Deposit
CANTONE
16.11.18 - 07:050
Aggiornamento : 10:24

Canapa, compost o depuratore: scopriamo chi puzza di più

Le coltivazioni di erba light sotto esame olfattivo. Ma le fonti moleste sono diverse. Ecco quali e quante segnalazioni riceve il Cantone. E per stabilire il limite di tolleranza c’è un “pool” di nasi

BELLINZONA - «Puzza di più il depuratore di Bioggio» ha detto al CdT un coltivatore di canapa light. E dietro quel “più” si spalanca un mondo di odori, più o meno molesti, che l’autorità è chiamata a soppesare. Tenendo presente che la sensibilità varia da persona a persona e il disagio, se prendiamo il caso della canapa, può dipendere da altri fattori: dalla sicurezza, fino al pregiudizio sulla sostanza (legale) o verso le persone che orbitano in questo business.


Tipress

Questione di percezione - A lungo additato come “impianto delle puzze” il depuratore di Bioggio fatica a scollarsi di dosso l’immeritata etichetta: «Le fonti degli odori che si percepiscono dalle parti del Vedeggio sono diverse, ma escluderei la nostra - dice Laurent Kocher, direttore del Consorzio depurazione acque Lugano e dintorni (Cdaled) -. Abbiamo fatto importanti investimenti nel trattamento dei fanghi che avviene in locali chiusi con sistemi di deodorizzazione. Il colore marrone nelle vasche all’aperto dipende invece dai batteri usati per il processo biologico. Ma da lì non esce puzza», dice il direttore del Cdaled, fornendo una pista: «Dev’esserci una fonte industriale in territorio di Bioggio da cui escono odori molto marcati… Ormai ho il naso da esperto».


Tipress

Ecologia e compost - Altra zona, altri problemi. Gli abitanti di Taverne da un ventennio convivono con gli effluvi che scendono dalla collina. Fonte la piazza di compostaggio della ditta Caiscio che sorge nel bosco soprastante. Anche in quel caso narici molto sollecitate, come conferma il sindaco Tullio Crivelli, che però da titolare di una fattoria è più tollerante verso i profumi del campo: «Anni fa il problema della fermentazione era più marcato, poi usando enzimi naturali e nebulizzandoci sopra acqua sono riusciti a trattenere le emissioni di gas che possono ancora disturbare nei giorni, come ieri l’altro, di bassa pressione. La Caiscio aspetta comunque il via libera cantonale per costruire un capannone. Ma le procedure sono lunghe». È l’altra faccia dell’ecologia, conclude Crivelli, «non poter bruciare gli scarti vegetali comporta, nel rispetto delle regole, l’accettazione di alcune situazioni».


Tipress

Il formulario degli odori - Sebbene l’odore rimanga qualcosa di impalpabile e sfuggente, esiste per il cittadino un canale di segnalazione. Ci sono anzitutto gli sportelli comunali, ma poi è disponibile anche - online - un formulario da inoltrare al Cantone «Sì, questo formulario ha lo scopo di raccogliere le informazioni relative alla presunta origine, all’intensità e alla frequenza degli odori molesti, affinché si possa intervenire in modo concreto verso l’attività che lo causa» spiega Mirco Moser, capo dell’Ufficio dell’aria, del clima e delle energie rinnovabili. Nel concreto le segnalazioni variano, però dice il funzionario, «in media sono una decina di casi all’anno. Sicuramente la sensibilità della popolazione è aumentata, ma è bene ricordare che in Ticino il fondovalle rappresenta solo il 17% della superficie e, in questa porzione di territorio sono concentrate tutte le attività umane».

Il pool dei nasi - Il problema si presenta in genere a ridosso di zone residenziali o miste. «Le attività per le quali riceviamo maggiori reclami sono quelle legate a industria, agricoltura e agro-alimentare. Il formulario serve a monitorare la situazione, prima di fare una segnalazione o un reclamo». Sono informazioni, aggiunge Moser, che permettono di capire la frequenza del disturbo e di individuare anche la fonte e quindi di intervenire in modo concreto. La valutazione del disagio, se fondato, passa attraverso delle analisi olfattometriche. Vengono prelevati campioni di aria e poi creati altri campioni a concentrazioni note della sostanza maleodorante che vengono sottoposti a un pool formato da persone comuni, il cui naso determinerà a che livello subentra il disagio.

I provvedimenti - In ogni caso, sottolinea Moser, «la prima istanza a cui rivolgere una segnalazione di molestia per odori è sempre l’autorità comunale. L’ufficio cantonale interviene a supporto dei comuni e, identificata la causa, collabora alla ricerca dei provvedimenti immediati e di soluzioni praticabili con il titolare dell’attività che genera molestia. Come per tutte le procedure, le sanzioni e i richiami entrano in linea di conto solo se la ditta interessata agisce fuori dalla legalità».

Tipress
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
Anide Pinco 1 anno fa su fb
La canapa puzza più di tutte in assoluto
Tato50 1 anno fa su tio
Quello che abitava con una quindicina di cani ;-))
Pry Pry 1 anno fa su fb
I grandi problemi..
Fran 1 anno fa su tio
La.puzza peggiore subisce decisamente chi vive nelle zone di Gordola e Riazzino. Il puzzo della Compodino non solo è insopportabile ma addirittura molesta. Se una puzza ti impedisce a passeggiare fuori o aprire le finestre di casa, questa è, e rimane molestia.
cave 1 anno fa su tio
vogliamo parlare di quando i contadini spargono letame a quantità industriale sui prati…(sicuramente farà bene ma qui si discute sugli odori)
Fran 1 anno fa su tio
@cave Soprattutto lo spargono guarda caso volentieri di sabato quando il mondo gira nei ce tri commerciali (v. I contadini a S.Antonino e dintorni). Una vera gioia per l'olfatto, jeah!
Raffaele Foletta 1 anno fa su fb
Il Ticino il selvaggio west.... ???
sedelin 1 anno fa su tio
un'altra fonte di puzza sono certi "profumi" invadenti che danno l'idea di un puttanaio. e questi te li trovi sugli ascensori, le scale, gli uffici, i negozi.....
Nmemo 1 anno fa su tio
@sedelin Vero. Talvolta te li trovi anche al ristorante, al tavolo accanto. E' uno stato irritativo per chi ha problemi respiratori. Ma questo oggettivamente è un problema che si pone in altri termini.
Nmemo 1 anno fa su tio
Ad esempio l’impianto per l’eliminazione delle carcasse di animali è stato progettato per non puzzare, ma puzza. Si misurino i VOC (numeri), senza andare a naso. L’impianto è gestito direttamente da ACR, paradossalmente, con il direttore DT nel consiglio di amministrazione. Non si tratta di lamentarsi, si esercita un diritto. Gli impianti vanno controllati a norma, d’ufficio, senza attendere le segnalazioni dei cittadini.
Shion 1 anno fa su tio
@Nmemo Idealmente. Ma in Ticino....utopia.
Orso 1 anno fa su tio
siamo abituati a reclamare per ogni cosa. a darci fastidio uno con l'altro. che bella vita......
VISIO 1 anno fa su tio
Purtroppo, come quasi d'abitudine le autorità preposte sostenute dai alti funzionari specialisti... dimostrano di non considerare le conseguenze. Il seguito viene messo allo sbaraglio. Speriamo ....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
BELLINZONA
36 min
“Rabadan 2020, il film: tutto quello che non avete visto”
Ultimo omaggio video alla 157esima edizione del carnevale della Capitale. Dalle mascotte di Tio/20Minuti agli Eiffel 65
CANTONE
3 ore
Un solo caso in Ticino. Stop ai carnevali, partite a porte chiuse
Il Governo e il DSS hanno aggiornato la popolazione sulla situazione. Le scuole riapriranno. Il 70enne «sta bene»
CANTONE
3 ore
Tornano le mascherine in farmacia, sul web c’è chi ne approfitta
Un fornitore sta facendo il giro del Ticino. Su tutti.ch si arriva a offrirle anche a 50 franchi l’una
CANTONE
4 ore
Influenza, Ticino e Grigioni sono i più colpiti
La nostra regione è di gran lunga quella in cui sono stati segnalati più casi
FOTO E VIDEO
BRUSINO ARSIZIO
4 ore
Incendio alle pendici del San Giorgio
Le operazioni di spegnimento sono rese difficili dal forte vento.
CONFINE
7 ore
In quarantena per un chilo di cocaina
Una donna è stata arrestata per spaccio, ma ha raccontato di essere stata nella "zona rossa"
LOSONE
7 ore
La valigetta non era pericolosa, fermato un uomo
Si tratta di un 55enne cittadino svizzero domiciliato nel Locarnese
FOTO E VIDEO
LOSONE
10 ore
Valigia sospetta, isolata la zona attorno alla Raiffeisen
È successo questa mattina verso le 8.30. Un uomo con volto coperto avrebbe preso a calci la borsa
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
10 ore
Volo di 6 metri nel teatro, rischia la vita
Grave un addetto alla manutenzione. Da chiarire le cause dell'incidente
CANTONE
10 ore
Coronavirus: «Necessari esami rapidi, il Ticino sarà d'esempio»
Lo specialista basilese: «La chiusura delle frontiere o i controlli alle dogane sono inutili»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile