Davide Giordano
CEVIO
07.12.17 - 07:340
Aggiornamento : 09:48

Le due sorelle imbratta muri: «Non siamo vandale»

Dalla Vallemaggia ai grandi festival internazionali di street art. Chiara e Sofia Frei alla conquista del mondo dell'arte metropolitana. Guarda il video

CEVIO – Bombolette spray e tanta fantasia. Dalla "piccola" Vallemaggia ai grandi festival internazionali di "street art". Storia di Chiara e Sofia Frei, sorelle di 29 e 27 anni. La scintilla scocca a Barcellona, nel 2014, mentre Chiara sta svolgendo uno stage. Poco più tardi, anche Sofia sarà trascinata nel vortice dei murales. «Spesso questo ambiente viene abbinato agli atti vandalici – dice Chiara –. A Barcellona c'è una vera cultura dell'arte metropolitana. Ci sono muri liberi su cui gli artisti si esprimono liberamente. Lì la street art è un culto». 

Predestinate  – Entrambe grafiche, Chiara e Sofia lavorano nello studio di papà Karl, a Cevio. «Con un padre così – ironizza Sofia – non potevamo che finire a lavorare in ambito artistico. Da piccole, mentre le nostre coetanee giocavano le bambole, noi imitavamo nostro padre».  

Giramondo – Due sorelle cresciute in valle. Ma che oggi girano il mondo. Dal Brasile al Cile. Dalla Bosnia all'Inghilterra. «Partecipiamo ai più rinomati eventi mondiali – ammette Chiara –. Siamo riuscite a fare di questa passione, un lavoro. Ci capita di essere contattate per decorare la parete di un albergo, di un ostello. O di un centro sportivo, come accaduto a Bignasco. Quello è stato il nostro primo lavoro ticinese. Prima di allora non credevamo che nella Svizzera italiana ci fossero tanti sbocchi. Invece in tanti ci danno fiducia». 

Vince l'ispirazione – Sofia è esplicita: «Noi non facciamo cose commerciali. Ci commissionano un murales, ma vogliamo sentirci libere di esprimerci, in base alle sensazioni che ci ispira il contesto. Puntiamo molto sull'arte figurativa. Realizziamo volti, fiori, frasi, occhi... Non sappiamo cosa ci riserva il futuro. Attualmente lavoriamo al 50% nello studio grafico e per il resto del tempo in questo ambito». 

Giorno per giorno – Le due giovani hanno anche già realizzato alcune mostre. «In Ticino non c'è molta concorrenza – sostiene Chiara –. Siamo tra le poche persone a praticare quest'arte. I riscontri sono positivi però. Altrove si è più abituati a questo genere di attività. Le gallerie d'arte e i fotografi cercano e contattano direttamente gli artisti. La nostra è una sfida che va colta giorno per giorno».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
clay 3 anni fa su tio
non riesco a vedere il video
GI 3 anni fa su tio
Almeno queste "ci mettono la loro faccia"....complimenti per l'arte espressa !!!
TOP NEWS Ticino
CANTONE
32 min
C'è troppo smog: velocità ridotta in tutto il Sottoceneri
Gli 80 km/h entreranno in vigore alle 13.30 e riguarderanno l'A2 fra Rivera e Chiasso e l'A394 fra Mendrisio e Stabio.
BELLINZONA
1 ora
Violenta rissa a Giubiasco, fermati sei giovani
Un 21enne è stato ferito in modo grave alla testa con un oggetto contundente. Ferite più leggere per altre tre persone.
CANTONE
1 ora
Covid: 52 positivi, ma nessuna vittima
Nelle ultime ventiquattro ore sono state ricoverate 5 persone. Quattro, invece, sono state dimesse
CANTONE
2 ore
«Lo sballo da farmaci ha ucciso mio figlio»
Dal dramma, lo slancio per aiutare gli altri: «Tante vite possono essere salvate»
CANTONE
3 ore
I 366 giorni di coronavirus del dottor Christian Garzoni
Il direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco ricorda il 25 febbraio di un anno fa e il primo paziente Covid
CANTONE
5 ore
I media di fronte alla novità del coronavirus
L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»
FOTO
CANTONE
5 ore
Un anno di pandemia
Il 25 febbraio 2020 venne segnalato il primo caso di coronavirus in Ticino (e in Svizzera).
CANTONE
14 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
CANTONE
16 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
18 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile