Calnegia - Eduardo Soteras
CANTONE
10.08.16 - 11:550
Aggiornamento : 14:39

Allarme fiumi naturali: una lenta agonia

Si salvano pochissimi corsi d'acqua, come il tratto della Verzasca e un tratto iniziale dell'Isorno. O alcuni corsi d'acqua delle valli laterali. E il 58% delle specie ittiche è a rischio estinzione

LUGANO - È allarme fiumi in Svizzera e in Ticino. Stiamo parlando di fiumi naturali, la cui biodiversità è a rischio. Lo scenario dipinto da uno studio del WWF, pubblicato oggi, non riguarda un paese esotico, ma le nostre acque. Ciò che emerge è preoccupante: al massimo un quinto dei torrenti e fiumi svizzeri raggiungono, solo parzialmente, gli obbiettivi ecologici della Legge Federale sulla protezione delle acque. Solo meno del 5 percento sono stati classificati come naturali e soddisfano pienamente i requisiti.

Francesco Maggi, responsabile del WWF Svizzera italiana, spiega che il Canton Ticino, in questo senso, non è più virtuoso: «Anche noi soffriamo degli stessi mali, anzi. Abbiamo il più elevato indice di sfruttamento delle acque dal punto di vista energetico, sprattutto nell'Alto Ticino».

Ma non sono solo le centrali idroelettriche il problema: «I corsi d'acqua soffrono tantissimo anche per l'eccessiva urbanizzazione e a causa dell'agricoltura intensiva, che usa pesticidi e concimi che contaminano le acque». Ciò che ne consegue per Maggi è «allarmante. Ci sono tantissime specie acquatiche in pericolo. Il quadro è analogo a quello Svizzero ed è necessario muoversi per tempo prima che la situazione peggiori».

I fiumi in Ticino che si possono ancora definire naturali sono in pochi. «Tra i grandi resta solo il tratto della Verzasca e un tratto iniziale dell'Isorno. Poi alcuni corsi d'acqua delle valli laterali come il Calnegia, sopra le cascate Foroglio, o il Rierna in Val D'Ambra».

Per Maggi occorre ancora fare molta strada per migliorare la situazione. «Esiste una normativa europea che tutela i corsi d'qacqua naturali, ma in Svizzera, stranamente, non è stata recepita. Occorre un ulteriore sforzo per rinaturare i corsi d'acqua principali, come ridurre l'impatto delle centrali idroelettriche».

Un esempio, in questo senso, è il Ritom 2: «Il progetto, che costerà 250 milioni di franchi, permetterà il ripristino del corso del fiume Ticino, uno dei più compromessi».

L'obiettivo del WWF, inoltre è quello di rinaturare i corsi d'acqua. «La presenza in tutto il territorio svizzero di tratti di fiumi e torrenti classificati ancora come "preziosi" dimostra che malgrado le alterazioni, molti corsi d’acqua mantengono funzioni importanti, ad esempio come habitat e corridoi ecologici per molte specie. Affinché la situazione non degeneri, bisogna porre un freno alla distruzione e al degrado dei corsi d’acqua. Occorre correggere gli argini, rendendoli più naturali, con interventi di ingegneria naturalistica che tenga ovviamente conto della sicurezza idraulica».

In ballo, infine, c'è la stessa esistenza di molte specie acquatiche. «Oltre la metà delle specie ittiche in Svizzera è a rischio estinzione. 8 specie sono già estinte. Ma a rischio ci sono anche altre specie faunistiche e floreali. Ricordiamo che il Ticino, fino a fine '800, era il paradiso della lontra, vittima per eccellenza di questo sfruttamento e ormai estinta da tempo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Enzo Scardua 3 anni fa su fb
¨Pia speranza!!!!!
Paolo Scarduelli 3 anni fa su fb
Non siate troppo allarmisti......la natura sa difendersi da sola......
Bruno Ferrini 3 anni fa su fb
BRAVO! Guardiamoci in giro....
berus 3 anni fa su tio
ceert...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
8 ore
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
10 ore
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
PORZA
11 ore
Qualche goccia di pioggia, un po' di sole... e spunta l'arcobaleno
La breve parentesi di temporale ha regalato uno spettacolo di colori in cielo
CANTONE
14 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
14 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
LUGANO
16 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
18 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
GORDOLA
19 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
19 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
20 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile