fotolia
LUGANO
18.09.16 - 21:020
Aggiornamento : 19.09.16 - 08:40

«Bussano a casa mia chiedendo un'inseminazione»

Una residente in via Maraini (Giovanni) riceve visite dai pazienti della Procrea di via Maraini (Clemente). Il Cantone: «Cancelleremo i doppioni»

LUGANO - Le coppie che, dalla Svizzera o dall'estero, decidono di venire a Lugano per ricorrere alla fecondazione assistita, spesso si trovano davanti il volto (perplesso) di Chiara*. Luganese, 26 anni, è gentile con tutti. «Non posso aiutarvi». Sorride, spiega che, con l'inseminazione artificiale, lei non c'entra niente. Il numero civico in cui vive però, in via Maraini (Giovanni) a Pregassona, è lo stesso della nota clinica Procrea, in via Maraini (Clemente) a Lugano. «Il problema è che sui navigatori e in rete viene indicizzato il mio indirizzo, non quello della clinica, e così spesso i pazienti alla ricerca della struttura finiscono alla mia porta» racconta la 26enne. «Per me non è una grande seccatura, ma immagino la perdita di tempo per i pazienti». Senza contare l'imbarazzo.

«E-commerce? Un inferno» - Un caso unico? Non proprio. La signora Wilma*, di Besazio, ha un problema analogo. Niente inseminazione: qui gli equivoci nascono da un "doppione" a pochi metri di distanza. La via Crusagh, dove vive Wilma, ha infatti un'omonimia assolutamente identica nella frazione di fianco, Arzo. Il tutto all'interno del medesimo Comune: Mendrisio. «Ho scritto diverse lettere al Municipio per segnalare il problema» spiega la residente. Anche il Dipartimento del Territorio è intervenuto, segnalando l'anomalia. Niente da fare. «Specialmente quando ordiniamo qualcosa su internet è un inferno» continua Wilma. «Ogni volta i pacchi vanno a finire da quei poveretti di Arzo». La situazione genera così malumore in entrambe le frazioni.

Vie "della Chiesa" e "alle Scuole" - Possibile che non ci sia soluzione? «Si tratta di problematiche insorte a seguito delle recenti aggregazioni» spiega Stefano Vassere, a capo della Commissione cantonale di nomenclatura. L'organo da anni fornisce consulenza ai Comuni che, in base alla legge federale, stanno provvedendo a risolvere il problema delle vie senza nome in Ticino. «Quella dei doppioni, in particolare, è una tematica emersa più volte. Ad esempio a Lugano ci siamo ritrovati con quattro o cinque "vie Della Chiesa" o "via Alle Scuole". Sono situazioni che vanno risolte, ci stiamo lavorando».

* nome noto alla redazione    

 

foto gmaps
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
39 min
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
1 ora
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
VIDEO
CANTONE
3 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
CANTONE
6 ore
«I radar? No agli accanimenti»
Norman Gobbi spezza una lancia a favore degli automobilisti. E insiste sulla distinzione tra «prevenzione e far cassetta»
FOTO E VIDEO
COMANO
6 ore
Esplosione al bancomat: «Ad agire? Presumibilmente più di una persona»
Per la Polizia è prematuro parlare della stessa mano dei precedenti colpi. Il portavoce: «Attendiamo i rilievi»
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Le frane bloccano il Lucomagno e la Novena
Diversi metri cubi di roccia sono precipitati sulla carreggiata in territorio di Disentis. Smottamenti anche a Ulrichen e in via Valmara a Brissago
FOTO E VIDEO
COMANO
9 ore
Nuovo assalto al bancomat
Ignoti hanno tentato di far saltare un distributore di banconote della Raiffeisen
LUGANO
10 ore
Beatificata una parente di due noti giornalisti attivi in Ticino
Si tratta di Benedetta Bianchi Porro, sorella di Corrado, esperto in economia, e zia di Rachele, conduttrice televisiva. Afflitta da mille malattie, ha affrontato la vita con coraggio estremo
VACALLO
10 ore
«Ecco perché la portiamo via dal Ticino»
Sindrome di Down, inclusione in salita. Il caso di una bimba di 20 mesi di Vacallo. La famiglia: «Ci trasferiamo in Italia»
BODIO
19 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile