KEYSTONE
Togliere il divieto di prestiti ipotecari per PostFinance, come proposto dal Consiglio federale, così come il suo progetto di privatizzazione parziale, non raccolgono la maggioranza dei consensi.
SVIZZERA
25.09.20 - 17:240

PostFinance divide destra e sinistra

Solo l'ala destra del PS, la Piattaforma riformista, si allinea in toto con il progetto del Consiglio federale

BERNA - Togliere il divieto di prestiti ipotecari per PostFinance, come proposto dal Consiglio federale, così come il suo progetto di privatizzazione parziale, non raccolgono la maggioranza dei consensi.

La destra è per una privatizzazione totale, mentre la sinistra sostiene il progetto, ma non la privatizzazione.

Visto il momento difficile, il governo valuta necessario aumentare la capacità di rendimento di PostFinance togliendo il divieto di elargire prestiti ipotecari. La procedura di consultazione sul tema si conclude oggi.

PLR, UDC e Verdi liberali, così come organizzazioni quali economiesuisse e Associazione dei banchieri, respingono la revisione parziale della Legge sull'organizzazione della Posta (LOP). Sarebbero favorevoli a un permesso di elargire ipoteche solo nel caso di una privatizzazione totale.

Uno dei timori, sottolineato anche dalla Conferenza dei direttori cantonali delle finanze, è quello che vi sia una distorsione dei mercati e della concorrenza. A suo dire, la creazione di una banca universale nelle mani della Confederazione non è giustificata.

PS e Verdi accettano dal canto loro la fine del divieto dei prestiti, ma solo se PostFinance limita le ipoteche a progetti rispettosi del clima. Per gli ecologisti, questo punto non può limitarsi a una semplice formulazione facoltativa.

I socialisti si dicono invece contrari alla privatizzazione parziale, poiché la metà di quelli che definiscono magri benefici, dovrebbero essere versati agli investitori privati sotto forma di dividendi. Il pericolo, è che i rischi vadano sulle spalle della Confederazione, mentre gli utili nelle tasche degli investitori privati.

Solo l'ala destra del PS, la Piattaforma riformista, si allinea in toto con il progetto del Consiglio federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
3 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
4 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
6 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
6 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
Attualità
9 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
BERNA
10 ore
L'USAM insorge: «Noi come l'Albania o la Croazia»
Forti critiche al sistema di gestione della pandemia. Quindi l'appello: «Stop alle chiusure»
SVIZZERA
10 ore
Economiesuisse corregge il tiro: «Nessuno vuole 30mila casi al giorno»
Avevano fatto discutere, venerdì, le dichiarazioni di Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori.
SVIZZERA
12 ore
Prospettive cupe per il settore degli eventi
Secondo Christoph Kamber non si tornerà alla normalità prima del 2022-2023.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile