MORBIO INFERIORE
06.06.18 - 19:520

Successo per il progetto Animazione Intergenerazionale

Mercoledì 6 giugno si è svolta la serata “Conoscersi, giocare, imparare” per festeggiare i primi due anni di progetto

MORBIO INFERIORE - Il progetto di animazione intergenerazionale portato avanti dalla Fondazione Casa San Rocco in collaborazione con Mission Bambini e SUPSI continua con grande soddisfazione degli addetti ai lavori e dei partecipanti alle attività.

Mercoledì 6 giugno a Morbio Inferiore si è svolta la serata “Conoscersi, giocare, imparare” per festeggiare i primi due anni di progetto, esporre le attività e i risultati raggiunti e ringraziare tutti
coloro che hanno partecipato alla riuscita del progetto stesso.

Nell’ultimo anno e mezzo sono state organizzate più di 135 attività di animazione intergenerazionale strutturate, con una media di 8 attività al mese e 2 alla settimana. Ad ogni attività partecipano in media 20 anziani e 12 bambini con il coinvolgimento di 12 classi delle scuole elementari, 4 delle scuole dell’infanzia, scuole di musica, associazioni e gruppi parrocchiali.

John Gaffuri, direttore della Fondazione Casa San Rocco, ha espresso il suo entusiasmo rispetto ai primi risultati raccolti dal progetto: «Inizialmente il fattore che ci ha incoraggiati ad abbracciare il concetto di animazione intergenerazionale è stato pensare che il benessere dei residenti potesse aumentare grazie all’interazione con persone di età diverse. Con il consolidarsi delle attività e l’aumentare della partecipazione questo auspicio iniziale è stato confermato ed è emerso poi anche il beneficio che i bambini e i ragazzi, singolarmente e all’interno dei rispettivi gruppi, possono avere nella vita di tutti i giorni. Gli spazi e l’apertura della casa verso l’esterno possono quindi portare un contributo effettivo al miglioramento e al mantenimento delle relazioni sociali di tutta la comunità e favoriscono al contempo un ritorno all’aiuto reciproco e alla condivisione che caratterizzavano in passato la vita in paese».

È stato poi Alberto Barenghi, responsabile ufficio progetti Mission Bambini, a prendere la parola condividendo con il pubblico la motivazione che ha portato la Fondazione Mission Bambini a
partecipare al progetto: «Abbiamo deciso di partecipare perché abbiamo una lunga esperienza nel sostegno a progetti educativi per bambini e ragazzi. In più qui abbiamo colto un forte carattere innovativo, rappresentato dal coinvolgimento di diverse fasce d’età e nell’apertura al territorio. Questo progetto nasce proprio nell’ottica di quello che viene definito “welfare comunitario”: le persone, in questo caso bambini e anziani, non sono più concepite come utenti di servizi ma diventano attori protagonisti del proprio benessere, grazie anche al rafforzamento delle relazioni, valorizzate appunto come fonte di benessere psico-fisico. Anche la valutazione dell’impatto sociale svolta da SUPSI sta dando positive evidenze in questo senso e ci conferma nella scelta di sostenere il progetto».

Grazie a Jenny Assi, docente e ricercatrice SUPSI, è stato possibile comprendere le modalità di misurazione dell’impatto che le attività intergenerazionali hanno sulla comunità di riferimento: «Alfine di poter avere una visione complessiva dell'impatto delle attività di animazione intergenerazionale del Parco San Rocco di Morbio Inferiore, abbiamo avviato per la prima volta quest'anno un processo di valutazione che ha permesso di raccogliere importanti indicazioni sugli obiettivi delle attività e sulle esperienze dei partecipanti, attraverso interviste semi strutturate a docenti, animatori, residenti, bambini e genitori che hanno permesso di raccogliere importanti indicazioni sugli obiettivi delle attività e delle esperienze vissute. Questa valutazione ci permetterà di sviluppare ulteriormente le future attività intergenerazionali con l’obiettivo di ottenere maggiori benefici per tutti i partecipanti».

Il pubblico presente in sala ha poi potuto rendersi conto della tipologia di attività grazie all’intervento di Matteo Orefice, responsabile servizio attivazione e riabilitazione di Casa San Rocco, e Roberto Raveglia, educatore e curatore degli incontri intergenerazionali di Casa San Rocco.

Roberto Raveglia ha condiviso delle testimonianze dirette di chi è stato coinvolto nelle attività: «L’esperienza dei bambini delle scuole di Morbio Inferiore rappresenta un chiaro esempio di come attività di questo tipo possono contribuire ad aumentare la conoscenza di un’importante realtà del proprio paese di residenza, portando i bambini a riconoscere come famigliare un luogo fino a quel momento distante dal loro quotidiano. In un certo senso, inoltre, la vicinanza con diverse generazioni, può contribuire a portare i bambini a una nuova percezione di inclusione sociale».

La serata si è conclusa con un video rappresentativo delle attività svolte, dove i bambini e i residenti presenti in sala hanno potuto riconoscersi e il pubblico ha potuto comprendere l’ampiezza delle attività proposte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
23 min
«I nostri figli in quei momenti erano oggetti al servizio della coppia»
Si apre il processo nei confronti dei due genitori del Bellinzonese che per anni avrebbero abusato sessualmente dei loro ragazzi. Filmando spesso le folli gesta. Ammissioni choc da parte della mamma
POSCHIAVO (GR)
45 min
In Italia è polemica sulla pasta poschiavina
Coldiretti, l'associazione italiana degli agricoltori, si è imbestialita dopo un servizio televisivo su un pastificio grigionese
CANTONE
3 ore
Breve tregua, poi torna la neve
Possibile allerta di grado 3 diramato da MeteoSvizzera per domani e venerdì. Limite delle nevicate in calo fino a 500 metri
LUGANO
5 ore
Come è facile ordinare sushi "di contrabbando" dall'Italia
Boom di ticinesi nei ristoranti oltre confine. E alcuni non disdegnano le consegne di pasti a domicilio: in barba alle regole doganali. Abbiamo fatto un test
CANTONE
12 ore
Una petizione per salvare i bus per Malpensa
È stata lanciata un paio di giorni fa in vista dell'interruzione dei collegamenti su gomma prevista per la fine di quest'anno
ORSELINA
15 ore
«Con l'omeopatia seguiamo il malato di cancro»
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
LUGANO
16 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
17 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
18 ore
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
18 ore
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile