TIPRESS
LUGANO
05.12.17 - 06:550
Aggiornamento : 09:42

Giovani nella zona grigia: «Noi li aiutiamo a uscirne»

Il progetto Mentoring compie 10 anni. E ora si va a caccia di nuovi volontari. La storia di Alessandra, rimasta sola con la mamma malata: «Mi hanno dato una grande mano»  

LUGANO – A caccia di nuovi mentori. Di persone che vogliano mettere a disposizione un po' del loro tempo per seguire ragazzi in difficoltà. Giovani, tra i 15 e i 22 anni, che si trovano in una zona grigia. Che non riescono a portare a termine una formazione, che soffrono di disagi affettivi o famigliari, che non si sentono inseriti nel contesto sociale. Il progetto "Mentoring", lanciato da Pro Juventute, nel 2018 compirà 10 anni. E ora lancia l’appello: si cercano nuovi volontari. «Al momento riusciamo a seguire una sessantina di ragazzi all'anno – spiega Ilario Lodi, direttore di Pro Juventute per la Svizzera italiana –. Ma potremmo seguirne molti di più, se avessimo i quattrini per coprire le spese. La richiesta è alta». 

Un paio di incontri a settimana – Giovani sull'orlo del baratro, o quasi. Oppure ragazzi che stanno semplicemente vivendo un momento di difficoltà. «Ma che non necessitano dello psichiatra di turno – puntualizza Giacomo Petruccelli, mentore di lunga data e oggi responsabile della sede di Paradiso del progetto –. Bensì solo di qualcuno che li sostenga. Di solito per 6-12 mesi, un paio di volte alla settimana. Finché non riescono a camminare da soli. Spesso sono i servizi sociali a segnalarceli, o le stesse famiglie. C'è anche tanto passaparola tra gli stessi ragazzi».

Il traghettatore – Petruccelli fino a una decina di anni fa era un semplice autista di bus. A un certo punto viene a conoscenza del progetto Mentoring, tramite un'inserzione sul giornale. «Ho iniziato a seguire i ragazzi a Locarno. All'epoca c'era solo una sede. Oggi ne abbiamo quattro. Mi stimolava l'idea di traghettare questi giovani da uno stato di difficoltà a una situazione più serena».

Punti di svolta – Ai ragazzi in questione, soprattutto agli adolescenti, mancano figure di riferimento al di fuori della famiglia. «Ci sono casi molto particolari. Con giovani che vivono in famiglie monoparentali, con la mamma che fa quattro lavori per arrivare alla fine del mese. E che non ha tempo per ascoltare i figli». «In generale i risultati finora sono stati ottimi – commenta Lodi –. C'è chi ricomincia o conclude la scuola, chi decide di partire per un soggiorno all'estero, chi riesce a trovare un appartamento e a essere indipendente».   

La testimonianza – Tra le giovani seguite dal progetto Mentoring c’è anche Alessandra, 19 anni. A un certo punto sua madre si è ammalata. E lei si è ritrovata da sola in casa. Con mille incognite. «Tramite i servizi sociali sono arrivata a conoscere Mentoring – dice –. I volontari mi hanno aiutata a trovare un nuovo appartamento, più consono alle mie possibilità. Ora mi seguono nella formazione, nel mio apprendistato nel ramo sanitario. E quando ho un problema burocratico, so che c'è qualcuno che mi può aiutare. Mi hanno dato una grande mano». 

Una grande sfida – Lodi è chiaro. I mentori non hanno la bacchetta magica. «È il giovane che deve, piano piano, fare click da solo. Responsabilizzarsi. Il nostro è unicamente un sostegno. Che può essere svolto da comuni cittadini. È questo il messaggio più bello che facciamo passare. E cioè che chiunque, dal barista all'impiegato, può occuparsi dei nostri giovani. Attualmente abbiamo circa una trentina di mentori. C'è chi lo fa da tanti anni, altri dopo un po' smettono. C'è un ricambio continuo. E, vista la crescente necessità di personale volontario, siamo di nuovo alla ricerca di persone che abbiano voglia di lanciarsi in questa sfida». 

Commenti
 
Enrico Iten 2 anni fa su fb
Non interessa a nessuno di chi sia "la colpa". Al progetto mentoring non si giudica nessuno, si cerca di aiutare, di proporre soluzioni e basta.
Desi Moro 2 anni fa su fb
Molte volte non è colpa dei figli.........parlo da mamma......
Los Garcia 2 anni fa su fb
sicuramente ma cercare solo le colpe non risolve i problemi.
Andrea Pascoal 2 anni fa su fb
Complimenti bellissima iniziativa aiutare concretamente questi ragazzi❤. " E non solo criticare i figli delli altri"?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
23 min
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
2 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
2 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
3 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
4 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
6 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
CANTONE
7 ore
Uccise la nonna e poi le diede fuoco
Il 6 luglio 2018 un delitto scosse la comunità di Caslano. Il nipote a processo per assassinio
LUGANO
8 ore
Settanta firme per i parcheggi
A Gandria si teme un calo dei visitatori che metterebbe a rischio le attività commerciali
LUGANO
16 ore
Dove c'era l'erba ci sarà... questo
Ben 153 appartamenti sull'ultima collina verde di Breganzona. Il progetto sta creando malumori tra i residenti
CANTONE
18 ore
Parrucchieri presi di mira sui social, ma non davanti alla legge
In Ticino non sembrerebbero esserci precedenti di denunce per lesioni personali. Tuttavia crescono i reclami sul web
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile