere 8 mesi fa su fb
Angela Bruno ????
Laura Bernasconi 8 mesi fa su fb
Arrivavano con precisione micidiale, il peggio era quando la combinavi proprio grossa e spuntava il battipanni ???
Lolly Rovere 8 mesi fa su fb
Laura Bernasconi il GPS sulle ciabatte lo avevano inventate loro.... poi sono stati “reinventati” per le macchine
Norys Cerda Lara 8 mesi fa su fb
Non sono d’accodo con i maltrattamenti ma una sculacciata ogni tanto ci vuole, i nostri genitori hanno fatto un ottimo lavoro, non per niente Einstein ha detto che avremmo creato una generazione di idioti e i risultati sono ovunque ormai
Pat Novo 8 mesi fa su fb
Fate ridere.
Paolo Mac 8 mesi fa su fb
Questi non stanno bene!? Estinguiamoci please?
Mara Athena 8 mesi fa su fb
Ora lo schiaffo dato di tanto in tanto é già maltrattamento...andiamo bene ? Ma quello che mi colpisce sarebbe capire come é stata fatta la statistica. Sono curiosa perché spesso vedo scene solo di mutismo e rassegnazione a genitori che vengono maltrattati psicologicamente e anche fisicamente dai propri figli . E questi sono l’altra metà o o la minoranza di chi non occuparsi ? Una sberla non ha mai ucciso nessuno se ovviamente data nel modo e contesto giusto . Se invece c’è frustrazione e rabbia concordo che questa può degenerare. Quello che un po’ non mi torna é tale statistica . Sarebbe interessante avere questi “dati”....
Akita DeGio 8 mesi fa su fb
Stando a quanto sostengono gli psicologi, avremmo dovuto avere orde di disagiati....invece mi sembra che i ragazzi piu problematici ci siano ora... ora che viene detto da cervelloni che bisogna parlare, lasciar fare ecc, poi si vede il risultato...ragazzi che non rispettano l'autorità, maleducati, svogliati e non in grado di affrontare il mondo reale, dove nessuno ti prende per mano e ti spiega 2 volte le cose... premetto che non sono a favore di menare i bimbi, ma occasionalmente per necessità 5dita stampate sul sedere servono....è memoria tattile....
Loredana Guglielmetti 8 mesi fa su fb
Akita DeGio Pienamente d'accordo??!!!
Ivy Touili 8 mesi fa su fb
Giustissimo!!!!!
Emma Marafante 8 mesi fa su fb
Akita DeGio sono d’accordo con te, abusi assolutamente noooo ma uno sculaccione quando serve non ci ha mai ucciso , se penso al battipanni di mamma sorrido ancora ma mi ha insegnato molto????
Laura Stella 8 mesi fa su fb
Akita DeGio d’accordissimo!!! Infatti adesso si vedono in giro i risultati delle “sberle” mai prese!!!!
Anna Witschi-Schurter 8 mesi fa su fb
Laura Stella Glauben sie ja selber nicht. Es sind meistens vernachlässigte Kinder, Mamas deren Handy und Shopping wichtiger sind?
Debora Marçal 8 mesi fa su fb
Akita DeGio infatti orde di disagiati ci sono. Non si capisce la differenza tra regole e punizione, pensa te.
Graziella Abbate 8 mesi fa su fb
Emma Marafante perché tu nn lo nascondevi????
Graziella Abbate 8 mesi fa su fb
Miriana Rodrigues 8 mesi fa su fb
Chi non ha mai preso sberle? Anzi, tanti non ne hanno ricevute abbastanza, poi ci sono i genitori rammolliti che piuttosto che dare qualche sberle ai figli, si fanno rispondere male. Fino a 10? Io avevo diritto di fuga fino al 3?
Graziano Vassalli 8 mesi fa su fb
Anche io
Graziella Abbate 8 mesi fa su fb
Miriana Rodrigues tu diritto di fuga io manco l'appello...subito la sentenza..stasera lo dico a tuo padre...sentenza e condanna
Graziella Abbate 8 mesi fa su fb
Manuela Ravi 8 mesi fa su fb
Non sono nulla in confronto alle cinturate e alle ciabatte volanti ?
Monica Gonzalez 8 mesi fa su fb
Manuela Ravi confermo e le ciabatte facevano pure la curva non si sa come mai ???
Ili Del 8 mesi fa su fb
Manuela Ravi e il lancio dei mestoli e rincorsa con battipanni di vimini...
Chiara Ferroni 8 mesi fa su fb
Manuela Ravi perché vi vantate di queste cose? ?
Riccardo Pullarà 8 mesi fa su fb
Manuela Ravi cari vecchi tempi!!!
Natascha Valli 8 mesi fa su fb
Chiara Ferroni ma per favore chi non ha mai beccato sculacciate in questo mondo?! Io le prendevo e sto DA DIO ho 27 anni e so cosa sia il rispetto delle regole e il rispetto per i miei genitori ( tendevo ad essere ribelle) ma grazie a quelle sculacciate sono venuta su bene. Il ferro va battuto finché e caldo, poi una volta freddo non lo raddrizzi più. Prova e che vedo bambini e ragazzini maleducati,prepotenti,arroganti chi più ne ha più ne metta. Certe volte le parole e le punizioni non bastano. Un esempio una volta al supermercato ho visto un bambino urlare contro la madre un bel sonoro "vaffanculo ti odio " solo perché la madre gli ha negato il gioco che lui voleva. Ecco io se facevo una cosa così davanti a tutto il superamento ne prendevo tante ma tante che me le ricordavo per il resto della mia vita. E questo non è questione di vantarsi.
Manuela Ravi 8 mesi fa su fb
Chiara Ferroni nessun vanto ? pura verità!
Monica Gonzalez 8 mesi fa su fb
Chiara Ferroni almeno siamo cresciuti con dei valori tipo il rispetto per gli altri per i genitori per l’autorità... ecc eppure siamo ancora qui a vantarcene come dici te! Si sono orgogliosa di aver preso quelche sberla o ciabatta e ringrazio ancora oggi i miei perche ora sono i genitori a dover subire tutto dai figli e cosi c’è delinquenza in giro!! Ma dai qui siamo tutti che abbiamo preso qualche sberla e ringraziamo per come ci hanno educato
Monica Gonzalez 8 mesi fa su fb
Ili Del vero e il tempo per cercare di scappare era fino al 3 ma non ho mai capito se era solo mia madre a non saper contare perche al 2 era gia partita la sberla o battipanni o ciabatta ???
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

«Voleva fare pagare all'ex compagna, la sua ritrovata serenità»

Serata da incubo per una donna tra le mura domestiche. Picchiata, abusata e costretta a fuggire nuda dal terrazzo. Il suo "carnefice" è alla sbarra. Parla l'avvocato della vittima

LUGANO
2 ore

«Quest'uomo ha messo la testa di suo figlio nel bidet»

Guai grossi per un 56enne a processo per violenze in famiglia. La procuratrice pubblica Valentina Tuoni chiede, per lui, una pena detentiva di cinque anni di carcere

FOTO E VIDEO
ROVEREDO
2 ore

Frontale nella galleria San Fedele, due i feriti

Sul posto la Rega. Galleria chiusa in entrambe le direzioni, non sarà riaperta prima delle 14.30

LUGANO
3 ore

«Stasera i tuoi figli ti raccoglieranno a pezzettini»

È una delle frasi choc che emergono dall'atto d'accusa nei confronti di un 56enne alla sbarra per una lunga serie di reati. Avrebbe più volte usato violenza sulla compagna e i figli

LUGANO
4 ore

Donna morta in albergo, scarcerato il compagno

Il 69enne è stato trasferito in una struttura specializzata oltre San Gottardo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile