KEYSTONE/EPA (ANTHONY ANEX)
BERNA
28.02.19 - 15:290

Un incontro strategico tra Cassis e Jhinaoui

Il ministro degli affari esteri tunisino è stato ricevuto oggi a Berna. Sul tavolo: transizione democratica, sviluppo economico e migrazione

BERNA - Il consigliere federale Ignazio Cassis ha ricevuto oggi il ministro degli affari esteri tunisino Khemaies Jhinaoui per una visita ufficiale di lavoro a Berna. I due omologhi hanno discusso della cooperazione internazionale allo sviluppo e hanno firmato una dichiarazione d'intenti in materia. Sono state affrontate pure le relazioni economiche tra i due paesi e la questione migratoria.

Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha accolto il suo ospite alla Casa von Wattenwyl, dapprima per un incontro privato e in seguito assieme alle rispettive delegazioni.

La Svizzera ha definito una strategia di cooperazione con la Tunisia che prevede tre assi prioritari: transizione democratica, sviluppo economico, protezione e migrazione. Per il 2019, il budget della Confederazione (DFAE, Segreteria di Stato dell'economia, Segreteria di Stato della migrazione) per la Tunisia dovrebbe situarsi intorno ai 20 milioni di franchi.

Durante i colloqui Cassis ha espresso soddisfazione per la cooperazione tra la Svizzera e la Tunisia in materia di migrazione, menzionando in particolare l'aiuto al ritorno e alla reintegrazione. I due ministri hanno parlato anche della necessità di intensificare gli scambi economici reciproci. Il capo del DFAE ha inoltre annunciato il lancio di un programma di promozione della cultura in Nordafrica che sarà attuato in collaborazione con l'Arab Fund for Arts and Culture (Fondo arabo per le arti e la cultura).

Cassis e Jhinaoui hanno infine discusso della questione dei beni del clan dell'ex presidente Ben Ali, bloccati in Svizzera dal 2011. Il blocco, che riguardava in origine un importo di 60 milioni di franchi, è stato più volte prorogato dalla Svizzera e a oggi è stato possibile restituire alla Tunisia solo una piccola parte dei fondi interessati.

Il capo del DFAE ha spiegato al suo ospite che per rendere possibili ulteriori restituzioni è necessario che i procedimenti in corso in Tunisia avanzino e si concludano con sentenze che dimostrino l'illiceità della provenienza dei valori patrimoniali.

KEYSTONE/EPA (ANTHONY ANEX)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
26 min
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
1 ora
Da Coop niente più sacchetti di plastica gratis
L'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie
SVIZZERA
4 ore
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
10 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
ITALIA / LUCERNA
13 ore
Cristiano Ronaldo? No, un 25enne lucernese
Il video che ritrae il "giocatore" a Torino ha totalizzato quasi quattro milioni di visualizzazioni. «L'idea mi è venuta questa estate, quando due ragazze mi hanno scambiato per CR7»
FRIBORGO
15 ore
La fattura (milionaria) che Migros contesta
Il colosso della distribuzione ha pagato 1,7 milioni di franchi all'imprenditore Damien Piller. Ma ora vuole indietro i soldi
FOTO
VALLESE
16 ore
Il San Bernardo con una madrina molto speciale
Karin Keller-Sutter quando ha visto Zeus, 70 centimetri per 45 chili, ha detto «è il mio cane»
SVIZZERA / ITALIA
16 ore
Turista svizzera scomparsa e ritrovata «in stato confusionale»
La giovane aveva mandato un messaggio vocale in cui chiedeva aiuto a un'amica. Qualche ora dopo è stata ritrovata in stato di shock. Non si esclude che abbia subito violenze
SVIZZERA
17 ore
L'e-commerce elvetico sente la pressione della concorrenza estera
I commercianti online svizzeri devono offrire sempre più servizi complementari
VIDEO
ZURIGO
18 ore
Dimissioni per l'agente che aveva dato in escandescenze
Il poliziotto che aveva insultato un conducente davanti alla figlia era stato sospeso. Ma ora ha deciso di lasciare le forze dell'ordine
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile