LUGANO
01.06.18 - 09:520

Studio sulle microplastiche anche per il Lago Ceresio

Le operazioni di raccolta e misurazione sono già in corso

LUGANO - L’inquinamento da microplastiche delle acque dolci, contrariamente a quello degli ambienti acquatici marini, è ancora poco approfondito. Nel 2014 è stato pubblicato uno studio - il primo sulle acque dolci in Svizzera - condotto dalla Scuola politecnica federale di Losanna (EPFL) su mandato dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM). Questo approfondimento era volto principalmente all’individuazione di microplastiche nelle acque e nella sabbia delle spiagge di sei laghi svizzeri, tra cui il Lago Maggiore. È stato evidenziato come le acque di laghi e fiumi svizzeri siano inquinate in maniera ubiquitaria da residui plastici, il cui impatto è al momento difficile da valutare. Sono in corso ulteriori studi di ricerca e approfondimenti commissionati dall’UFAM.

Ceresio - Sulla scorta del rapporto dell’EPFL e di altri approfondimenti condotti da diverse nazioni europee, il Dipartimento del territorio (DT), considerata la mancanza di dati concernenti la presenza di microplastiche nelle acque del Ceresio e ritenuto che l’impatto sugli ecosistemi acquatici non può ancora essere valutato con completa cognizione di causa, ha avviato, per la prima volta, un approfondimento analogo sul lago di Lugano.

I risultati di questo studio verranno resi noti in autunno.

Raccolta - Le operazioni di raccolta e misurazione, attualmente in corso, si avvalgono di una speciale rete galleggiante che consente di setacciare la superficie dell’acqua e di raccogliere microplastiche fino a 0,3 millimetri di grandezza. Tali microplastiche possono essere create dalla degradazione fisica, chimica e biologica di materiali plastici di dimensioni più grandi dispersi nell’ambiente. È inoltre possibile riscontrare residui derivanti dall'usura di pneumatici, scarpe o tessili. In altri casi, le microplastiche sono utilizzate direttamente come materiale di base per la produzione di oggetti in plastica o quali componenti di cosmetici, dentifrici e detersivi per il lavaggio a mano.

Trattative e incontri - In attesa dei necessari approfondimenti e della definizione di misure preventive efficaci per una riduzione alla fonte delle microplastiche, l’UFAM sta promuovendo delle trattative con le organizzazioni economiche interessate. Allo stesso tempo, Confederazione, Cantoni e Comuni, insieme ai rappresentanti del commercio al dettaglio e dell'industria delle materie plastiche, partecipano a incontri volti a individuare soluzioni per ridurre la produzione di rifiuti plastici e migliorare ulteriormente il recupero e il riciclaggio, oltre che del PET e del polietilene, di altre materie plastiche.

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
TOP NEWS Ticino
LUGANO / MILANO
3 ore

19enne anarchico di Lugano si consegna alla Polizia

Il giovane farebbe parte del gruppo che lo scorso 9 febbraio a Torino, durante un corteo, mise a ferro e fuoco la città

CANTONE
3 ore

Si cerca Danial Tekinov

Classe 2005, il ragazzo è scomparso durante il tragitto casa/scuola

LUGANO
4 ore

La vie en rose di Plein a Milano con citazione finale in Pretura a Lugano

La Barzanò & Zanardo, società leader nella tutela dei marchi, reclama dallo stilista oltre 400mila franchi per fatture non saldate. Si presenterà? «Il personaggio è imprevedibile» dicono

CANTONE
5 ore

Tutto il Ticino sotto l'occhio vigile dei radar

Nessun distretto sarà escluso dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari della prossima settimana

FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore

Evacuata l'Ikea di Grancia

Sul posto 4 veicoli del Pompieri. L'allarme è rientrato dopo una manciata di minuti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile