Ti Press
SVIZZERA
15.11.18 - 11:380

Familiari curanti, le critiche non mancano

Le misure previste dal Consiglio federale sono lacunose per i sindacati e troppo vincolanti per gli imprenditori

BERNA - Le misure previste dal Consiglio federale a sostegno dei familiari curanti sollevano alcune critiche: associazioni del settore e sindacati rilevano alcune lacune, mentre le aziende non vogliono andare oltre le soluzioni volontarie valutate caso per caso.

Il progetto della Confederazione prevede tre misure: il mantenimento del salario in caso di brevi assenze dal lavoro, l'istituzione di 14 settimane di congedo retribuito per i genitori di figli gravemente ammalati o infortunati e l'estensione del diritto alle indennità di perdita di guadagno, analogamente a quanto succede per un congedo di maternità o per chi presta servizio nell'esercito. I costi sarebbero a carico della Confederazione e delle aziende.

In Svizzera circa 1,9 milioni di persone (35% della popolazione adulta) si curano quotidianamente di un bambino o di un adulto. Nel 2016, ciò ha rappresentato 80 milioni di ore di lavoro non retribuite. Per le imprese coinvolte, questa spesa rappresenta un enorme perdita.

Barriera tra destra e sinistra - Nel corso della procedura di consultazione, che si conclude domani, sono emersi pareri contrastanti sulle soluzioni da adottare, con posizioni diametralmente opposte tra destra e sinistra.

L'Unione svizzera degli imprenditori respinge ogni regolamentazione vincolante in questo ambito. Le singole aziende, sostiene l'associazione a difesa degli interessi dei datori di lavoro, stanno già sviluppando soluzioni adatte a singoli casi nei confronti delle persone che devono affrontare la malattia di una persona cara. Le proposte del governo rappresentano un nuovo onere finanziario che andrebbe a incidere in modo significativo sulle piccole imprese.

Inoltre, aggiunge l'organizzazione, non è nell'interesse dell'economia incoraggiare i lavoratori a essere remunerati per compiti al di fuori della loro attività professionale. Applicando le proposte formulate dal Consiglio federale "sarebbe possibile essere pagati per occuparsi regolarmente di un vicino anziano", critica l'Unione svizzera degli imprenditori. La previdenza, viene sottolineato, deve rimanere di competenza dello Stato e non dei datori di lavoro.

Proposte "minimaliste" - La sinistra e le organizzazioni che rappresentano i familiari curanti vedono invece il progetto del Consiglio federale sotto una luce diversa: "Il servizio pubblico nel settore sanitario deve essere sviluppato", ritiene l'Unione sindacale svizzera (USS).

Le misure proposte vanno nella giusta direzione, ma rimangono "troppo minimaliste". I sindacati propongono che il congedo retribuito venga esteso da 3 a 5 cinque giorni e che il congedo per ogni genitore sia prolungato da 14 a 26 settimane.

Secondo la Comunità nazionale di interessi per familiari curanti - che raggruppa Travail.Suisse, Pro Senectute, Croce Rossa, Pro infirmis e Lega svizzera contro il cancro - il progetto non include la disabilità nel congedo retribuito a favore delle persone impiegate che assistono i familiari.

Manca inoltre un congedo di lunga durata per accompagnare persone care malate, con disabilità o in punto di morte. Un'osservazione condivisa anche dai cantoni. Per la Conferenza dei direttori cantonali degli affari sociali (CDAS) il progetto non prende in considerazione i bambini di età superiore ai 18 anni o di cari, ad esempio il partner, che avrebbero bisogno di cure domiciliari in seguito a incidenti o malattie.

L'organizzazione Agile.ch, che rappresenta una quarantina di organizzazioni a difesa dei disabili, è invece delusa poiché il Consiglio federale non ha colto l'occasione di utilizzare il contributo di assistenza dell'AI per pagare i familiari curanti. Introdotto nel 2012, ciò è destinato attualmente ad aiutare solo le perone con disabilità a rimanere indipendenti a casa propria.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
1 ora
Otto incendi dolosi in pochi mesi, fermate dieci persone
L'ultimo la scorsa notte in una casa unifamiliare. A Merenschwand è mistero
ARGOVIA
5 ore
Céline si è suicidata, i genitori portano il cyberbullismo in aula
Le possibilità che la sentenza venga rivista sono scarse. Ma è importante per la famiglia della 13enne riportare il caso in tribunale
BERNA
7 ore
Una misteriosa ereditiera ricercata in Svizzera
Un ricco austriaco è deceduto un anno fa a Vienna lasciando un enorme patrimonio alla propria figlia illegittima che dovrebbe vivere nel canton Berna
BERNA
18 ore
Un furgone blindato assaltato anche a Berna: «Bottino da 4.5 milioni»
Il furto è avvenuto nel mese di luglio, ma è stato divulgato solo adesso. Il Tribunale Federale ha risposto picche alla richiesta di scarcerazione dell'autista, arrestato per complicità nel colpo
SVIZZERA
1 gior
Caricatura sugli zingari, il Tribunale conferma: «È discriminazione»
I giudici hanno convalidato la condanna affibbiata ai due co-presidenti dei Giovani UDC Nils Fiechter e Adrian Spahr per una vignetta razzista pubblicata sui social
SVIZZERA
1 gior
Annullato il divieto di ingresso per un presunto jihadista
Per il Tribunale amministrativo federale è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il presupposto del divieto è stato considerato insufficiente
SVIZZERA
1 gior
Perché due banane al muro arrivano a costare 120.000 franchi?
L’esposizione di Cattelan all’ Art Basel di Miami fa discutere. E dalla Svizzera arriva una critica illustre: «I prezzi nel mercato dell’arte sono folli».
SVIZZERA
1 gior
Festa federale di lotta, il primo bilancio sorride
Conti chiusi con un utile di 850mila franchi. Il festival ha attirato 420.000 spettatori
ZUGO / STATI UNITI
1 gior
La crema svizzera che rende il volto di Trump arancione
Il cosmetico, un cosiddetto concealer, è prodotto dalla Bronx Colors di Hünenberg
BERNA
1 gior
Non si hanno tracce di un giovane turista messicano
Il 22enne si sarebbe dovuto recare da Berna a Zermatt
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile