Immobili
Veicoli
Screenshot Repubblica, BBC, FAZ
BERNA / ITALIA
27.09.20 - 22:150
Aggiornamento : 28.09.20 - 08:52

Stampa europea sul "no" alla limitazione: «La Svizzera resta agganciata all’Europa»

La bocciatura attira l'attenzione dell'Europa. Gli italiani ricordano i frontalieri. I britannici pensano a se stessi.

BERNA / ROMA - Siccome tocca i rapporti con l'Unione Europea e ricorda in qualche modo il voto sulla Brexit, l'iniziativa UDC per la limitazione ha attirato l'attenzione della stampa europea più degli altri temi su cui oggi si votava in Svizzera.

Com'era prevedibile, il fallimento della proposta ha avuto particolare visibilità sui media online del Regno Unito, che è formalmente uscito dall'UE il 1° febbraio 2020. «L'UDC ha usato argomenti simili a quelli impiegati dai sostenitori della Brexit, come avere più controllo sull'immigrazione in un Paese che, sostengono, sta diventando sovrappopolato e, di conseguenza, più caro», ricorda la BBC. «Ma in questo momento l'immigrazione netta in realtà sta calando e c'è la sensazione che i votanti si stiano stancando del messaggio anti-immigrazione del partito», aggiunge.

Il portale d'informazione del servizio televisivo pubblico britannico si interroga inoltre sulle possibili conseguenze del "no" svizzero sulle trattative con l'UE che il Regno Unito deve ancora concludere. «Un sonoro "sì" alla libera circolazione delle persone potrebbe dare man forte a Bruxelles ed essere un segnale per il Regno Unito su quali tipi di compromessi possano servire per concordare un'intesa di libero scambio con l'UE», scrive la BBC. 

Il Guardian riferisce dal canto suo di un sonoro "no" alla proposta UDC e ricorda come le aspettative democentriste siano già state frustrate dopo il "sì" «di misura» all'iniziativa contro l'immigrazione di massa approvata il 9 febbraio 2014. «Per la rabbia del partito, l'iniziativa era stata successivamente annacquata, promuovendo un certo grado si preferenza indigena in alcuni settori, ma evitando d'imporre limiti fissi all'immigrazione dall'UE», commenta il quotidiano online, che sottolinea l'invariabile indisponibilità di Bruxelles a mettere in discussione la libera circolazione.

In Italia, il Corriere della Sera parla della bocciatura di un'iniziativa della «destra sovranista»: «La Svizzera resta agganciata all’Europa e si tiene stretta la manodopera straniera», scrive Claudio Del Frate. «Solo quattro i cantoni che si sono espressi controcorrente, dando la vittoria ai sì - continua -; tra questi il Ticino, dove lavorano oltre 60'000 italiani e dove i favorevoli alla proposta sono stati il 53,1% del totale».

"Cittadini Ue e frontalieri potranno continuare a circolare", titola invece Repubblica, che traccia anch'essa la parabola discendente dell'UDC: «Nel 2014, in un referendum simile sulla libera circolazione, gli svizzeri avevano votato a favore della proposta di limitare l'accesso dei cittadini Ue», rievoca. «Il Parlamento, però, agì in modo da non applicare la misura, in gran parte per timore delle ripercussioni sociali ed economiche - continua il quotidiano italiano -. Di fronte all'inazione-ostruzione del potere legislativo, il partito populista è ripartito all'attacco per riproporre il tema agli elettori. Ma, contrariamente a quanto accadde nel 2014, l'immigrazione non è più al centro delle preoccupazioni degli elvetici e la proposta non ha fatto breccia».

La tedesca Frankfurter Allgemeine Zeitung parla di «lungimiranza svizzera»: «La maggioranza dei confederati non ha voluto rischiare un simile attacco frontale alla propria economia, ancor meno ora che il coronavirus ha gettato il Paese nella peggior recessione da decenni», scrive il corrispondente da Zurigo Johannes Ritter. Molti svizzeri, inoltre, «forse» hanno votato "no" anche perché «durante la pandemia hanno dolorosamente provato cosa significhi essere rinchiusi nel proprio Paese».

L'iniziativa per la limitazione conquista anche la homepage delle tedesche Welt e Süddeutsche Zeitung, che, riprendendo un dispaccio della dpa, sottolineano il «chiaro» "no" degli svizzeri all'abolizione della libera circolazione. Tale risultato pro UE, suggeriscono i portali, potrebbe determinare una nuova ripartenza delle «lunghe e complicate» trattative per la conclusione di un accordo quadro tra Berna e Bruxelles

Poca visibilità trova invece il voto svizzero sui portali online francesi. Franceinfo parla di «buona notizia per i 180mila frontalieri che vivono in Francia e lavorano in Svizzera»

Lo spagnolo El País sottolinea l'«ampia maggioranza» ottenuta dal "no", ricorda anch'esso il 9 febbraio 2014 e fa notare gli altri recenti insuccessi democentristi, come per esempio il respingimento dell'iniziativa per l'attuazione. «Non è la prima volta che gli ultranazionalisti (l'UDC, ndr) perdono alle urne con una proposta contro l'immigrazione che cerca di ridurre i vincoli con l'UE, il primo partner commerciale del Paese», scrive il portale iberico. «Nel 2014, a sorpresa e con poco margine, hanno ottenuto l'approvazione di un'iniziativa proprio per tagliare quella che considerano una "immigrazione di massa", ma poi il Parlamento l'ha annacquata con misure di protezione locali del mercato del lavoro per evitare uno scontro con l'UE sulla libera circolazione delle persone».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mat78 1 anno fa su tio
E vai di censura redazione! manco avessimo espresso concetti volgari, razzisti o sessisti...di boiate da facebook vedo che ne lasciamo a volontà però! Essere taglienti è lecito in blog o dobbiamo solo belare?
Heinz 1 anno fa su tio
Toni hahira, non andare in certi siti, trovi solo monnezza.
tazmaniac 1 anno fa su tio
Peccato, perso l'occasione per rinegoziare il tutto e rivedere alcune cose che andavano corrette un po' per non restare sotto il giogo europeo. Siamo un popolo senza oo e piuttosto boccaloni, e questo ne è l'ennesimo esempio. Ai verdi rossi consiglio quindi ora perlomeno di smetterla di sbraitare sull'inquinamento i consumi e quant'altro, perchè tutto ciò è destinato ad aumentare, non potete avere la moglie ubriaca e la botte piena.
saetta 1 anno fa su tio
@901384 Bravo! Ben detto!
tazmaniac 1 anno fa su tio
@saetta non credo sia stato ben detto... ;o) non vedo il commento...
Meck1970 1 anno fa su tio
In Svizzera tedesca le aziende esportano allUE e assumono solo residenti. Mentre le aziende in Ticino assumono quasi solo frontalieri e il lavoro è precario. Ecco la differenza.
Heinz 1 anno fa su tio
@Meck1970 Non è vero, a Zurigo lavora gente da tutto il mondo.Nelle aziende si parla piu inglese che tedesco. La competitività è data anche dalla possibilita di assumere i migliori al mondo. TIo perchè cancellate i commenti che non vi piacciono perche non sono nel pensiero unico della vostra linea editoriale ??
francox 1 anno fa su tio
Per poco non restiamo senza personale sanitario durante un'emergenza medica ma evidentemente l'insegnamento non è stato sufficiente per prevalere sul profitto. Sarà per la prossima pandemia!
Duca72 1 anno fa su tio
Classico il voto dei ticinesi ! Ma la Svizzera si dimostra più intelligente !!
tip75 1 anno fa su tio
se avessero votato solo i cantoni di confine la situazione sarebbe stata tutt altra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
7 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
12 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
16 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
17 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
19 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
20 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
20 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
20 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
20 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile