Foto Facebook
CANTONE
27.01.16 - 15:000
Aggiornamento : 17:23

«Ti sta bene, vacca!». Ecco i post imbarazzanti di un altro agente. Le FFS confermano

È un sergente della polizia ferroviaria. «Già avviate verifiche»

BELLINZONA - Quello del sergente della polizia cantonale finito nei guai per un post nazista è un caso isolato? «Assolutamente sì» secondo Lorenzo Jelmini, segretario di Ocst polizia: «Si tratta di comportamenti gravi, ma non bisogna generalizzare». Eppure, mentre la polizia cantonale fa sapere di avere aperto un'inchiesta amministrativa sul caso, spunta un altro episodio recente, che riguarda, però, un agente della polizia ferroviaria di Bellinzona.    

Il commento - Il post «incriminato» è di alcuni giorni fa. L'agente in questione, che tio.ch/20minuti ha cercato inutilmente di contattare, commentava su Facebook un articolo di cronaca apparso su un portale italiano. Il post ha toni fortemente sessisti, e una connotazione xenofoba. «Ta sta begn, vacca!» scrive il funzionario a margine della notizia della morte di Ashley Olsen, ragazza americana uccisa a Firenze da un clandestino senegalese con cui aveva avuto un rapporto consenziente. Per chiarire il concetto, poi, specifica (sempre in dialetto): «Con tutti i bei giovani nostrani... sarà stata una filo-islamica». 

Le Ffs: "Avviate verifiche interne" - Non è dato sapere, per ora, se la Polizia ferroviaria abbia ricevuto segnalazioni in merito. Fatto sta che, nei giorni successivi, non solo il post in questione, ma lo stesso profilo Facebook dell'agente è scomparso dal web. Le Ffs confermano di essere a conoscenza del caso e di stare prendendo provvedimenti. «Quanto espresso dal collaboratore Ffs sul suo profilo privato di un social network non rispecchia la posizione dell'azienda. Al momento è in corso una verifica interna per chiarire i fatti. Per il diritto alla protezione della sfera privata non diamo ulteriori informazioni in merito» spiega la portavoce Ffs per il Ticino, Roberta Trevisan. 

"Casi gravi, ma rari" - Il Comando della Polizia cantonale, intanto, sottolinea come gli agenti siano stati recentemente sensibilizzati «sul corretto uso dei social media». Evidentemente, non è bastato. Anche se, come osserva Jelmini, «questi comportamenti pur gravi non devono indurre a generalizzazioni. Si tratta di casi rari che vanno perseguiti» aggiunge, ricordando però che "la stragrande maggioranza degli agenti si comporta in modo corretto, le mele marce ci sono in ogni ambito" conclude il sindacalista. 

3 anni fa Caso Ashley, la confessione dell’assassino: “L’ho spinta e ha sbattuto la testa”
3 anni fa Immagini naziste sul suo profilo, agente di polizia nella bufera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 min

Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston

Precetto e sequestro beni da parte di Cantone e Confederazione nei confronti di Camillo Costa che dopo il crac è stato nominato Ispettore Onorario per i Beni architettonici di Albenga

CANOBBIO
2 ore

Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia

I tempi dell'inchiesta si sarebbero dilatati eccessivamente. L'uomo godrebbe di uno stato di libertà provvisoria in attesa di processo

MUZZANO
4 ore

I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»

Stamattina i rappresentanti di Atg, syndicom e Ocst hanno incontrato la direzione del giornale alla quale è stato formalmente chiesto di fare un passo indietro

FOTO E VIDEO
BELLINZONA
4 ore

Giovani in piazza per salvare il clima

A Bellinzona, come in altre 24 città svizzere, è stato organizzato uno sciopero. Tema centrale: le banche e i loro costi ambientali

BELLINZONA
5 ore

«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»

Polemiche nella zona di Pedevilla in seguito a un cantiere lungo la strada che porta ai Monti di Ravecchia. Il consorzio: «La strada stava cedendo, i lavori erano urgenti»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report