Keystone (archivio)
L’annuncio è arrivato durante l’odierna sessione di Gran Consiglio
VAUD
09.04.19 - 12:260

Sospesa l'installazione delle antenne 5G

Il Consiglio di Stato vodese ha deciso una moratoria fino a quando non sarà chiarita la situazione legale

LOSANNA - Il Consiglio di Stato vodese ha deciso una moratoria sull'istallazione di antenne 5G. Lo ha annunciato oggi durante un dibattito in Gran Consiglio su una risoluzione che riguardava questa nuova tecnologia e che ha suscitato un lungo dibattito.

Il governo cantonale ha deciso di sospendere l'istallazione fino a che non sarà chiarita la situazione legale, ha dichiarato la consigliera di Stato Jacqueline de Quattro.

Nella risoluzione proposta, il deputato dei Verdi Raphaël Mahaim chiedeva una moratoria "almeno" fino alle conclusioni dello studio dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM). Con 91 voti contro 26 e 13 astensioni, il parlamento cantonale hanno deciso un emendamento, togliendo l'«almeno».

Lo scorso settembre l'allora consigliera federale Doris Leuthard aveva istituito un gruppo di lavoro, guidato dall'UFAM, per analizzare esigenze e rischi legati al potenziamento delle reti 5G nel settore della telefonia mobile e delle radiazioni. Il gruppo diretto da Paul Steffen, vicedirettore dell'UFAM, nel quale sono rappresentate tutte le cerchie interessate, deve discutere anche dei futuri valori limite, in stretta collaborazione con l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM). Un rapporto era stato allora annunciato per metà 2019, corredato di raccomandazioni.

Commenti
 
volabas 3 mesi fa su tio
siamo su una via senza ritorno, ci lamentiamo sempre di tutto, ma non sappiamo rinunciare a niente;il dio onnipotente è il denaro, che si collega stretto stretto al potere, il quale potere porta ancora al dernaro, è una spirale senza fondo
sedelin 3 mesi fa su tio
@volabas siamo sulla via del cancro per tutti, senza ritorno :-(
kenobi 3 mesi fa su tio
per non parlare del wifi nelle scuole, in europa e anche in america si sta preferendo il via cavo nelle scuole università ecc, si sa che per i bambini è male al cervello e c'è un enorme documentazione in merito, ma qui in svizzera sembra che abbiamo previsto dell gabbie di faraday da mettere in testa ai bambini per non rovinargli la salute. siamo messi male e il dio denaro e gli sfegatati di essere collegati anche nel cesso, e per quei dissocial network, sembra prevalere, siamo messi male, molto male.
sedelin 3 mesi fa su tio
5G pericolo per la salute! vedi "disinformazione".
cacos 3 mesi fa su tio
non serve se ci va di mezzo là salute .Bisogna tornare a pensare prima alla salute poi al resto, da una parte ti dicono mngia meglio fai sport, dall'altra ti bombardano con calibri grossi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
24 min

Vent'anni fa 21 giovani morivano praticando torrentismo

Un'onda di piena seguita a un nubifragio spazzò via decine di persone che stavano praticando il canyoning nelle gole del Saxetbach

SVIZZERA
1 ora

«Le casse malati non rimborsino più i farmaci omeopatici»

Lo chiedono in diversi perché, stando a diversi studi, non hanno nessun beneficio medico, ma non è detto che così si frenerebbe l'ascesa costante dei premi

ZURIGO
9 ore

Sostituire l'aereo con il treno non è stata la scelta giusta

Orari alla mano, una coppia ha scelto di evitare il volo interno e viaggiare su rotaia. Ma non aveva fatto i conti con Swiss e la consegna dei bagagli

BERNA
9 ore

«Mio figlio è stato ucciso dalla polizia»

Parla il padre del 36enne fuggito da un istituto psichiatrico ieri e morto sotto i colpi di un poliziotto: «È stato collocato presso diverse strutture sin dall’infanzia»

FOTO / VIDEO
BASILEA CITTÀ
11 ore

Chiatta urta due ponti sul Reno

È accaduto nel tardo pomeriggio a Basilea. Non risultano al momento persone ferite

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile