Immobili
Veicoli
Keystone
BERNA
05.06.21 - 11:250

Per i Verdi liberali il SEE è una valida alternativa all'accordo quadro

Grossen: «L'interruzione dei negoziati è stata la più grande dimostrazione di incapacità del Consiglio federale»

BERNA - Secondo il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen l'adesione della Svizzera allo Spazio economico europeo (SEE) è diventata una «valida alternativa» dopo il fallimento dei negoziati sull'accordo quadro istituzionale con l'Unione Europea.

Il SEE, che, oltre all'UE, comprende Norvegia, Islanda e Liechtenstein funziona bene ed è un'opzione che deve essere discussa seriamente, dice Grossen in un'intervista pubblicata oggi dai giornali in lingua tedesca del gruppo editoriale Tamedia.

L'adesione a questa area economica offre il pieno accesso al mercato interno dell'UE, la partecipazione alla cooperazione europea nella ricerca e alla fornitura di elettricità. Inoltre l'accordo ha anche meccanismi per la risoluzione dei conflitti. L'adozione del diritto europeo non è automatica, ma dinamica, ricorda il consigliere nazionale bernese.

Il SEE è stato creato nel 1994 con lo scopo di estendere le disposizioni del mercato interno dell'UE ai paesi dell'Associazione europea di libero scambio (AELS). La Svizzera ha rifiutato di aderire con una stretta maggioranza popolare e una chiara maggioranza dei cantoni nel 1992.

Lo Spazio economico non è la via preferita dai Verdi liberali, ma un percorso valido, precisa il presidente del partito. La conclusione di un accordo quadro rimane «la soluzione ideale», perché stabilizzerebbe il percorso bilaterale per molto tempo, osserva Jürg Grossen.

Alla domanda se crede ancora seriamente in una "resurrezione" dell'accordo quadro sepolto dal Consiglio federale dieci giorni fa Grossen risponde che «non darebbe nulla per impossibile attualmente».

Il presidente di partito menziona poi come un'altra opzione per le future relazioni dalla Svizzera con l'UE un accordo di libero scambio «alla britannica», ma, sottolinea, ciò significherebbe che la Confederazione sarebbe «sbattuta fuori» dal mercato interno europeo.

Grossen ritiene poi una «pseudo-opzione» i piani del governo svizzero di adattare selettivamente e unilateralmente la legislazione alle regole dell'UE. Così facendo Berna non migliora le relazioni bilaterali. «Questo piano è il contrario della sovranità». D'altro canto per il leader verde liberale l'adesione all'UE «al momento è fuori discussione».

Jürg Grossen considera l'interruzione dei negoziati su un accordo quadro istituzionale con Bruxelles un «errore abissale» e «la più grande dimostrazione di incapacità» del Consiglio federale. L'esecutivo ha fallito collettivamente ma la responsabilità principale è da imputare al PLR che - afferma - non è più adatto a governare.

Grossen aggiunge che i verdi liberali sono pronti per un seggio nel Consiglio federale di sette membri. Il suo partito si è piazzato al sesto posto nelle elezioni federali del 2019, dietro UDC, PS, PLR, PPD e Verdi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
4 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
5 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
6 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
8 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
16 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
18 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
1 gior
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
1 gior
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile