Keystone (archivio)
SVIZZERA
29.10.20 - 07:320

Sessione speciale per il Consiglio Nazionale

Tra misure di sicurezza accresciute, i parlamentari tornano in aula per una due giorni di discussioni.

Due i dossier importanti sul tavolo oggi: gli affitti commerciali in tempo di pandemia e il costo dei medicinali.

BERNA - Incomincia stamane (10.30-19.00), nel pieno della seconda ondata pandemica e tra misure di sicurezza rafforzate (obbligo della mascherina per parlamentari e personale), la sessione speciale del Consiglio nazionale che si protrarrà fino a domani.

Due i dossier importanti all'ordine del giorno, di cui uno connesso alle ripercussioni del coronavirus a livello economico e sociale: la legge sulle pigioni commerciali. In programma anche i nuovi provvedimenti per contenere i costi dei medicinali.

Pigioni commerciali, entusiasmo in calo - Il primo tema in agenda, riguarda le pigioni commerciali. Il progetto del Consiglio federale, elaborato sulla base di due mozioni simili adottate in giugno dal parlamento, prevede che i gestori di esercizi commerciali paghino "solo" il 40% della pigione dovuta per tutto il periodo di chiusura forzata decisa in primavera dal governo.

La commissione preparatoria ha respinto per 14 voti a 11 il disegno di legge elaborato dall'esecutivo. Quest'ultimo è stato costretto a presentarlo controvoglia perché sempre contrario a una soluzione calata dall'alto, tanto che lo scorso settembre, nel approvare il messaggio, aveva chiesto al parlamento di respingerlo. Il Consiglio federale ha sempre sostenuto di non gradire una simile ingerenza nei rapporti di diritto privato, bensì di preferire soluzioni consensuali tra locatario e locatore.

A spingere la maggioranza della commissione verso la bocciatura sono stati vari fattori, tra cui i pareri «molto discordi» emersi durante la procedura di consultazione: inquilini e locatori la pensano in modo diametralmente opposto, con i primi favorevoli e i secondi «fermamente» contrari. La maggioranza giudica inoltre inaccettabile che la legge consenta d'intervenire retroattivamente su rapporti contrattuali di diritto privato. La maggioranza crede, inoltre, che una simile ingerenza sia sproporzionata e anticostituzionale.

Una minoranza - soprattutto di sinistra - crede invece che il progetto rappresenti un importante contributo, sul piano congiunturale, per arginare la paventata ondata di fallimenti di aziende della ristorazione e del commercio al dettaglio.

Costi sanitari, prezzo farmaci nel mirino - Il menù della Camera del popolo prevede anche un dibattito sulla sanità e, in particolare, sul prezzo dei medicinali, il cui costo è assai più elevato in Svizzera che altrove, anche per i generici.

La commissione preparatoria, contrariamente al disegno governativo, non vuole saperne di un sistema di prezzi di riferimento per medicamenti con brevetto scaduto. Tale sistema, secondo il Consiglio federale, potrebbe generare risparmi per 300-500 milioni di franchi all'anno.

Al posto del sistema dei prezzi di riferimento, la Commissione propone al governo d'intervenire in tre ambiti: il divario di prezzo tra i preparati originali e i generici deve essere aumentato, i prezzi nel mercato dei generici devono essere esaminati ogni anno al posto di ogni tre anni, e devono essere ammesse le importazioni parallele di generici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
13 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
13 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
14 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
17 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
18 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
18 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
19 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
19 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
19 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile