Keystone
SVIZZERA
20.09.21 - 15:070

Circa 42'800 firme contro le pellicce ottenute con sofferenze animali

Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.

BERNA - L'importazione di "prodotti di pellicceria ottenuti infliggendo sofferenze agli animali" dovrebbe essere vietata in Svizzera. È quanto chiede una petizione consegnata oggi al Parlamento federale a Berna firmata da circa 42'800 persone.

I firmatari invitano i membri delle Camere federali a sostenere una mozione del consigliere nazionale Matthias Aebischer (SP/BE), che è attualmente pendente al Consiglio degli Stati. Il testo chiede che sia vietata l'importazione di prodotti di pelliccia prodotti in modo crudele. Il Consiglio federale dovrebbe agire sulla base della Legge sulla protezione degli animali.

I metodi di caccia comuni all'estero (tagliole, trappole con funi o a scatto) e le condizioni di detenzione negli allevamenti commerciali (gabbie strette con pavimenti in rete metallica) corrispondono alla definizione di "maltrattamento degli animali" contenuta nella Legge federale sulla protezione degli animali, si legge nella petizione.

Stando alle cifre dell'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria, il 79% dei controlli effettuati nei punti vendita nel 2019/2020 hanno condotto a una contestazione perché la dichiarazione non era corretta o era insufficiente.

La versione rivista dell'ordinanza sulla dichiarazione delle pellicce e dei prodotti di pellicceria è in vigore dal 1° aprile 2020. Sono state introdotte nuove disposizioni, come l'obbligo di contrassegnare chiaramente il prodotto come "vera pelliccia" se è derivato da animali. Secondo le autorità questo dovrebbe consentire ai clienti di riconoscere immediatamente se si tratta di una pelliccia vera o sintetica.

Il Consiglio federale respinge quindi la mozione di Aebischer e continua a fare affidamento sulla dichiarazione e su un'informazione trasparente per i clienti. Per gli autori delle petizione invece neppure un obbligo di dichiarazione concepito e attuato in modo ottimale impedirebbe l'importazione e la vendita di prodotti di pellicceria ottenuti infliggendo sofferenze agli animali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
42 min
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
3 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
6 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
6 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
8 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
9 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
10 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
10 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
12 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile