20min/Marco Zangger
SVIZZERA
14.06.21 - 08:070
Aggiornamento : 11:05

Dopo il “no” alla Legge sul CO2, altre vie per raggiungere gli obiettivi climatici

Un deputato PS ritiene che servano più incentivi, un parlamentare UDC afferma che non è necessaria un'azione massiccia

A seguito del risultato della votazione, il Governo federale ha affermato che ora sarà più difficile rispettare l'accordo di Parigi

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - La lotta alle emissioni di CO2 ha subito un brusco rallentamento: il 51,6% dei cittadini ha infatti respinto la Legge sul CO2. Uno strumento che aveva, come obiettivo il dimezzamento, entro il 2030, del livello del 1999 dei gas serra. La Svizzera si è comunque impegnata a rispettare l'accordo di Parigi sul clima. Ma come potrà fare? Durante la campagna in vista della votazione, il Governo federale aveva anticipato che un “no” alle urne avrebbe impedito di raggiungere l'obiettivo. L'attuale Legge su CO2 non permetterebbe infatti di effettuare investimenti ecocompatibili.

A seguito del risultato della votazione federale di ieri, la consigliera federale e ministra dell'ambiente Simonetta Sommaruga ha dichiarato che l'obiettivo climatico del 2030 sarà difficile da raggiungere. «A breve termine si tratterà di estendere la misura».

«Adottare misure settoriali» - «Per mettere in atto l'accordo di Parigi abbiamo sicuramente perso tre anni» afferma, da parte sua, il consigliere nazionale PS Roger Nordmann. La Legge suL CO2 respinta dai cittadini ha comunque mostrato che una politica climatica che va a toccare il portafoglio non ha nessuna possibilità. Sul fronte delle spese supplementari è stato raggiunto un limite. «Ora possiamo soltanto adottare delle misure settoriali che non prevedano delle tasse».

Il deputato socialista si aspetta che singole e specifiche proposte climatiche abbiano maggiori possibilità di essere accettate dai cittadini. «Il popolo dovrebbe per esempio potersi esprimere sulla necessità o meno d'introdurre degli standard più severi sulle emissioni per gli importatori di automobili».

E visto che non è più possibile introdurre ulteriori tasse, l'obiettivo climatico deve essere raggiunto con aiuti pubblici: «Soldi che potrebbero essere impiegati per l'installazione di stazioni di ricarica e il risanamento di edifici». Non c'è infatti consenso per una tassa su biglietti aerei o per il Mobility Pricing. E quindi il trasporto pubblico va reso più interessante con incentivi statali. «La Svizzera ha il vantaggio di potersi indebitare». E se ora si fa troppo poco per raggiungere gli obiettivi climatici, si rischia - sempre secondo il consigliere nazionale - un danno d'immagine e la perdita di credibilità.

«Le emissioni di CO2 diminuiscono ogni anno» - La vede diversamente il deputato UDC Christian Imark, secondo cui non sarebbe necessario un intervento massiccio per il clima. La Svizzera avrebbe infatti già uno standard elevato di politica climatica. «Ogni anno stiamo riducendo le nostre emissioni di CO2 del 2,5%». 

Imark sottolinea, inoltre, che la Svizzera ha la possibilità d'impiegare molte nuove tecnologie per sgravare i cittadini dalle tasse. «Per esempio l'utilizzo di cemento che cattura il CO2». Un altro strumento sarebbe il recupero del CO2 attraverso gli impianti d'incenerimento. Secondo il deputato UDC la Svizzera potrà mantenere la rotta giusta anche estendendo determinate misure previste dall'attuale Legge sul CO2.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GIURA
2 min
Terza dose, Giura chiede aiuto all'esercito
Boom di richieste, ma manca il personale formato. Il Cantone scrive alla ministra della difesa
GIURA
34 min
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
1 ora
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
2 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
2 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
3 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
4 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
SVIZZERA
5 ore
Oltre ottomila casi in Svizzera, 138 i nuovi ricoveri
Si aggrava la situazione ospedaliera: i pazienti Covid occupano ora il 26,5% degli spazi di terapia intensiva.
SVITTO
10 ore
Voci dal villaggio dei super no-vax
«Non bisogna dettare agli altri quello che devono fare», spiega la residente Nicole Bertschart.
VALLESE
10 ore
«La quarantena è un'esagerazione»
Il consigliere di Stato vallesano Christophe Darbellay critica le attuali norme d'ingresso introdotte contro la variante
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile