Foto FVR / Franjo M.
+7
GIUBIASCO
27.07.15 - 16:460
Aggiornamento : 18:42

Ecco il video dell'incendio in carrozzeria. Il proprietario: "Guardatelo e aiutatemi"

L'incendio di venerdì scorso alla Nima è di natura dolosa. Lo proverebbero le immagini in cui si vede un uomo che dà fuoco al magazzino dell'azienda

GIUBIASCO - La pista seguita dagli inquirenti è quella del dolo. La mano di colui che, nelle prime ore di venerdì scorso, 24 luglio, ha appiccato il fuoco all'interno dell'officina Nima di Giubiasco, è ancora ignota.

Casco in testa versa liquido infiammabile e poi dà fuoco al magazzino - La polizia cantonale ha effettuato i rilievi di rito necessari agli investigatori per effettuare le ricerche del piromane. Tra il materiale a disposizione vi sono anche le immagini riprese dal sistema di videosorveglianza allegate all'articolo, forniteci dal titolare della ditta, Nicola Mladenovski. Nel video si vede un uomo con un casco in testa che, dopo aver versato del liquido infiammabile su bidoni e diversi oggetti depositati all'interno del locale, accende il fuoco e si dà alla fuga.

Il titolare della ditta preoccupato: "Non riesco a spiegarmi chi e perché possa aver fatto una cosa del genere" - Mladenovski non nasconde la sua preoccupazione su un fatto inquietante. Soprattutto perché non sa spiegarsi chi possa avercela tanto con lui, a tal punto da commettere un atto di questo genere: "E' da tre giorni che non mi sento più tranquillo. Chi compie un gesto così di solito lo fa quando ha subito un torto grandissimo. Io non riesco a trovare spiegazioni logiche. Io sono un tipo tranquillo e in cuor mio so di non avere fatto del male a nessuno".

Con la pubblicazione di questo video, forse qualcuno mi può aiutare - Il titolare spera che con la pubblicazione di questo video qualcuno possa riconoscere o fornire elementi utili alla polizia per risalire al colpevole.

"Mai avuto minacce in passato" - In tutti i casi Mladenovski esclude che questo gesto sia da considerare un atto intimidatorio: "Non ho mai avuto minacce o richieste di denaro. Avrei avvertito subito la polizia se fosse capitata una cosa del genere".

L'incendio del 16 dicembre del 2011 al capannone Regazzi - La Carrozzeria Nima Sagl, che ha la sua sede in via Industrie 25, non è la prima volta che subisce dei danni a causa di un incendio. "Il 16 dicembre del 2011 andarono in fumo gli stabili Regazzi di Gordola" ricorda Mladenovski - "ma quella era un'altra storia". Allora andarono distrutti 4.000 metri quadrati di superfici industriali e commerciali che comprendevano ditte attive in diversi ambiti, garage, carrozzerie e depositi di aziende del settore edilizio.

Foto FVR / Franjo M.
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SVIZZERA
1 ora
Ripartono le funivie, ma sono gli zoo a fare il boom di visitatori nel primo giorno di riapertura
Una lunga fila si è formata davanti allo Zoo di Zurigo questa mattina, in attesa dell'entrata.
BELLINZONA
4 ore
«No al razzismo», si manifesta anche a Bellinzona
Tanti gli slogan scanditi e raffigurati sui cartelloni branditi dai manifestanti
FOTOGALLERY
LUGANO
6 ore
Dopo il lockdown, la lordura
Una "epidemia" di littering alla Foce del Cassarate e sul Brè. Le foto vergognose. La Città: «Problema in aumento»
CANTONE
8 ore
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
CONFINE
8 ore
Niente gite in Italia, le dogane restano vuote
Nonostante la riapertura della frontiera, i ticinesi sembrano ancora restii dal recarsi in Italia
MURALTO
12 ore
Aggredito sul lungolago, notte in ospedale
La vittima, un 35enne della regione, è stata picchiata da un ragazzo più giovane. Per futili motivi.
CANTONE
14 ore
«Quest'estate troppi giovani a casa»
I Giovani UDC ticinesi sono preoccupati per la disoccupazione under 25. E chiedono misure urgenti
CANTONE
1 gior
Garzoni: «Sì a piscine, fiumi e laghi. E dimagriamo»
Il direttore della clinica Moncucco sulle dichiarazioni di Zangrillo: «Non è certo che il virus sia mutato».
CANTONE
1 gior
L'ex infermiere dell'OBV è stato ritrovato morto
Il 45enne era scomparso lo scorso 30 maggio da Balerna. La sua automobile era stata rinvenuta ieri a Buseno.
CANTONE
1 gior
Al via su Piazzaticino.ch la seconda serata di Poestate
Il festival letterario luganese ritorna questa sera alle 18.00 con la sua edizione 100% online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile