BREGAGLIA (GR)
13.08.18 - 15:320
Aggiornamento : 14.08.18 - 08:28

«Una nuova frana potrebbe raggiungere Bondo»

A un anno dalla colata detritica, sul Pizzo Cengalo si registra il movimento di tre milioni di metri cubi di roccia. La ricerca delle vittime, ancora disperse, è conclusa

BREGAGLIA (GR) - «D’ora in poi il 23 agosto sarà il giorno in cui penseremo alle otto vittime in Val Bondasca e alle loro famiglie, oltre che alle tante persone colpite dal disastro naturale avvenuto sul nostro territorio». Sono le parole di Anna Giacometti, sindaco del Comune di Bregaglia, a un anno dalla frana del Pizzo Cengalo. Un momento che è stato ricordato oggi in un incontro commemorativo a cui hanno partecipato anche il consigliere federale Guy Parmelin e il consigliere di Stato Christian Rathgeb.

Ricerche concluse - La mattina del 23 agosto 2017, otto persone erano state travolte in Val Bondasca dalla colata detritica che si era staccata dal pizzo. Nonostante le immediate operazioni di ricerca, di loro non si hanno tuttora notizie. Le nuove ricerche intraprese nel luglio 2018 sono rimaste senza esito.

La roccia si sta muovendo - Ora la montagna è costantemente monitorata da radar e telecamere: dopo la frana il sistema di allarme già esistente è stato ulteriormente ampliato e quindi completato nella primavera del 2018. Per tutto l’inverno e fino a luglio, dalle misurazioni non risultava alcun movimento di roccia importante e si sono verificati franamenti di piccole dimensioni. Gli ultimi dati rivelano invece che da luglio circa tre milioni di metri cubi di roccia sono di nuovo in movimento. Se il fenomeno perdurerà, quest’estate non è da escludere una frana di oltre un milione di metri cubi. Tutti i sentieri della Val Bondasca sono chiusi.

Dipende anche dal meteo - Lungo il fiume in Val Bondasca sono depositati all’incirca 1,5 milioni di metri cubi di materiale roccioso franato che, con sufficiente acqua, può essere messo facilmente in moto. Finora non si sono verificate precipitazioni intense e persistenti. Ma si prevede che, soprattutto in caso di violenti temporali estivi o di una nuova frana di grandi dimensioni, nuove colate raggiungano il fondovalle nei pressi di Bondo. I movimenti sulla montagna e l’evoluzione dell’estate 2018 sono quindi determinanti per l’andamento futuro degli eventi.

C'è un piano d'emergenza - Il Comune comunque è pronto: il bacino di ritenzione è stato provvisoriamente ampliato fino a raggiungere circa 300’000 metri cubi di capacità ed è stato elaborato, in collaborazione con gli enti cantonali, un piano di emergenza. La popolazione è stata informata nel dettaglio sul comportamento da osservare in caso di necessità. Nel caso in cui l’accesso al paese dovesse nuovamente essere minacciato, resta a disposizione la strada provvisoria attraverso il ponte d’appoggio militare. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito web del Comune.

Ventitré milioni per le opere di premunizione - In collaborazione con l'Ufficio tecnico cantonale dei Grigioni, il Comune sta elaborando un progetto definitivo di opere di premunizione per le aree di Bondo, Spino, Sottoponte e Promontogno, nonché per i futuri collegamenti stradali. Il progetto tiene conto anche della necessità di salvaguardare l'insediamento di Bondo. I costi approssimativi si aggirano sui 23 milioni di franchi.

Parmelin: «Ci vorrà ancora tempo» - Il consigliere federale Parmelin ha ricordato la visita effettuata lo scorso settembre: i danni erano enormi, ma la catastrofe è stata gestita bene dalla Confederazione, dal Canton Grigioni e dal Comune di Bregaglia. La ricostruzione richiederà ancora un po' di tempo, ha aggiunto il capo del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, che giudica l'intervento dell'esercito «rapido e molto professionale». La Svizzera, ha ribadito, dovrebbe prendere esempio da questa cooperazione a favore della protezione della popolazione: «Il nostro sistema di milizie ha dimostrato ancora una volta la sua validità» ha sottolineato il ministro, che ha ringraziato il popolo svizzero per la grande solidarietà.

 

 

Keystone
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
TOP NEWS Ticino
VIDEO
BELLINZONA
54 min
Addio Peter Pan: il responsabile è in lacrime
Il Ticino perde un locale storico. “Serata nostalgia” con ex collaboratori e clienti. Sul palco lo Swiss Elvis. Gianni Morici: «Qui dentro ho messo l’anima. Spiace per le nuove generazioni»
BELLINZONA
11 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
MENDRISIO
14 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
14 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
14 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
BREGGIA
14 ore
Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile
A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate
FOTO
POSCHIAVO (GR)
15 ore
Fuori strada e giù dalla scarpata per 200 metri
L'incidente è avvenuto mercoledì sera sulla strada principale del Bernina
CANTONE
16 ore
Valichi e criminalità: Berna ha fretta
Il Consiglio nazionale si chinerà a breve sul problema dei malviventi "transfrontalieri". L'UDC «preoccupata»
FOTO E VIDEO
LUGANO
18 ore
I treni circolano normalmente, le auto non ancora
Il carro attrezzi ha evacuato l'auto travolta questa mattina da un treno merci. La sbarra del passaggio a livello ha riportato qualche danno e sono in corso le verifiche tecniche
CANTONE
19 ore
Orario 2020: 27 collegamenti al giorno tra il Ticino e Milano
La rinnovata cadenza oraria sulla linea RE10 è la principale novità del cambio orario TILO. Confermati i cambiamenti introdotti per il cantiere sul lago di Zugo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile