Keystone
ZURIGO
22.11.18 - 21:420

Doris Leuthard: «Abolirei subito i giornali gratuiti»

In quanto donna in politica, la consigliera federale ritiene di aver avuto un trattamento iniquo, anche da parte dei media

WINTERTHUR - A poche settimane dalla fine del suo mandato, la ministra delle comunicazioni Doris Leuthard ha espresso anche critiche al settore dei media.

«Non ho mai capito come si possa offrire servizi giornalistici gratuiti», ha detto la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).

Negli otto anni quale ministra dei media, Doris Leuthard ha seguito una fase importante del settore: digitalizzazione, controversie tra editori e recentemente anche concentrazioni e tagli di posti di lavoro. In questo ambito la consigliera federale del PPD ha espresso poca comprensione per il ritmo di evoluzione del settore. In particolare non bisognava aspettare così a lungo per la digitalizzazione. Se ci si sveglia troppo tardi in una fase di sviluppo, non si può essere salvati nemmeno con milioni di franchi dallo Stato, ha osservato. Ora i gruppi mediatici devono presentare la loro impostazione in un mondo elettronico e investire nelle attività giornalistiche.

Leuthard ha poi parlato delle sue esperienze con i giornalisti. Quando si criticano e si fanno notare degli errori, a volte reagiscono «come delle mimose», in maniera ipersensibile. Naturalmente, il ruolo dei media è quello di essere critici, ma dovrebbero fare delle ricerche accurate e non solo accontentarsi di ricopiare.

In quanto donna in politica, Doris Leuthard ritiene di aver avuto un trattamento iniquo, anche da parte dei media. Si informa diversamente sulle consigliere federali rispetto ai colleghi maschi, ha sostenuto la ministra senza tuttavia fornire esempi concreti. Non riesce a capire come oggi possa accadere lo stesso di 20 anni or sono, e che giornalisti giovani e ben istruiti scrivano in un certo modo.

Tuttavia, Leuthard ha detto che sentirà la mancanza dei media: «Ogni consigliere federale è vanitoso». Tutti devono ricorrere ai media e tutti si sentono lusingati quando è pubblicato un commento positivo.

Doris Leuthard, 55 anni, è stata eletta in Consiglio federale nel 2006. Dal 2010 dirige il DATEC. A fine settembre ha annunciato le sue dimissioni alla fine dell'anno.

TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
1 ora

Pericoloso jihadista ginevrino arrestato in Siria

È Daniel D., entrato a far parte dello Stato Islamico nel 2015. È finito in carcere durante un conflitto armato e avrebbe voluto pianificare un attacco terroristico in Svizzera

SVIZZERA
1 ora

All'università aumentano gli studenti con problemi psichici

Attacchi di panico, disturbi del sonno, depressioni. Sono queste le patologie di cui soffrono molti studenti universitari che si rivolgono agli organi di consulenza attivi negli atenei.

SVIZZERA
2 ore

I collaboratori della Confederazione volano sempre di più

Negli ultimi sette anni i voli sono aumentati del 40%. I motivi? La crescente internalizzazione e ai nuovi mandati parlamentari

ARGOVIA
4 ore

Caimano nel lago: «Arrivano meno bagnanti, ma siamo sereni»

Dopo il pescatore degli scorsi giorni, un secondo testimone afferma di aver osservato il rettile

BERNA
5 ore

Riforme G20 e OCSE, un rischio miliardario per la Svizzera?

I progetti potrebbero causare perdite alla Confederazione tra 1 e 5 miliardi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile