CANTONE / CONFINE
24.08.18 - 16:210

Progetto Interreg Smart boarder, verso la fase operativa

Luino e Gambarogno si sono incontrati per organizzare il lavoro dei prossimi tre anni

MAGADINO - Dopo l’ammissione e la garanzia di finanziamento del progetto Interreg, Luino e Gambarogno si sono incontrati per dare avvio alla fase operativa che si svilupperà nei prossimi tre anni. 
Il progetto sarà finanziato dall'Unione Europea per 1'745'000 euro, ma è prevista una quota di "cofinanziamento elvetica" per 92'000 franchi.

Il programma di cooperazione INTERREG V-A Italia-Svizzera 2014-2020  è un programma del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) per la cooperazione tra regioni dell'Unione europea per il 2014-2020. 

L'iniziativa dell'Unione europea si pone l'obiettivo di evitare che i confini nazionali ostacolino lo sviluppo equilibrato e l'integrazione del territorio europeo facilintando piuttosto l'integrazione tra gli stati membri ed i rapporti commerciali, sociali e culturali tra gli Stati dell'Unione ed i Paesi confinanti. 

L’Amministrazione di Luino con il Municipio di Gambarogno e con il sostegno a diverso titolo del Canton Ticino, di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e del Comune di Lavena Ponte Tresa, ha così proposto un progetto per sviluppare un una pianificazione strategica comune della regione dell’alto Lago Maggiore e per agevolare e promuovere il trasporto pubblico (su ferro e gomma) e diffondere la mobilità dolce, quale opportunità di miglioramento della qualità della vita, valorizzando le risorse naturali e paesaggistiche, mitigando così l’impatto del trasporto individuale motorizzato dei lavoratori transfrontalieri e dei turisti.

Il progetto opererà sull’integrazione dei sistemi di trasporto, pubblici e privati collettivi, coinvolgendo le diverse Autorità, Enti e territori interessati: l'obiettivo è l'accesso sostenibile alla città garantendo un Park&Ride a Luino agendo pure sulla armonizzazione dei tempi e delle modalità dei servizi di trasporto, agevolando forme di trasporto collettivo organizzate e fidelizzate. 

Questo permetterà di coordinare il progetto Smart border con gli altri progetti sul territorio ticinese quali:

• il piano di mobilità aziendale che coinvolge i Comuni di Gambarogno, Cadenazzo e S. Antonino che si prefigge di creare una rete di trasferimento degli utenti dalle stazioni al posto di lavoro; 

• il progetto bike sharing che mette a disposizione dell’utenza delle biciclette elettriche per spostamenti su brevi tratte tra i punti nodali. 

• il potenziamento del servizio su gomma tra il confine di Dirinella e il polo industriale sul Piano di Magadino con cadenze semi orari nelle fasce di punta.

TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore

Prima i permessi falsi, ora i tentati furti

Il processo per i permessi è stato rinviato in quanto uno degli imputati è l’uomo arrestato per i colpi al bancomat di Sant’Antonino

CADENAZZO
6 ore

L'ombra del 5G sul palazzo a luci rosse

Presso lo stabile dell'ex "Bosco" sono già sorte le modine per piazzare l'antenna. La domanda di costruzione è appesa all'albo. Intanto, nell'ombra si muove l'opposizione

FOTO E VIDEO
BIASCA
11 ore

Rocky sopravvive per 17 giorni nelle viscere della terra

Miracolo sull’alpe Cava. Qui è avvenuto il difficilissimo salvataggio di un cane, precipitato in una forra e rimasto intrappolato per oltre due settimane

FOTO E VIDEO
GAMBAROGNO
12 ore

Cade nel vuoto, mentre sta lavorando sul tetto

Incidente per un operaio. L'uomo è stato trasportato in ospedale con l'elicottero della Rega

CANTONE
12 ore

Una stazione unica per Chiasso e Como? Da Berna arriva la frenata

Il Governo federale ha risposto oggi a un'interpellanza di Roberta Pantani: «Toccava al cantone muoversi per le infrastrutture ferroviarie e per ora non l'ha fatto»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile