Keystone
SVIZZERA
25.01.21 - 13:260

Scambio di vedute tra Berset e il mondo culturale

Durante un incontro che ha avuto luogo oggi sono stati toccati i problemi che il settore si trova ad affrontare.

Impossibile dire quando gli eventi culturali potranno di nuovo aver luogo. Possibili allentamenti avverranno però sicuramente per tappe.

BERNA - Il capo del Dipartimento federale dell’interno Alain Berset ha avuto oggi un incontro (virtuale) con una delegazione di rappresentanti di diversi ambiti culturali. In questa occasione il Consigliere federale ha ricevuto informazioni sulle difficoltà che il settore si trova ad affrontare a causa dell’attuale pandemia.

Dal primo incontro tenutosi il 16 novembre 2020 la situazione per il settore culturale non è migliorata. I provvedimenti per il contenimento della pandemia, che il Consiglio federale ha introdotto alla fine del 2020 e il 13 gennaio 2021 ha poi dovuto prolungare fino a fine febbraio, hanno gravi ripercussioni sul mondo della cultura. Le istituzioni culturali rimangono chiuse fino a nuovo ordine e le manifestazioni culturali sono vietate.

«Uno scambio aperto e diretto» - In occasione della discussione, i rappresentanti del mondo culturale hanno potuto informare direttamente il capo del Dipartimento federale dell'interno sui problemi concreti che il settore si trova ad affrontare. Nello spirito di uno scambio aperto è stata illustrata l'attuazione dei provvedimenti specifici di sostegno stabiliti a marzo mediante un'ordinanza di necessità e poi confluiti a settembre nella legge COVID-19. Sono inoltre stati trattati i provvedimenti volti ad attenuare l'impatto della pandemia previsti per l'intero settore economico e a disposizione anche di quello della cultura. Per questo motivo, oltre all'Ufficio federale della cultura (UFC) e alla fondazione Pro Helvetia erano rappresentati all'incontro anche l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) e la Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Valutazione continua - Il consigliere federale Alain Berset ha salutato lo scambio diretto tra gli operatori culturali e le autorità, ribadendo la volontà e l'impegno dello Stato nell'affrontare le difficoltà del settore culturale in maniera quanto più efficace possibile. Da quando sono stati elaborati i provvedimenti integrativi per il settore della cultura volti ad attenuare l'impatto economico della pandemia, si svolgono periodicamente incontri tra gli operatori culturali e i rappresentanti della Confederazione e dei Cantoni, anche al fine di valutare e adattare costantemente i provvedimenti di sostegno. A titolo esemplificativo, nel corso dell'ultima revisione della legge COVID-19 del dicembre 2020, lo strumento delle indennità per perdita di guadagno, inizialmente limitato alle imprese culturali, è stato esteso anche agli operatori culturali. Nel contempo sono anche stati innalzati i limiti di reddito e di sostanza entro i quali gli operatori culturali hanno diritto all'aiuto d'emergenza. L'estensione delle indennità per lavoro ridotto ai rapporti di lavoro a tempo determinato è un'ulteriore misura di grande importanza soprattutto per il settore della cultura.

Quando si riapre? - Attualmente non è purtroppo possibile dare una prospettiva definitiva sulla riapertura delle istituzioni culturali o sulla riammissione di eventi culturali. Una graduale riapertura dipende da numerose variabili, come i progressi nella copertura vaccinale, la diffusione delle nuove mutazioni del Covid e il rispetto delle misure sanitarie. Il Consiglio federale valuta costantemente la situazione epidemiologica. Se nei prossimi mesi saranno possibili degli allentamenti, ciò avverrà probabilmente per tappe e a seconda del tipo e delle dimensioni dell'evento. 

Per il finanziamento dei provvedimenti per attenuare l'impatto economico della pandemia sul settore della cultura nel 2020, il Consiglio federale ha stanziato mezzi per complessivi 280 milioni di franchi. Il 25 settembre il Parlamento ha approvato una proroga dei provvedimenti nel quadro della legge COVID-19 e stanziato 130 milioni di franchi per il 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
5 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
9 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
9 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
9 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
9 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
11 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
12 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
15 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile