MEZZOVICO
16.04.15 - 11:090
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

La Casram precisa: "Le 45 ore settimanali le hanno decise i lavoratori"

MEZZOVICO - La presa di posizione della Casram non si è fatta attendere. Il direttore Antonio Brina ha spiegato che la decisione di estendere le 40 ore di lavoro ad ulteriori 5 ore è dovuto all'abbandono della soglia minima del cambio da parte della Banca Nazionale Svizzera, e che l'azienda si è attenuta al contratto collettivo nazionale che permette di adottare per un periodo limitato deroghe al normale orario di lavoro. La proposta delle 45 ore settimanali è stata sottoposta a votazione a tutto il personale, proposta che è stata approvata democraticamente a maggioranza: 23 favorevoli, 17 contrari e 2 astenuti.


Qui di seguito il comunicato stampa della Casram:

In virtù della situazione venutasi a creare con l’abbandono della soglia minima del cambio da parte della Banca Nazionale Svizzera, anche Casram SA, come la gran parte delle aziende, si trova a dover gestire al meglio la situazione creatasi.
Casram SA aderisce da tempo immemore al contratto collettivo nazionale della Swissmem relativo all’industria metalmeccanica. Tale contratto nazionale permette, in situazioni particolari e comprovata perdita di competitività delle aziende, di adottare per un periodo limitato, deroghe al normale orario di lavoro Art. 57.4 comma 4 sino ad un massimo di 45 ore settimanali. Inoltre l’art. 57.1 del “Commento al contratto collettivo di lavoro dell’industria metalmeccanica” cita: “Non vi è nessuna disposizione o obbligo in merito a forme di compensazione o contropartite”.

Dopo aver seguito la prassi procedurale così come definita dal contratto cioé con il coinvolgimento della commissione del personale e dei sindacati UNIA e OCST, dando evidenza di quanto affermato, non si è arrivati ad un accordo per l'introduzione della deroga prevista, cioè del passaggio a 445 ore settimanale limitatamente ai nove mesi invece dei 15 previsti dal contratto collettivo, per poi tornare all'orario normale di lavoro.

Visto l'esito inconcludente dei vari incontri, la direzione ha deciso di sottoporre a votazione a tutto il personale se accettare la proposta, vedi sopra, o in alternativa non introdurre nessun provvedimento.

E' stata quindi in data 26 febbraio 2015 indetta la votazione alla presenza dei sindacati. La proposta dell'azienda è stata approvata democraticamente a maggioranza, 23 favorevoli e 17 contrari e 2 astenuti: si è quindi introdotto il nuovo orario di lavoro a partire dal 9 marzo.

Nella fattispecie un collaboratore, nonostante il tutto sia stato fatto all'interno del contratto collettivo nazionale e dopo votazione democratica e alla presenza dei sindacati, si è rifiutato di seguire il nuovo regolamento temporaneo dell'orario di lavoro.

Dopo due richiami scritti senza esito è stata inoltrata regolare disdetta di lavoro per motivi disciplinari (anche in questo caso è stata seguita la prassi del contratto collettivo)

facciamo presente che tale misura è stata introdotta temporaneamente solo ed unicamente per mitigare la perdita di competitività legata al cambio in quanto, rispetto ad altre aziende, non abbiamo cali di lavoro, altrimenti avremmo introdotto la disoccupazione parziale. Non sono neanche previste altre misure come ad esempio riduzioni di salari, licenziamenti o altro.

 

TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Le case in Ticino fanno gola agli svizzero tedeschi
Sul mercato immobiliare si registra un aumento delle richieste da parte della clientela d'oltralpe
CANTONE
12 ore
Coronavirus e Gran Consiglio: è un grattacapo
Nonostante il protocollo e le rigide misure sanitarie, si valuta nuovamente un cambiamento di sede
CANTONE
13 ore
Ecco l'ora solare: stanotte "si dorme di più"
Le lancette vanno riportate indietro di un'ora
CANTONE
18 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
18 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
20 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
1 gior
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
1 gior
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
1 gior
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile