CANTONE
27.01.16 - 15:000
Aggiornamento : 17:23

«Ti sta bene, vacca!». Ecco i post imbarazzanti di un altro agente. Le FFS confermano

È un sergente della polizia ferroviaria. «Già avviate verifiche»

BELLINZONA - Quello del sergente della polizia cantonale finito nei guai per un post nazista è un caso isolato? «Assolutamente sì» secondo Lorenzo Jelmini, segretario di Ocst polizia: «Si tratta di comportamenti gravi, ma non bisogna generalizzare». Eppure, mentre la polizia cantonale fa sapere di avere aperto un'inchiesta amministrativa sul caso, spunta un altro episodio recente, che riguarda, però, un agente della polizia ferroviaria di Bellinzona.    

Il commento - Il post «incriminato» è di alcuni giorni fa. L'agente in questione, che tio.ch/20minuti ha cercato inutilmente di contattare, commentava su Facebook un articolo di cronaca apparso su un portale italiano. Il post ha toni fortemente sessisti, e una connotazione xenofoba. «Ta sta begn, vacca!» scrive il funzionario a margine della notizia della morte di Ashley Olsen, ragazza americana uccisa a Firenze da un clandestino senegalese con cui aveva avuto un rapporto consenziente. Per chiarire il concetto, poi, specifica (sempre in dialetto): «Con tutti i bei giovani nostrani... sarà stata una filo-islamica». 

Le Ffs: "Avviate verifiche interne" - Non è dato sapere, per ora, se la Polizia ferroviaria abbia ricevuto segnalazioni in merito. Fatto sta che, nei giorni successivi, non solo il post in questione, ma lo stesso profilo Facebook dell'agente è scomparso dal web. Le Ffs confermano di essere a conoscenza del caso e di stare prendendo provvedimenti. «Quanto espresso dal collaboratore Ffs sul suo profilo privato di un social network non rispecchia la posizione dell'azienda. Al momento è in corso una verifica interna per chiarire i fatti. Per il diritto alla protezione della sfera privata non diamo ulteriori informazioni in merito» spiega la portavoce Ffs per il Ticino, Roberta Trevisan. 

"Casi gravi, ma rari" - Il Comando della Polizia cantonale, intanto, sottolinea come gli agenti siano stati recentemente sensibilizzati «sul corretto uso dei social media». Evidentemente, non è bastato. Anche se, come osserva Jelmini, «questi comportamenti pur gravi non devono indurre a generalizzazioni. Si tratta di casi rari che vanno perseguiti» aggiunge, ricordando però che "la stragrande maggioranza degli agenti si comporta in modo corretto, le mele marce ci sono in ogni ambito" conclude il sindacalista. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
9 min
La replica di Regazzi: «l’MPS preferisce creare disoccupati»
Il consigliere nazionale reagisce agli attacchi: «Privilegiati? Il rischio di fallimenti a catena è del tutto reale»
CANTONE
4 ore
«Non è previsto per ora un lockdown come in Italia»
Il consigliere federale in diretta da Palazzo delle Orsoline. Ignazio Cassis a 360 gradi sull'emergenza in corso
CANTONE
5 ore
Coronavirus in Ticino: negli ospedali sono guarite 58 persone
Sono 415 le persone attualmente ricoverate nelle strutture dedicate alla cura dei pazienti Covid-19.
CANTONE
7 ore
Superati i cento morti in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore altre 125 persone sono risultate positive al Covid-19. Dodici i nuovi decessi
CANTONE
8 ore
Covid-19, i dubbi delle donne incinte
Intervista ad Andrea Papadia, primario in ginecologia e ostetricia presso l’ospedale Civico di Lugano (EOC)
CANTONE
10 ore
Coronavirus: Ermotti dona 1 milione di franchi per il Ticino
«La situazione è drammatica - sottolinea -. Ognuno dovrebbe almeno chiedersi se possa aiutare».
LUGANO
10 ore
«Ho dovuto rintanarmi in cantina»
Il diario scritto durante la quarantena: una famiglia bellinzonese contagiata, un 72enne intubato alla Carità
CANTONE
17 ore
Se gli anziani fanno gli “gnorri” al supermercato
C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce
CANTONE
21 ore
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
BELLINZONA
1 gior
Covid-19, Cassis arriva in Ticino
Il consigliere federale incontrerà domani il Consiglio di Stato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile