KEYSTONE/EPA (JIM LO SCALZO)
+6
STATI UNITI/SVIZZERA
16.05.19 - 19:050

Ueli Maurer è alla Casa Bianca

È il primo presidente della Confederazione a recarsi nello Studio Ovale

WASHINGTON - Ueli Maurer è arrivato alla Casa Bianca ed è stato accolto da Donald Trump. Il consigliere federale è al momento impegnato in un faccia a faccia con il presidente americano nello Studio Ovale.

Ueli Maurer è il primo presidente della Confederazione, ma non il primo consigliere federale, a recarsi nella famosa "stanza dei bottoni" nella Casa Bianca di Washington. L'onore era già toccato nel 1988 e nel 1990 a Jean-Pascal Delamuraz e prima di lui alla "Charming young lady" Elisabeth Kopp e al "Vice President of Switzerland" Kurt Furgler.

Per Kopp, l'invito da parte del presidente statunitense Ronald Reagan nel 1987 era inatteso, proprio come quello a Ueli Maurer quest'anno. L'allora ministra della giustizia si era recata a Washington per assicurarsi che gli Stati Uniti rispettassero la via giudiziaria nel caso in cui era coinvolto l'uomo d'affari Marc Rich.

Tra le autorità elvetiche e il Dipartimento di giustizia statunitense vi erano stati duri negoziati, i quali si erano però conclusi con successo. In seguito, la consigliera federale era stata invitata per un quarto d'ora nello Studio Ovale dal presidente Usa, che solitamente riceve unicamente Capi di Stato.

Per Kopp si è trattato di un momento molto speciale: «Ronald Reagan è stato caloroso e affascinante. E anche molto ben informato», ricorda la prima donna consigliera federale. Nelle sue memorie, l'ex attore descrive Elisabeth Kopp una «giovane donna affascinante» ("Charming young lady").

KEYSTONE/EPA (JIM LO SCALZO)
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 1 anno fa su tio
Meglio che andare a Bruxelles per sentirsi ripetere le ultime "condizioni" (ricatti?) per rimanere nel paradiso di Schengen! Buon lavoro.
Nmemo 1 anno fa su tio
In un’intervista improvvisata, su temi di politica mondiale,peraltro non adeguatamente preparata, è apparso come il “nonno di Heidi”.
Bandito976 1 anno fa su tio
N’altra bela lecada
ciapp 1 anno fa su tio
bravo Ueli !!!! salutami Trump
sedelin 1 anno fa su tio
a fare cosa? viaggio inutile e a nostre spese.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
40 min
La disoccupazione di lunga durata raddoppierà nel 2021
Secondo un esperto del mercato del lavoro a incidere negativamente sarà la crisi del coronavirus
BERNA
1 ora
Con il coronavirus è crollata la vendita di vino
Il motivo? I ridotti contatti sociali spingono a consumare meno alcool
ZURIGO
1 ora
Addio al sogno di una casa propria per i prezzi alle stelle
Le differenze tra 20 anni fa e oggi: ora ci si può permettere la metà dello spazio
BERNA
2 ore
L'Onu critica il progetto svizzero contro il terrorismo
La questione è se una detenzione preventiva sia conforme alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo
BERNA
4 ore
Berna assicura: i caccia costeranno meno del previsto
Armasuisse stima spese più basse anche di 6 miliardi rispetto a quanto calcolato dagli oppositori.
BERNA
5 ore
Coronavirus: l'effetto delle misure di contenimento fase per fase
Il Poli di Losanna ha studiato ciò che ha funzionato finora. Incognite sull'effetto della riapertura dei commerci.
BERNA
6 ore
Coronavirus: +17 casi in Svizzera
Non si registra alcun nuovo decesso legato al Covid-19.
BERNA
7 ore
Swisscom: «Ci saranno sempre dei guasti»
Il ceo sottolinea che ogni intervento sulla rete è come un cambio di ruote in corsa: «C'è sempre un rischio».
ARGOVIA
8 ore
Morta a 13 anni per cyber bullismo: la battaglia si fa politica
I genitori di Céline gettano la spugna a livello giuridico. Pronta però un'iniziativa parlamentare.
RUSSIA / SVIZZERA
9 ore
Navalny punta il dito contro la Svizzera
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile