Keystone - foto d'archivio
BERNA
19.06.19 - 11:420

Quadri chiede «un segnale chiaro» contro l’UE

Il consigliere nazionale leghista vuole che il Consiglio federale ritiri la disponibilità al versamento del contributo di coesione

BERNA - La Commissione europea ha constatato «una mancanza di progressi» con Berna in merito all'accordo istituzionale e il vicepresidente Maros Sefcovic ha dichiarato che l'equivalenza per la Borsa svizzera scadrà automaticamente il 30 giugno, a meno che Bruxelles «decida esplicitamente il contrario».

La notizia è di ieri e le reazioni non si sono fatte attendere. Tra queste quella di Lorenzo Quadri: «Ancora una volta Bruxelles esercita indebite pressioni sulla Svizzera. Il suo disegno è di metterla in condizioni di sudditanza. Nella denegata ipotesi in cui l’accordo quadro istituzionale dovesse venire sottoscritto, il destino della Svizzera è quello di colonia dell’UE».

Il consigliere nazionale leghista chiede con un’interpellanza (firmata anche da Roberta Pantani) al Consiglio federale se intenda a questo punto «ritirare la disponibilità al versamento del contributo di coesione, dando così all’UE un “segnale chiaro”».

2 mesi fa Bruxelles constata «una mancanza di progressi» con Berna
2 mesi fa L’accordo quadro influirebbe anche sugli animali
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
3 ore

Aggredisce i genitori e il fratello, poi scappa

La madre è in gravi condizioni ed è stata trasportata all'ospedale in elicottero, mentre il padre e il fratello hanno riportato ferite di media gravità

SVIZZERA
3 ore

Il nuovo Parlamento potrebbe approvare il pensionamento a 67 anni

Se la distribuzione dei seggi sarà simile a quella della legislatura 2015-2019, direbbe "sì" nella misura del 55%

SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore

Salgono i costi e le Casse malati pensano alla visita in farmacia

L'idea alla base del nuovo modello è semplice: a differenza dei medici, le farmacie non sono remunerate per le loro consultazioni

SVIZZERA
4 ore

400'000 persone in Svizzera hanno più di un posto di lavoro

Ed è una tendenza in crescita che riguarda perlopiù i lavori poco qualificati, e a farlo sono soprattutto le donne

SVIZZERA
5 ore

Tragedia sul treno: «20 porte difettose, ma gli errori capitano»

Il direttore delle FFS non era a conoscenza, prima dell'incidente, della presenza di alcuni difetti. «Ma ogni anno si chiudono 200 milioni di porte»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile