KEYSTONE
L'ambasciatore UE in Svizzera si augura che Berna vada incontro alla Svizzera.
SVIZZERA
15.08.20 - 13:260

L'ambasciatore Ue: Berna dovrebbe andare incontro a Bruxelles

«La palla è nel campo della Svizzera» sottolinea Michael Matthiessen

BERNA - L'ambasciatore uscente dell'Unione europea in Svizzera Michael Matthiessen auspica che Berna vada presto incontro a Bruxelles in relazione all'accordo quadro. Ne «parliamo da dieci anni», ricorda il danese sulle colonne della "Neue Zürcher Zeitung" di oggi.

«La Svizzera e l'UE hanno negoziato per quasi cinque anni. Dal novembre 2018 il testo dell'accordo è sul tavolo» afferma. Nel giugno 2019 il Consiglio federale ha chiesto precisazioni sulla protezione dei salari, sugli aiuti di Stato e sulla direttiva sulla cittadinanza europea. E la Commissione europea ha risposto di essere pronta a fornirle. «Da allora la palla è nel campo della Svizzera», sottolinea Matthiessen.

La Commissione e gli Stati membri hanno affermato che l'accordo quadro rappresenta il presupposto per la conclusione di nuovi accordi sull'accesso al mercato unico. "La posizione dell'UE è nota da anni alla Svizzera e i ministri dei 27 paesi membri l'hanno confermata nel febbraio 2019", sostiene il 64enne.

Le relazioni sono un po' obsolete e avrebbero bisogno di un «upgrade». «Con nessun altro paese abbiamo un sistema così complesso con oltre cento contratti. Oggi non faremmo più in questa maniera nemmeno con la Svizzera», spiega Matthiessen. A suo avviso «l'accordo quadro permetterebbe di consolidare gli accordi esistenti ma anche di sfruttare il potenziale in nuovi dossier, ad esempio per quanto riguarda l'elettricità e la digitalizzazione».

L'epidemia di coronavirus è stata inoltre un buon esempio per dimostrare cosa significa «se non ci si può più muovere liberamente in Europa. Le frontiere aperte e la libera circolazione delle persone hanno molti vantaggi che consideriamo scontati», avverte il diplomatico in carica a Berna dal 2016. Inoltre anche la Svizzera trarrà verosimilmente profitto dal pacchetto da 750 miliardi di euro di sostegni all'economia deciso dall'UE in seguito alla crisi scatenata dal coronavirus.

E la situazione attuale ha dimostrato ancora una volta la stretta collaborazione tra la Confederazione e i Ventisette. La Svizzera ha ad esempio accolto nei suoi ospedali pazienti francesi affetti da Covid-19. Berna e Bruxelles così come gli Stati membri si sono inoltre aiutati vicendevolmente a rimpatriare i propri cittadini. I consiglieri federali hanno partecipato a videoconferenze di ministri dell'UE e l'Unione ha concesso alla Svizzera l'accesso al suo sistema informatico di allarme rapido e di reazione (SARR) in caso di malattie trasmissibili. «Con la pandemia siamo diventati una comunità di destino», afferma Matthiessen.

Il danese ha anche affrontato la questione del miliardo di coesione: a suo avviso esso rappresenta il biglietto d'entrata al mercato unico europeo al quale la Svizzera ha un accesso privilegiato. Stando a uno studio la Svizzera è il paese che ne trae maggior profitto.

«Inoltre il contributo di coesione è un segno di solidarietà, così come esiste anche all'interno dell'UE con un volume di 350 miliardi di euro. È nell'interesse dei paesi più ricchi che il livello economico tra gli Stati si avvicini, perché così possono esportare di più», spiega il 64enne. Anche gli altri membri dell'Associazione europea di libero scambio (Norvegia, Islanda e Liechtestein) pagano un contributo di solidarietà. «Nel confronto il miliardo distribuito nel giro di un decennio dalla Svizzera a diversi paesi non rappresenta una grande somma»: la Norvegia versa ad esempio il doppio, e sempre puntualmente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 6 mesi fa su tio
Basta con la svendita della nostra Nazione ai fallimentari dell EU, dove sono uniti ?? per il momento neanche nella moneta !
volabas 6 mesi fa su tio
Ambasciatore fallito, lezioni da te non ne vogliamo, vai in pensione e goditi i soldi che hai rubato non facendo nulla, sei meno utile di un fuco.
volabas 6 mesi fa su tio
Ambasciatore fallito, lezioni da te non ne vogliamo, vai in pensione e goditi i soldi che hai rubato non facendo nulla, sei meno utole di un fuco.
Evry 6 mesi fa su tio
In EU, mai mai mai, non vogliamo essere sottomessi da nessuno, ma certi nostri politici..../gvernatori.... vogliono venderci. E purtroppo il Cassis (dal DNA tricolore) in primis!
Maxy70 6 mesi fa su tio
Il miliardo di coesione dovrebbe darlo la UE alla Svizzera, siamo il principale datore di lavoro dei loro disoccupati!
VECCHIOTTO 6 mesi fa su tio
Ingerenza estera in affari interni! On Cassis non dice niente?
Heinz 6 mesi fa su tio
@VECCHIOTTO ... É quando Gobbi spinge perché il parlamento approvi l'accordo sulla fiscalità frontalieri, andando pure a fare politica in Italia cercando alleanze con il presidente (incompetente) della lomberdia come la mettiamo?? Quella non é ingerenza allo stesso modo??
miba 6 mesi fa su tio
Sì, invece dell'upgrade forse sarebbe ancora meglio riformattare l'hard disk di tutti quelli che non hanno ancora capito cosa è veramente l'UE.....
seo56 6 mesi fa su tio
Ahahah la barzelletta di ferragosto!
roma 6 mesi fa su tio
...non c'è bisogno di firmare nessun nuovo accordo.
lo spiaggiato 6 mesi fa su tio
Beh, sarebbe poi anche ora che questo accordo quadro venisse firmato...
bimbogimbo 6 mesi fa su tio
@lo spiaggiato ma non diciamo cavolate. guardiamocene bene prima di entrare a far parte della fallimentare Europa. Fino a che non avevamo accordi con l’Europa i cittadini Svizzeri stavano bene ed erano invidiati da tutti i nostri vicini. Da quando hanno iniziato a firmare accordi, pian piano ci stiamo allineando ai paesi che prima ci invidiavano e che oggi sono in ginocchio...
Duca72 6 mesi fa su tio
@lo spiaggiato Completamente d’accordo !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Anziani: più problemi di salute mentale a causa del Covid
Il centro svizzero-tedesco per i reclami della terza età lo scorso anno è stato contattato 697.
SVIZZERA
4 ore
Pericolo listeriosi dall'insalata
I lotti interessati dovrebbero essere stati venduti alle Migros di Vaud, Vallese e Ginevra
SVIZZERA
5 ore
Anche i media online riceveranno dei contributi
Il plenum ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo
ZURIGO
5 ore
Passaporto vaccinale? «Stiamo guardando all'Europa»
Alain Berset in visita nel Canton Zurigo fa il punto sulla pandemia
SVIZZERA
5 ore
Gli insegnamenti della pandemia: la salute passa dalla psiche
Secondo l'Accademia di medicina umana, troppo spesso ci si concentra solo sul fisico, dimenticando la mente
BERNA
7 ore
«Non abbiamo ancora abbastanza vaccini»
I negozi svizzeri sono aperti. In diretta da Berna gli esperti della Confederazione e dei Cantoni.
SVIZZERA
7 ore
Coronavirus in Svizzera, 1'130 contagi e 16 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore l'ospedalizzazione si è resa necessaria per 57 persone col Covid
SVIZZERA
8 ore
Il Covid-19 affossa le auto... ma le elettriche sorridono
In un 2021 straziante per quanto riguarda la vendita dei veicoli, c'è chi ha sofferto meno
SVIZZERA
8 ore
Scatta l'inchiesta sull'aereo precipitato nel Lago di Costanza
L'indagine è stata ufficialmente avviata dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza
ZURIGO 
10 ore
Multa milionaria per il collezionista d'arte Schwarzenbach
Il miliardario è accusato di aver importato in Svizzera 83 opere senza sdoganamento.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile