Keystone (archivio)
SVIZZERA
28.09.21 - 09:510
Aggiornamento : 10:35

Mercato dei capitali, si va verso l'abolizione dell'imposta preventiva sulle obbligazioni

Secondo il Nazionale la riforma dovrebbe incentivare le imprese a finanziare le attività in Svizzera.

Questo contribuirebbe a rafforzare il mercato e sul lungo periodo a creare posti di lavoro.

BERNA - Rafforzare il mercato svizzero dei capitali di terzi, corroborando così l'intera piazza finanziaria e creando posti di lavoro.

È quanto si propone il Consiglio nazionale che ha incominciato l'esame dettagliato del progetto di riforma della legge sull'imposta preventiva, dopo aver respinto una proposta di rinvio al Consiglio federale del campo rosso-verde per 120 voti a 66 affinché l'esecutivo rivedesse il suo progetto, inserendovi anche la possibilità di una procedura di dichiarazione volontaria.

La riforma prevede l'abolizione dell'imposta preventiva (35%) sugli interessi svizzeri, a eccezione di quelli generati da averi di persone fisiche domiciliate nella Confederazione. Grazie a tale riforma si auspica che le emissioni di obbligazioni finora eseguite all'estero in futuro avverranno sempre più spesso dalla Svizzera. In questo modo sarebbe possibile rafforzare il mercato svizzero dei capitali di terzi, secondo la maggioranza del plenum.

L'abolizione dell'imposta preventiva sugli interessi dovrebbe incentivare inoltre le imprese a condurre con maggiore frequenza le attività di finanziamento interno ai gruppi in Svizzera. Nel complesso, la riforma dovrebbe rafforzare il mercato dei capitali di terzi e, a medio e lungo termine, dovrebbe dare impulso alla creazione di valore e di posti di lavoro in Svizzera.

Il campo rosso-verde teme invece minori entrate fiscali e, soprattutto, di favorire l'evasione fiscale, come hanno sostenuto in aula Franziska Ryser (Verdi/SG) e Jacqueline Badran (PS/ZH), le quali avrebbero voluto inserire nella legge almeno un obbligo di dichiarazione, una sorta di scambio automatico d'informazioni in salsa "elvetica". Ma una richiesta in tal senso è stata respinta dal plenum.

A tale riguardo, il consigliere federale Ueli Maurer ha spiegato che la possibilità di completare il disegno di legge con un obbligo di dichiarazione era stata inserita nella procedura di consultazione, ma la maggioranza degli ambienti consultati ha respinto tale proposta. Inutile quindi insistere, anche perché «non vogliamo toccare il segreto bancario per i clienti svizzeri delle banche», ha dichiarato il ministro delle finanze.

Per Maurer, la riforma non ha assolutamente come obiettivo di favorire le persone benestanti, bensì di rafforzare l'attrattiva della piazza economica svizzera. Quanto ai posti di lavoro che potrebbero essere creati, Maurer non ha fornito cifre, ma si è detto convinto che il trasferimento di determinate operazioni finanziarie in Svizzera avrà ripercussioni positive sul mercato del lavoro indigeno.

Per la maggioranza di centro-destra, l'eventuale indebolimento della funzione di garanzia di questo prelievo - poiché gli investitori svizzeri hanno diritto al rimborso integrale, tale prelievo assicura l'imposta sul reddito e sulla sostanza applicata dalla Confederazione, n.d.r - andrebbe inoltre relativizzato, in particolare a causa del livello attualmente molto basso dei tassi d'interesse. Per la maggioranza si tratta anche di alleggerire il peso burocratico di questo prelievo.

Inoltre, sebbene la riforma provocherà perdite finanziarie temporanee, la maggioranza è convinta che a medio termine sarà autofinanziata poiché comporterà la creazione d'impieghi. Per la sinistra, invece, benché le perdite fiscali stimate siano esigue a causa degli attuali bassi tassi d'interesse, in futuro gli ammanchi potrebbero aumentare se i tassi dovessero risalire. Per la sinistra, non è quindi il momento di procedere con questa riforma, anche alla luce del forte indebitamento della Confederazione dovuto alla pandemia. Cédric Wermuth (PS/AG) teme inoltre che la riforma odierna non sia che il primo passo verso l'abolizione di ulteriori balzelli.

Le ripercussioni finanziarie - Secondo il progetto governativo, a breve termine, quale effetto unico, la riforma comporterebbe minori entrate stimate a un miliardo di franchi; per la Confederazione tale ammanco sarà però coperto da accantonamenti. Questa diminuzione è dovuta al fatto che il rimborso dell'attuale imposta preventiva sui redditi d'interessi potrà essere richiesto ancora per tre anni.

Le minori entrate ricorrenti sono stimate a 170 milioni. Se il livello dei tassi d'interesse aumenterà, le entrate diminuiranno ulteriormente. La Confederazione si assume il 90% di questo importo, mentre i Cantoni il rimanente.

Posti di lavoro - Stando al Consiglio federale, la riforma presenterebbe un ottimo rapporto costi-benefici poiché genera impulsi che favoriranno la creazione di valore e di posti di lavoro. A livello federale la riforma potrebbe autofinanziarsi dopo circa cinque anni.

Per i Cantoni e i Comuni, sui quali le minori entrate ricorrenti ricadono in misura minore, tali impulsi dovrebbero tradursi in maggiori entrate già a breve termine.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min
«Farò del mio meglio per guadagnarmi la fiducia»
Dopo il discorso tenuto per l'elezione alla presidenza della Confederazione, Cassis ha incontrato i media.
ZURIGO
14 min
Shopping da record a Natale, nonostante il Covid
Gli svizzeri spenderanno oltre 300 franchi a testa per i regali.
VAUD
28 min
Si ubriaca con le allieve e ci dorme assieme. Addio insegnamento
Per l'Alta Corte il funzionario pubblico «non è più degno di rimanere in carica».
BERNA
57 min
Secondo pilastro, primo sì alla riforma
Per la maggioranza del Consiglio nazionale l'abbassamento di 0,8 punti dell'aliquota di conversione è indispensabile
SVIZZERA
2 ore
Covid, 12'598 nuovi casi in Svizzera
I morti legati alla pandemia salgono a quota 11'326. Negli ospedali sono stati registrati 113 nuovi ricoveri
SVIZZERA
2 ore
«Non lasciamoci dividere»
Il neo presidente della Confederazione ha incentrato il suo discorso sulla pandemia: «La crisi avrà una fine».
SVIZZERA
3 ore
Più tasse sulle sigarette? I fumatori diminuiscono
La Svizzera ha attualmente la più bassa pressione fiscale in Europa e ciò deve cambiare, secondo due associazioni
SVIZZERA
4 ore
Dopo 24 anni tocca a un ticinese
Ignazio Cassis è stato eletto alla presidenza della Confederazione con 156 voti. Il suo vice sarà Alain Berset.
SVIZZERA
4 ore
Sospetto islamista: «In Svizzera non può entrare»
Il Tribunale Amministrativo Federale ha respinto il ricorso di un cittadino francese, oggetto di un divieto di 5 anni
GRIGIONI
6 ore
Hotel a cinque stelle vittima di un attacco hacker
I criminali informatici hanno colpito il Waldhaus di Flims, rubando dati di dipendenti e ospiti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile