Keystone
SVIZZERA
09.03.20 - 09:340

"Prezzi equi" e "imprese responsabili" a Palazzo federale

Le Camere si riuniranno nel pomeriggio per discutere di diversi temi

BERNA - Riprendono con la tradizionale Ora delle domande i dibattiti al Consiglio nazionale (14.30-21.45). In seguito la Camera si occuperà dell'iniziativa popolare "per prezzi equi".

Il testo chiede di creare le basi legali per lottare contro le pratiche di discriminazione dei prezzi spesso adottate all'estero nei confronti dei compratori svizzeri. Concretamente, si sollecitano misure contro i prezzi esageratamente alti e lo sfruttamento del potere d'acquisto da parte di imprese nazionali ed estere.

La commissione preparatoria chiede di bocciare la proposta di modifica costituzionale, ma vorrebbe affiancargli un controprogetto. Questo è inteso soprattutto a proteggere le imprese che risultano svantaggiate rispetto ai loro concorrenti esteri a causa di costi d'acquisto più elevati o di un rifiuto di consegna.

Il Consiglio degli Stati (15.15-20.00) si occuperà da parte sua del controprogetto all'iniziativa popolare "Per imprese responsabili". Il Nazionale ha approvato una controproposta che concerne le società più grandi (fatturato di oltre 80 milioni, utile di almeno 40 milioni e 500 dipendenti; devono essere soddisfatti almeno due di questi tre criteri) e limiterebbe la loro responsabilità civile alle loro filiali controllate direttamente. La proposta contiene anche una procedura di conciliazione obbligatoria tra le parti prima dell'avvio di una procedura penale.

Questa proposta è stata giudicata accettabile dagli iniziativisti, tanto che hanno annunciato che il testo sarà ritirato se il controprogetto dovesse essere adottato. L'idea non ha però convinto né Consiglio degli Stati né il Consiglio federale, che la ritengono eccessiva e con troppe ripercussioni negative sull'economia.

I "senatori" preferiscono sostenere il controprogetto elaborato dal governo che si limita a chiedere alle multinazionali di riferire ogni anno sulla loro politica in materia di diritti umani e che contempla anche doveri di "diligenza" in materia di lavoro minorile ed estrazione di materie prime. Oggi dovrebbero ribadire tale decisione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
Legge Covid-19: la "battaglia" è cominciata
Tra due mesi si voterà sulla Legge Covid-19. Per il Consiglio federale la base normativa va assolutamente approvata.
SVIZZERA
56 min
Complotti, fake news, razzismo: un cocktail pericoloso
Per la Commissione federale contro il razzismo si tratta di piaghe sempre più sotto la luce dei riflettori.
ZUGO
1 ora
Strage in Parlamento, sono passati 20 anni
Il 27 settembre del 2001 Friedrich Leibacher uccise 14 persone, poi si tolse la vita.
SVIZZERA
2 ore
Gli scettici puntano al Nazionale
I movimenti d'opposizione alle norme anti-Covid starebbero preparandosi alle elezioni del 2023
LUCERNA
10 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
12 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
16 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
17 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
17 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
19 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile