LUGANO
05.04.17 - 12:360
Aggiornamento : 16:40

La Città svela il nuovo logo

LUGANO - A mezzogiorno in punto di mercoledì 5 aprile, la Città di Lugano ha svelato, attraverso il suo profilo ufficiale su Instagram (@luganomycity), la prima immagine esclusiva della nuova veste grafica selezionata per il logo cittadino.

A fine 2015 la Città di Lugano aveva indetto un concorso nazionale di grafica per la creazione di un nuovo logo partendo dalla rivisitazione dello stemma storico cittadino, concorso al quale hanno partecipato una trentina di candidature provenienti da tutta la Svizzera. La giuria - composta da professionisti di livello nazionale e internazionale - ha scelto la proposta del Consorzio Cascio-Mazzei di Lugano, composto dal designer Alfio Mazzei e dallo studio C-comunicazione di Gregorio Cascio, cui è stato affidato il mandato per la creazione della nuova immagine istituzionale della Città.

Lo scudo rimane - Il progetto di rivisitazione dello stemma non sostituisce lo scudo che storicamente identifica la Città di Lugano, che resterà sulle bandiere, sugli edifici storici, nei contrassegni e nei punzoni di controllo o di garanzia. L’obiettivo era di rinfrescare l’immagine dell’Amministrazione comunale adeguandola all’evoluzione dei tempi e, per la prima volta, creare un’identità visiva trasversale, che rafforzasse l’immagine di Lugano, stimolando l’identificazione cittadini-Città e, non da ultimo, migliorando i processi di comunicazione interna ed esterna.

Il nuovo stemma è stato quindi costruito a partire dalla scomposizione degli elementi costitutivi di quello storico e dalla loro reinterpretazione. Dello scudo restano, infatti, i tratti essenziali - indispensabili per conservare il carattere e il legame con la tradizione - ripropoposti però con leggerezza ed evocando analogie coerenti con lo sviluppo della città: un territorio racchiuso dai quattro campi dello stemma, ma al contempo aperto verso i quattro punti cardinali; una Lugano che conserva il valore della tradizione ed è tuttavia permeabile ai nuovi impulsi e alla nuova sfida rappresentata dall’integrazione dei quartieri e dei villaggi aggregati.

La croce è la componente principale: essa salda tutti gli elementi dello stemma, che dalla croce partono e alla croce confluiscono. L’occhio la percepisce con forza, tanto da non renderne indispensabile la presenza fisica. Colta senza essere vista, la croce diventa il punto di forza quanto l’elemento di leggerezza. Conferendo freschezza allo stemma, ne diviene l’elemento innovativo. Lo scudo così rivisitato è più “amichevole”, più umano, contemporaneo e si fa interprete del nuovo spirito della Città, che si vuole sì forte, ma anche accogliente e aperta.

 

The City of #lugano introduces its new institutional identity: the first results are already visible. #luganomycity #corporateidentity

Un post condiviso da Città di Lugano (@luganomycity) in data:

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
BALERNA
1 ora

Traffico autostradale paralizzato nel Mendrisiotto

L'A2 è stata chiusa in direzione nord tra Chiasso e Mendrisio. All'altezza dello svincolo di Balerna sono giunte diverse auto della Polizia e un elicottero della Rega

BELLINZONA
3 ore

Serie ferite per uno degli operai colpiti dalla trave alle Officine

I due, dipendenti di una ditta esterna, stavano effettuando dei lavori di sgombero in un capannone quando sono stati travolti

CANTONE
3 ore

Per i politici, i costi sanitari vanno bene così

Un sondaggio condotto dall'Ordine dei medici rivela cosa pensano della sanità, i candidati alle elezioni federali

CANTONE
4 ore

Sadis benedice il Patto: «Non mi scandalizza puntare sui moderati»

Il sostegno dell’ex consigliera di Stato alla congiunzione PLR-PPD per le elezioni federali: «Bisognerebbe avere il coraggio di abbandonare i vecchi steccati partitici». 

CANTONE
5 ore

Ottenevano merce con identità e documenti fittizi: truffe ancora in atto

È stata aperta un'inchiesta per una serie di truffe messe in atto da alcuni mesi in Ticino, oltre San Gottardo e all'estero

VIDEO
CANTONE
7 ore

«Ecco come aiuteremo chi si trova in difficoltà»

Il consigliere di Stato e direttore del DSS Raffaele De Rosa ha presentato le molte misure contenute nella Riforma sociale cantonale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile