Keystone
SVIZZERA
24.10.20 - 11:350
Aggiornamento : 12:28

«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»

Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.

«Bisogna imparare a convivere con la malattia», ha detto. Ma non a convivere con tasse e divieti supplementari

BERNA - Il neopresidente dell'UDC Marco Chiesa invita il suo partito ad agire con decisione. Prima di tutto si deve combattere il coronavirus, poi abolire la legge sul CO2 e combattere con tutte le forze l'accordo quadro con l'UE.

In relazione al coronavirus, l'UDC si è sempre battuta per la protezione dei gruppi a rischio, ha dichiarato il consigliere agli Stati ticinese in apertura dell'assemblea dei delegati che si tiene oggi online.

La protezione dei gruppi a rischio deve avvenire all'interno del sistema federale. Stando alla versione scritta del suo discorso, Chiesa ritiene che i Cantoni non debbano delegare tutto alla Confederazione. I cittadini devono agire secondo la propria responsabilità. La medicina non deve essere più dannosa della malattia. E bisogna imparare a convivere con la malattia.

Ciò con cui l'UDC non vuole convivere, sono le tasse, i prelievi e i divieti supplementari, come quelli previsti dalla «legge rosso-verde sul CO2». Negli ultimi dieci anni la Svizzera ha ridotto le emissioni pro capite di CO2 del 20%, su base volontaria e grazie agli investimenti.

L'UDC - ha proseguito il ticinese - è stata impegnata in dieci mesi di dura battaglia elettorale per la sua iniziativa per la limitazione dell'immigrazione. Pur avendo perso la votazione, il 38% di voti a favore mostra la preoccupazione per l'immigrazione, secondo Chiesa.

L'UDC farà inoltre tutto il possibile per opporsi all'accordo quadro con l'UE. Per il presidente democentrista, una cosa è certa: «Senza l'iniziativa per la limitazione dell'immigrazione, il Consiglio federale avrebbe già da tempo firmato questo trattato di assoggettamento».

L'accordo istituzionale non sarebbe «nient'altro che un'adesione strisciante all'UE». Il Consiglio federale deve dire all'UE «in modo amichevole ma fermo che non rinunceremo alla nostra sovranità», afferma Marco Chiesa.

Aggiornamento delle 12.25: approvata la risoluzione contro l'accordo quadro - Nel corso dell'assemblea virtuale i delegati dell'UDC hanno approvato con 148 sì e 7 no una risoluzione contro il testo dell'accordo quadro istituzionale negoziato con Bruxelles.

Il «trattato di sottomissione» deve essere combattuto con tutte le forze, ha affermato il presidente Marco Chiesa. L'accordo rappresenta il tema più importante per la Svizzera, più ancora del coronavirus, gli ha fatto eco il consigliere nazionale zurighese Roger Köppel: a suo avviso l'intesa è un attacco frontale alla sovranità elvetica, alla democrazia e a tutto ciò che ha costituito il successo della Svizzera.

È desiderio dichiarato dell'UE porre fine al percorso bilaterale attraverso il trattato, ha argomentato il giornalista ed editore. L'Ue non vuole più avere relazioni paritarie con la Confederazione, desidera al contrario fare della Svizzera un «territorio soggetto dell'Ue».

Il Consiglio federale non avrebbe mai dovuto negoziare questo accordo, si è detto convinto Köppel. A suo avviso l'UDC deve fare tutto ciò che è in suo potere per evitare l'intesa: si tratta della madre di tutte le battaglie, ha concluso.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
1 ora
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
2 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
4 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
6 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
7 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
9 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
9 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
10 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
18 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile