Ecco l’ufficio postale più trendy del Ticino
Davide Giordano
RIVIERA
08.11.18 - 09:010
Aggiornamento : 12:53

Ecco l’ufficio postale più trendy del Ticino

“Rivoluzione” in tutta la Svizzera: centinaia di sedi classiche trasformate. E la gente polemizza. Cornelia e Barbara sono due giovani donne che hanno accolto il Gigante Giallo nel loro ostello

CRESCIANO – Le ultime scintille arrivano da Vacallo (ieri) e prima da Castagnola. Dove l’ufficio postale chiuderà e finirà in un esercizio pubblico. Un migliaio le firme raccolte, a suo tempo, contro questa decisione. Ma è solo uno dei tanti casi sparsi per l’intera Svizzera. Il Gigante Giallo ha deciso di chiudere gli uffici classici, là dove non rendono più. E di mantenere i servizi sul posto, appoggiandosi a partner fidati. A Cresciano, ad esempio, l’ufficio postale si trova, già dal 2014, all’interno dell’ostello gestito da Cornelia Steiner e Barbara Wägeli, due giovani donne piene di entusiasmo. Un luogo trendy, in cui ci sono pure bar e ristorante. «Alcuni – racconta Cornelia – si domandano se si possono fidare a fare i pagamenti o a ritirare raccomandate in un esercizio pubblico. Noi garantiamo il massimo della privacy».

Numeri importanti – L’obiettivo presentato nel 2017 dalla Posta è chiaro: entro il 2020, il numero di uffici postali in Svizzera dovrà passare da 1.400 a 900, o addirittura 800. Dopo questo annuncio, a sud delle Alpi sono già stati trasformati oltre 10 uffici. Ne resta da “verificare” una trentina. «Al momento – dice Marco Scossa, portavoce della Posta – abbiamo 153 filiali, di cui 100 classiche e 53 in partenariato. Alla base di queste chiusure, c’è un evidente calo delle operazioni effettuate agli sportelli».

Conti da fare quadrare – Un calo che si quantifica, rispetto agli inizi del 2000, con un 65% per le lettere, un 45% per i pacchi e un 40% per il traffico dei pagamenti. «”Trasformiamo” determinate sedi – riprende Scossa – anche perché, dal 1999, per volontà popolare, la Posta, di proprietà della Confederazione, riceve chiari obiettivi dal Consiglio federale a livello finanziario. E, in un certo senso, deve operare come un’azienda privata. Non riceviamo sostegni pubblici, paghiamo le imposte e versiamo un importante contributo alla Confederazione. Quindi dobbiamo autofinanziarci, fare quadrare i conti con le nostre forze per potere investire nel futuro».


Davide Giordano

Dalla casa per anziani al museo – A ogni chiusura, corrisponde un nuovo accordo di partenariato. A Morbio Inferiore, le operazioni postali possono essere sbrigate nella sede della Fondazione Casa San Rocco, una casa per anziani. A Meride, lo sportello è presso il Museo dei fossili del Monte San Giorgio. A Pedrinate, in uno snack-bar. In molte altre località, l’ufficio postale si trova in un negozio, o nella farmacia. «Ogni nostro partner riceve un’indennità fissa – precisa Scossa –. Più un’indennità basata sui volumi e una componente in funzione della qualità del servizio svolto».

Un aiuto all’attività – A Cresciano l’ufficio postale è stato chiuso nel 2003. Fino al 2014 era situato all’interno della cancelleria del paese. Poi, il passaggio all’ostello. «Avere un ufficio postale all’interno della propria attività – sottolinea Barbara – ti porta qualche cliente in più. Da noi c’è gente che viene a spedire una lettera, e poi, già che è qui, si ferma pure a bere il caffè». «Questo è un dato di fatto – aggiunge Scossa –. Alcune attività private si sono rilanciate proprio grazie al partenariato con la Posta».

Orari prolungati – Tra i lati positivi evidenziati dalla clientela di fronte alle nuove agenzie sembrerebbe esserci la possibilità di effettuare le operazioni postali al di fuori degli orari canonici d’ufficio. «È un concetto più flessibile», fa notare Scossa. «Anche se comunque – ribatte Cornelia – un po’ di regole ci vogliono. Noi abbiamo messo degli orari indicativi. Vediamo che la gente tende a sforare perché tanto sa che siamo aperti. È una questione un po’ da regolare, ma per adesso funziona».  


Davide Giordano

Una questione emotiva – E allora, se con le nuove agenzie davvero tutto è così positivo, perché ogni volta che La Posta decide di sopprimere un ufficio, la popolazione insorge? Scossa ha una sua spiegazione. «È una questione psicologica ed emotiva. L’ufficio postale fa parte di quelle “istituzioni” che il ticinese (e non solo) sente come “sue”, alle quali non intende rinunciare. Anche quando non ne fa uso quotidianamente».

Serve un compromesso – Il digitale, intanto, avanza. «E non possiamo permetterci di assumere il deficit generato dalla rete così come si presenta oggi – sostiene il portavoce del Gigante Giallo –. Ci vuole un compromesso, un mix ideale di punti di accesso diversificati, in grado di andare incontro alle altrettante diversificate esigenze della popolazione. Parallelamente, non dimentichiamoci che si continua a investire nel rinnovo di uffici postali tradizionali, come ad esempio a Lamone e a Vira Gambarogno».

Ingiustizia sociale – Alcuni vedono la chiusura dello sportello di paese come un’ingiustizia sociale. «Non ci sono mai stati licenziamenti in seguito a queste chiusure – ribatte Scossa –. Abbiamo puntato su pensionamenti, su pre-pensionamenti, su ricollocamenti, a volte su adeguamenti delle percentuali di impiego. Questo sempre all’insegna del dialogo con il personale e con le parti sociali».

Partner di fiducia – Ma come vengono scelti i partner a cui affidarsi? «Deve trattarsi di una società capace di offrire solide garanzie economiche nel tempo – illustra Scossa –. La selezione è accurata. Non lasciamo nulla al caso. I dipendenti dell’esercizio che sigla l’accordo con la Posta vengono formati e seguiti, e sono soggetti al segreto postale. Anche per questo non abbiamo mai avuto critiche sulla serietà dei nostri partner».

Il postino a domicilio – Privacy assicurata, dunque. «E in ogni agenzia – sintetizza Scossa – è possibile eseguire quasi tutte le operazioni postali richieste di norma in una filiale tradizionale. Nelle località in cui apriamo una filiale in partenariato, introduciamo anche la possibilità di fare capo al servizio versamenti a domicilio, per chi, come talvolta gli anziani, desidera pagare sempre in contanti. In quel caso, su richiesta, è il postino che raggiunge il nostro cliente a casa sua».

Davide Giordano
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 3 anni fa su tio
..preferisco farmi un paio di kilometri o se non mi é possibile, chiedo a qualcuno in famiglia di farmi i pagamenti o prelevamenti se non qui in questo cantone andremo al bar Pepi a fare acquisti, pagare fatture, prelevare denaro e magari pure fare la pedicure o manicure brrrrrrrrr ma neppure se dovessi spostarmi alla grande......
siska 3 anni fa su tio
Con tutto il rispetto a queste due signore che si stanno adoperando per non perdere un luogo fondamentale dove le persone possano nuovamente inviare o ricevere le propie fatture mensili o spedire e ricevere pacchi postali ma personalmente in un luogo così ci andrei magari a bere un caffé ma mai andrei a inviare i miei privati giri di conto postale e neppure a prelevare i miei soldini......con tutti i nasi da tartufo che ci sono in giro....per carità mai e poi mai... come si diceva una volta!
watson 3 anni fa su tio
Poveri noi, non povera posta
york11 3 anni fa su tio
Hai immensamente ragione! Poi oltre la vicina di casa che ha visto la tua raccomandata pensa quanti spunti di gossip tra commesse e bariste che gestiscono l'agenzia postale e le loro amiche, specialmente se il paese è piccolo (la gente mormora... più vero che mai)
york11 3 anni fa su tio
@york11 @Fran
Fran 3 anni fa su tio
Scoccia ritirare una raccomandata sul banco della cassa dove la vicina di casa paga il prosciutto ed il pane e vede chi mi invia la raccomandata. A me scoccia immensamente la mancanza di discrezione. Tutti fanno e vedono tt. Due immense palle.
seo56 3 anni fa su tio
Trendy un fico secco!! Qui si manca di serietà e privacy. La Posta deve fare la Posta... Punto!!! Che pena....
skorpio 3 anni fa su tio
che tristezza..... povera posta, povera Svizzera, e la cosa peggiore e che questa gentaglia si ritiene anche soddisfatta del servizio proposto.... strano, che, nei cantoni di confine, non hanno ancora proposto di aprire gli sportelli all'estero, ancora meno costi....
Equalizer 3 anni fa su tio
In un servizio di Falò di 3-4 mesi fa quando sono andati a visitare il centro di smistamento Posta di Daillers (se non sbaglio) il responsabile si gongolava del fatto che loro trattassero 100'000 pacchi al giorno e solo un 3% andava sviato, innanzi tutto quando si parla di certe quantità non si deve più ragionare in percento ma in permille, poi il 3% di pacchi sviati sono una cifra altissima sono 3000 clienti scontenti al giorno o quindicimila alla settimana, scusate voi se sono pochi! Noi come clienti commerciali della Posta siamo abbastanza insoddisfatti, dovuto anche al fatto che in Ticino le regole di consegna pacchi sembrano cambiare con una certa frequenza portando all'azienda più disagi che vantaggi.
tip75 3 anni fa su tio
100 anni fa la posta si trovava in casa di un privato e la gente andava a ritirarla....siamo ormai alla canna del gas, i servizi questi grandi sconosciuti
matteo2006 3 anni fa su tio
Per qualcuno che si lamenta c'è qualcuno che accoglie l'opportunità.
Pepperos 3 anni fa su tio
Quando arrivano i precetti esecutivi ci mette Pure il giffel e un 1/4 di Merlot. Prosit
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
9 min
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
8 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
10 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
13 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
14 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
14 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
19 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
1 gior
«Da sola non ce l'avrei mai fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
1 gior
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile