Ti Press
+ 5
LUGANO
02.10.17 - 15:140

Posata la prima pietra del Campus universitario

Il Campus universitario USI-SUPSI di Lugano-Viganello entra nella fase di costruzione. Dal 2020 accoglierà collaboratori e studenti dei due istituti universitari

 

LUGANO - Dopo 8 anni di pianificazione e progettazione, si è svolta questa mattina, nell’area di cantiere ex-Campari, nelle immediate vicinanze dell’attuale Campus dell’Università della Svizzera italiana, la cerimonia di posa della prima pietra del futuro Campus universitario USI-SUPSI. Un momento speciale e ricco di emozioni, svoltosi in presenza delle autorità comunali e cantonali, dei membri della Direzione e del Consiglio di USI e SUPSI, del team di progettisti, della stampa e di numerosi collaboratori dei due istituti.

La posa della prima pietra è stata anticipata dal saluto di benvenuto del Direttore generale SUPSI Franco Gervasoni e dagli interventi ufficiali del Presidente della Fondazione per le Facoltà di Lugano dell’USI Alfredo Gysi, del Presidente del Consiglio SUPSI Alberto Petruzzella, del Rettore dell’USI Boas Erez, del Sindaco della Città di Lugano Marco Borradori, del Consigliere di Stato On. Manuele Bertoli e del Responsabile di progetto Edilizia universitaria della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) Marco Müller.

Una fontana a forma elicoidale - Una pietra originale, quella posata stamattina, rappresentata da una fontana a forma elicoidale che richiama la forma del DNA. «L’elica è formata da due materiali che, unendosi, rappresentano simbolicamente il sostegno da parte della tecnologia all'indagine del mistero della vita» – ha spiegato il Rettore dell’USI Boas Erez – augurandosi che essa sia di «buon auspicio per le interessanti sinergie interdisciplinari che potranno svilupparsi sul nuovo campus».

Tra il 2017 e il 2019 è prevista l’esecuzione dell’opera grezza del nuovo Campus. La fine dei lavori è pianificata a fine luglio 2020, a conclusione delle opere di finitura e di messa in esercizio.

A settembre 2020 il nuovo campus potrà accogliere circa 600 collaboratori, 1’000 studenti nella formazione Bachelor e Master e oltre 800 partecipanti all’anno nella formazione continua per l’anno accademico 2020/2021.

Ti Press
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
10 min
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
2 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
FOTO
BEDRETTO
3 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
5 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
6 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
LOCARNO
7 ore
Un’immobiliare contro il venditore ambulante: «Chiamate la polizia»
La Assofide Sa mette in guardia gli inquilini: «Non l'abbiamo mandato noi e neppure il Cantone». Lui si difende: «Diffamazione e violazione della privacy»
TICINO / VENEZUELA
10 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
VIDEO
CANTONE
12 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile