KEYSTONE/EPA (ANTHONY ANEX)
BERNA
28.02.19 - 15:290

Un incontro strategico tra Cassis e Jhinaoui

Il ministro degli affari esteri tunisino è stato ricevuto oggi a Berna. Sul tavolo: transizione democratica, sviluppo economico e migrazione

BERNA - Il consigliere federale Ignazio Cassis ha ricevuto oggi il ministro degli affari esteri tunisino Khemaies Jhinaoui per una visita ufficiale di lavoro a Berna. I due omologhi hanno discusso della cooperazione internazionale allo sviluppo e hanno firmato una dichiarazione d'intenti in materia. Sono state affrontate pure le relazioni economiche tra i due paesi e la questione migratoria.

Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha accolto il suo ospite alla Casa von Wattenwyl, dapprima per un incontro privato e in seguito assieme alle rispettive delegazioni.

La Svizzera ha definito una strategia di cooperazione con la Tunisia che prevede tre assi prioritari: transizione democratica, sviluppo economico, protezione e migrazione. Per il 2019, il budget della Confederazione (DFAE, Segreteria di Stato dell'economia, Segreteria di Stato della migrazione) per la Tunisia dovrebbe situarsi intorno ai 20 milioni di franchi.

Durante i colloqui Cassis ha espresso soddisfazione per la cooperazione tra la Svizzera e la Tunisia in materia di migrazione, menzionando in particolare l'aiuto al ritorno e alla reintegrazione. I due ministri hanno parlato anche della necessità di intensificare gli scambi economici reciproci. Il capo del DFAE ha inoltre annunciato il lancio di un programma di promozione della cultura in Nordafrica che sarà attuato in collaborazione con l'Arab Fund for Arts and Culture (Fondo arabo per le arti e la cultura).

Cassis e Jhinaoui hanno infine discusso della questione dei beni del clan dell'ex presidente Ben Ali, bloccati in Svizzera dal 2011. Il blocco, che riguardava in origine un importo di 60 milioni di franchi, è stato più volte prorogato dalla Svizzera e a oggi è stato possibile restituire alla Tunisia solo una piccola parte dei fondi interessati.

Il capo del DFAE ha spiegato al suo ospite che per rendere possibili ulteriori restituzioni è necessario che i procedimenti in corso in Tunisia avanzino e si concludano con sentenze che dimostrino l'illiceità della provenienza dei valori patrimoniali.

KEYSTONE/EPA (ANTHONY ANEX)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
Trentatré reclute con la diarrea
Il norovirus ha colpito la caserma di Sion
SVIZZERA
1 ora
Problemi tecnici per Twint
Almeno da venerdì si riscontrano delle difficoltà nella trasmissione di denaro
GRIGIONI
4 ore
WEF: domani i riflettori sono puntati su Greta e Trump
Il Forum economico vuole mettere al centro il cambiamento climatico
GRIGIONI
6 ore
«A Davos gli scienziati e i giovani leader possono lasciare il segno»
La presidente della commissione europea Ursula von der Leyen ha inaugurato oggi il 50esimo Forum economico mondiale nella località grigionese
FRIBURGO
7 ore
Rapina alla banca di Attalens, gli autori confessano
I due, 10 giorni fa, avevano minacciato i dipendenti dell'istituto e un cliente con una pistola, prima di fuggire con diverse decine di migliaia di franchi
SAN GALLO
8 ore
«Sono stata trattata come una ladra»
Alla cassa automatica una studentessa voleva pagare separatamente alcuni articoli. Ma è finita in un controllo a campione ed è stata accusata di tentato furto
SVIZZERA / CANTONE
10 ore
Il guasto di Swisscom dovuto a «materiale difettoso»
La principale società di telecomunicazioni ha reso noto i motivi della panne che venerdì mattina ha paralizzato le proprie reti di telefonia fissa in quasi tutto il Paese (Ticino compreso)
SVIZZERA
10 ore
La notte più fredda si ferma a -24 gradi
La temperatura è stata registrata a Samedan. A Stabio il termometro è sceso di cinque gradi sotto allo zero
VAUD
11 ore
Quella tragica carambola che ha ucciso un uomo
L'incidente, avvenuto sabato a Bussigny, ha provocato anche quattro feriti gravi. Tre i veicoli coinvolti. La polizia cerca testimoni per comprendere la dinamica
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Ho pensato fosse uno scherzo, poi ho visto il sangue»
Durante le riprese di un film in un bar di Rapperswil-Jona, si è sfiorato il dramma. I membri della troupe raccontano quei momenti di terrore
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile