Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
16.09.20 - 13:470

Legge Covid-19: «Maggior sostegno agli indipendenti»

Il Consiglio agli Stati non vuole limitare la somma delle IPG a 196 franchi al giorno, né fissare un tetto massimo.

Il dossier ritorna al Nazionale per l'esame delle divergenze rimanenti.

BERNA - Passo importante oggi del Consiglio degli Stati nei confronti del Nazionale in merito alla Legge Covid-19. I "senatori" hanno infatti deciso di sostenere i lavoratori indipendenti e i datori di lavoro penalizzati dalle misure restrittive decise dal Consiglio federale a causa del coronavirus. Il dossier ritorna alla Camera del popolo per l'esame delle divergenze rimanenti.

Il disegno presentato dall'esecutivo, sebbene attaccabile mediante referendum, dovrebbe entrare subito in vigore non appena adottato dalle camere il prossimo 24 di settembre. Sostituisce quei provvedimenti adottati dal governo col diritto d'urgenza nei mesi scorsi, e che scadono dopo sei mesi, per far fronte alla pandemia di coronavirus.

I "senatori" hanno esaminato questo oggetto a passo di carica, dopo aver trattato in entrata la legge sull'incoraggiamento alla cultura per il periodo 2021-2024. Oltre agli indipendenti e ai datori di lavoro, potranno usufruire delle indennità per perdita di guadagno anche le persone che hanno dovuto ridurre l'attività a causa del virus, ma solo se hanno subito un calo del fatturato di almeno il 60% rispetto agli anni 2016-2019. Quest'ultima precisazione è stata accolta dal plenum per 29 voti a 13, con la destra che avrebbe voluto condizioni più rigide.

Per quanto attiene al versamento delle IPG, quest'ultime saranno calcolate sulla base della dichiarazione presentata dalla persona interessata. Le informazioni fornite saranno controllate a campione. Gli Stati non vogliono limitare la somma a 196 franchi al massimo per giorno d'inattività né fissare un massimo di 150 mila franchi di reddito annuo per ricevere questo aiuto.

Tutte queste misure hanno effetto retroattivo al 17 di settembre, quando scadono i provvedimenti a favore d'indipendenti e titolari d'imprese, tra l'altro attive nel settore delle manifestazioni.

La Camera dei cantoni ha fatto un passo ulteriore verso il Nazionale stabilendo che potranno godere del lavoro ridotto anche i lavoratori su chiamata con contratto a tempo indeterminato. Esclusi invece gli apprendisti e le persone ingaggiate da società attive nel lavoro interinale. La sinistra, come il Nazionale, avrebbe voluto estendere gli aiuti anche ai tirocinanti e ai lavoratori con contratti a tempo determinato.

Il datore di lavoro, inoltre, potrà servirsi delle riserve previste per il pagamento dei contributi salariali destinati alla cassa pensione onde far fronte a una mancanza di liquidità. Gli Stati si sono così adeguati al Nazionale su questo punto.

Tra le due camere sussistono tutt'ora differenze per quanto riguarda i casi di rigore, o difficili. Le imprese attive nel turismo, come le agenzie di viaggio, o nelle manifestazioni penalizzate dalla pandemia potranno essere sostenute, a condizione però che uno o più cantoni ne facciano richiesta e partecipino almeno per metà al finanziamento.

Affinché sia dato un "caso di rigore", è necessario che il fatturato annuale di una società sia inferiore al 60% della media pluriennale. Andrebbe considerata anche la situazione patrimoniale. "Un imprenditore che naviga nell'oro non deve inoltrare una richiesta di aiuto", ha sostenuto a nome della commissione Paul Rechsteiner (PS/SG). Il sostegno sarà inoltre accordato solo se la ditta in questione era redditizia prima della crisi. Saranno possibili anche contributi a fondo perso.

Altra concessione importante degli Stati nei confronti del Nazionale: la cultura deve poter contare su aiuto per 100 milioni, invece degli 80 milioni previsti dal Consiglio federale e finora sostenuti anche dai "senatori".

Un'intesa è stata trovata anche sul sostegno mediante prestiti ai club sportivi professionistici. La Confederazione potrà accordare ai club relegazioni a un grado inferiore per i prestiti, e ciò per non spingere al fallimento i sodalizi sportivi.

Per quanto riguarda il margine di manovra del governo, quest'ultimo dovrà consultare non solo i Cantoni, ma anche i partner sociali, come sempre auspicato dal Nazionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
8 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
11 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
14 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
15 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
15 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
18 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
20 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
21 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
22 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile