GRAVESANO
05.04.18 - 09:320

Prestigioso riconoscimento per Ars Medica

Unico caso in Svizzera ad avere ottenuto da parte di ESSKA il riconoscimento di Teaching Center. Da tutto il mondo arriveranno chirurghi ortopedici per insegnare nuove tecniche

GRAVESANO - La Clinica Ars Medica ha ottenuto nei giorni scorsi il prestigioso riconoscimento di Teaching Center, attualmente unico caso in Svizzera, da parte di ESSKA, European Society of Sports Traumatology, Knee Surgery and Arthroscopy, fondata nel 1982. Grazie a questo accreditamento la Clinica di Gravesano ospiterà in futuro chirurghi ortopedici provenienti da tutto il mondo per insegnare loro la chirurgia del ginocchio e l’artroscopia di tutte le articolazioni.

«Sono molto orgoglioso per questo riconoscimento - afferma il Dr. Denti, chirurgo di grandissima esperienza accreditato alla Clinica Ars Medica, e Presidente della ESSKA dal 2014 al 2016, che ha portato avanti la richiesta per il riconoscimento -. I chirurghi che verranno ospiti a Gravesano per una fellowship potranno contare sull’esperienza degli oltre 40 specialisti attivi presso la Clinica che è riconosciuta sul territorio come centro di riferimento per la chirurgia di ginocchio, traumatologia dello sport e artroscopia di tutte le articolazioni.

Dino Cauzza, membro del Consiglio di Amministrazione, ha aggiunto: «Questa azione rientra a pieno titolo nell’ambito della formazione sanitaria che vede le cliniche Ars Medica e Sant’Anna in prima linea nella formazione di infermieri e apprendisti. Nel 2017 abbiamo avuto ben 127 persone in formazione».

La comunità ESSKA conta 37 società nazionali affiliate e vi afferiscono 7.216 chirurghi ortopedici provenienti da 109 Paesi. Per poter ottenere l’accreditamento come Teaching Center bisogna rispondere a diversi criteri e la casistica è uno di questi: l’accreditamento viene concesso se i pazienti trattati sono oltre 200 in un anno e almeno 10 a settimana. Questi numeri sono ampiamente superati dalla Clinica Ars Medica che in un anno vanta circa 1.215 artroscopie (ginocchio, anca, spalla e gomito) e 495 interventi di grande chirurgia di ginocchio e spalla (protesi incluse).

TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
E’ la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
2 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
3 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
4 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
5 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
7 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
7 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
8 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
FOTO
LOCARNO
8 ore
La torcia olimpica è arrivata in Ticino
Dalle rive del Verbano continuerà il suo viaggio in direzione di Losanna, dove avranno luogo Giochi Olimpici giovanili invernali
CANTONE / CONFINE
10 ore
Riconosci qualcosa che ti appartiene?
Arrestato in Italia un topo d'appartamento. Non si esclude abbia agito anche in Ticino. Parte della refurtiva sequestrata non ha ancora ritrovato il suo proprietario
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile