Depositphotos (archivio)
Altra divergenza mantenuta: gli Stati vogliono permettere alla Confederazione di acquistare partecipazioni in imprese private specializzate in materia.
SVIZZERA
12.09.19 - 09:460

Identità digitale, divergenze sulla gestione del sistema

Per gli Stati l'incarico dovrebbe essere affidato ad un'unità amministrativa della Confederazione. Governo e Nazionale invece preferiscono la via privata

BERNA - Rimangono delle divergenze tra i due rami del Parlamento in merito alle competenze dello Stato nel futuro sistema di identità digitale (eID). Oggi il Consiglio degli Stati ha nuovamente auspicato un ruolo più attivo della Confederazione.

I "senatori" hanno in particolare voluto dare facoltà alla Confederazione di incaricare un'unità amministrativa della gestione di un sistema eID. Governo e Consiglio nazionale vogliono invece che Berna possa occuparsene solo se nessun privato è disposto a fornire tale servizio. Altra divergenza mantenuta: gli Stati vogliono permettere alla Confederazione di acquistare partecipazioni in imprese private specializzate in materia.

Per la Camera dei cantoni, il controllo e la vigilanza sui fornitori di servizi d'identificazione elettronica non devono inoltre essere affidati all'Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC), come previsto dal progetto di legge e dal Nazionale, bensì alla Commissione federale delle eID (EIDCOM), composta da 5-7 membri.

La nuova legge sui servizi d'identificazione elettronica torna pertanto al Nazionale.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
21 min
Sparò a due rapinatori, assolto agente di sicurezza
Secondo i giudici delle Assise correzionali l'uomo, un ex gendarme francese, agì per legittima difesa.
SVIZZERA
1 ora
«La manifestazione? Un casino, dovevano multarli tutti»
Divide l'opinione politica il corteo di questo lunedì a Zurigo fra condanne e chi vorrebbe assembramenti più numerosi
SVIZZERA
3 ore
«L'incompetenza dell'UFSP è un pericolo per la salute e la vita»
L'app SwissCovid è scaricabile da tutti, anche da chi non fa parte del gruppo pilota. Le critiche del legale
GRIGIONI
4 ore
Bimba travolta e uccisa da una scultura: «I genitori non l'hanno lasciata da sola»
Il dramma di Flims il giorno dopo, fra cordoglio e tanti dubbi. Una mamma: «Poteva succedere anche ai miei figli»
SVIZZERA / FRANCIA
5 ore
UBS, il processo d'appello in Francia è rinviato al 2021
La banca è stata condannata in primo grado al pagamento di 4,5 miliardi di euro per evasione fiscale
EUROPA / SVIZZERA
5 ore
Nestlé dovrà cambiare nome ai suoi hamburger vegani
Secondo i giudici dell'Aja la denominazione corrente ricorda in maniera un po' sospetta quella di un prodotto rivale
SVIZZERA
6 ore
La spesa in Italia? Domani non cambia niente
La Svizzera mantiene le limitazioni in entrata «fino a nuovo avviso». Ecco le decisioni del governo federale
SVIZZERA
8 ore
Molestie e mobbing non se ne vanno con il telelavoro
A dirlo è una professoressa dell'Università di Ginevra. Molestare a distanza sarebbe addirittura più facile.
SVIZZERA
8 ore
I giornali tornano nei bar
Caffè e informazione: dal prossimo venerdì sarà di nuovo possibile, come prevede il nuovo piano di protezione
SVIZZERA
8 ore
Solo tre contagi in più di ieri
Il virus nel nostro Paese si diffonde sempre meno.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile