BERNA
02.09.19 - 19:340

Difesa aerea, «sei miliardi bastano, ma non dimentichiamo le regioni»

Anche la Commissione della politica di sicurezza degli Stati si è detta d'accorso col decreto governativo

BERNA - Dopo il "sì della commissione delle finanze caduto la settimana scorsa, anche la Commissione della politica di sicurezza degli Stati (CPS-S) si è detta oggi d'accordo col decreto governativo, attaccabile per referendum, volto a consentire l'acquisto di nuovi caccia da combattimento per un massimo di 6 miliardi di franchi. Per la commissione, però, anche le varie regioni linguistiche del Paese dovranno approfittare di questa operazione.

Diversamente dal decreto di pianificazione elaborato dal Consiglio federale, le imprese estere che ricevono commesse nel quadro dell'acquisto dovranno però compensare il 100% - e non solo il 60% - del valore contrattuale mediante l'assegnazione di mandati in Svizzera (affari offset), di cui il 20% con affari offset diretti e il 40% con affari offset indiretti nel settore della base tecnologica e industriale rilevante in materia di sicurezza.

A ciò si aggiunge un altro 40% di compensazione indiretta in tutta una serie di settori (11 in totale, n.d.r) che vanno dall'industria delle macchine, a quella ottica e orologiera, per passare dalla chimica.

L'aspetto degli affari di compensazione, ha affermato stasera ai media il presidente della commissione Josef Dittli (PLR/UR), è stato parecchio dibattuto. In commissione l'ha infine spuntata la versione del 100%, ossia è stata confermata la prassi decennale in vigore. Le proposte di percentuali inferiori sono state tutte respinte.

Regioni da considerare - Per Dittli è importante che il mondo economico sostenga l'acquisto dei nuovi caccia, un'operazione inderogabile per garantire la difesa nazionale. A fare pressione per una compensazione integrale sono stati anche i Cantoni, romandi in particolare, a caccia di commesse per le loro imprese.

A proposito di regioni, ha aggiunto Dittli, il decreto dovrà specificare che tutte le regioni del Paese dovranno poter beneficiare, nella misura del possibile, degli affari di compensazione: 65% per la Svizzera tedesca, 30% per quella francese, 5% per la Svizzera italiana.

6 miliardi al massimo - A parte questa aggiunta, la commissione ha accolto gli aspetti essenziali del decreto, ossia la somma di 6 miliardi al massimo per l'acquisto dei caccia, e il fatto di aver separato dal progetto il sistema di difesa terra-aria.

Qualcuno avrebbe voluto concedere maggiore flessibilità al governo concedendogli 6,5 miliardi, ma alla fine ha dovuto inchinarsi di fronte alla maggioranza, ha sottolineato Dittli.

A larga maggioranza, ha poi spiegato il "senatore" urano, la CPS-S ha respinto una proposta di rinvio al governo del PS affinché presenti un progetto che tenga conto anche del sistema di difesa terra-aria. Il popolo, secondo questa minoranza, dovrebbe potersi esprimere sull'intero progetto Air2023, e non solo sul principio dell'acquisto di nuovi velivoli da combattimento.

Per la maggioranza della CPS-S è poi corretto che sia il Governo a decidere quantità e tipo di jet da acquistare, ha aggiunto il consigliere agli Stati PLR. Un'altra minoranza difenderà nel plenum la percentuale del 60% per gli affari di compensazione, ha dichiarato Dittli.

Referendum - In caso di referendum, il popolo non deciderà sul tipo di velivolo, bensì solo sul principio di acquisto. Il governo si pronuncerà sul tipo di aviogetto dopo un'eventuale consultazione che potrebbe tenersi nell'autunno 2020.

Sin dall'inizio del progetto per il Consiglio federale era chiara la necessità che fosse il popolo a pronunciarsi sugli aerei da combattimento, anche se di principio le acquisizioni militari non sono sottoposte a referendum. Una mozione in tal senso è stata adottata dal Parlamento nel dicembre 2018. Secondo l'Esecutivo, una votazione popolare è un'aspettativa dell'opinione pubblica di cui occorre tener conto.

Gli ultimi due progetti relativi all'acquisto di aerei da combattimento erano già stati sottoposti al voto popolare: l'acquisizione degli F/A-18 era stata resa possibile nel 1993 in seguito a un'iniziativa popolare; l'acquisto dei Gripen era invece stato respinto nel 2014 dopo un referendum contro il fondo che avrebbe dovuto essere istituito a tale scopo.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GERMANIA/SVIZZERA
5 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
5 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
9 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
9 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
10 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
11 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
12 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
13 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
15 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

SVIZZERA
15 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile