Ti Press
SVIZZERA
02.11.18 - 10:480

Medicinali meno cari, risparmi per 100 milioni

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha ridotto in media di circa il 18,82% i prezzi di 288 medicamenti

BERNA - L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha ridotto in media di circa il 18,82% i prezzi di 288 medicamenti e ciò consentirà di ottenere risparmi di 100 milioni di franchi nel 2018, rende noto oggi lo stesso UFSP. Per il 2017 sono inoltre risultati ulteriori risparmi per 225 milioni di franchi.

L'ufficio federale riesamina annualmente un terzo dei medicinali dell'elenco delle specialità secondo criteri di efficacia, appropriatezza ed economicità. In seguito alle modifiche decise nel 2017 dal Consiglio federale, nel 2018 si è potuto riesaminare già il secondo terzo dei farmaci, precisa l'UFSP.

Stando alla nota, anche quest'anno sono state decise riduzioni di prezzo, che riguardano 288 dei 543 preparati originali riesaminati finora. Per 255 di essi non si è resa necessaria alcuna diminuzione visto che questi, confrontati con altri medicamenti venduti in Svizzera e con quelli degli Stati di riferimento, risultavano ancora economicamente convenienti.

Contemporaneamente ai preparati originali sono stati riesaminati generici, medicinali in co-marketing e biosimilari. Anche per 134 di questi 237 farmaci il riesame ha comportato una riduzione di prezzo. Tuttavia, per 30 preparati originali resta ancora da chiarire se queste diminuzioni siano realizzabili, dato che i titolari delle omologazioni hanno annunciato ricorso, indica il comunicato.

Ulteriori risparmi per il 2017 - Nel frattempo si è concluso definitivamente il riesame del 2017. Ne sono risultati risparmi per 225 milioni di franchi, una cifra superiore ai 190 milioni stimati in primavera. Poiché l'anno scorso sono stati ricontrollati medicamenti con un giro d'affari molto cospicuo (per esempio gli antitumorali), era prevedibile che per il 2017 ne derivasse un risparmio superiore, scrive l'UFSP.

L'ufficio federale riesamina ogni tre anni le condizioni di ammissione, e in particolare i prezzi dei medicinali dell'elenco delle specialità. In esso figurano tutti i prodotti rimborsati dall'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Ai fini del riesame, l'UFSP li ha suddivisi in tre unità di medesima grandezza.

Per motivi legati alla parità di trattamento sono sempre i gruppi terapeutici completi a essere riesaminati contemporaneamente. Lo scopo è di garantire che i prodotti concorrenti siano controllati nel corso dello stesso anno. Nel 2019, l'UFSP riesaminerà l'ultimo terzo dei medicamenti, tra cui quelli per il sistema cardiovascolare, la ginecologia e l'oftalmologia. In questo caso, le riduzioni dei prezzi dovranno essere attuate dal primo dicembre 2019.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 3 anni fa su tio
avete letto quanto guadagnano i ceo e i consiglieri dell'amministrazione (articolo apparso adesso, ca 21.00, senza blog)? e la gente arranca per arrivare a fine mese!!! :-(
GI 3 anni fa su tio
Eppure i premi delle CM aumentano anche nel 2019.....ben oltre l'inflazione (che non c'è o quasi....) ma oramai è arcinoto che sta LAMAL farà sempre più mal....al borsellino....e per finire alla salute...
Canis Majoris 3 anni fa su tio
Ridurre gli stipendi dei dirigenti delle casse malati no? Cifre intorno ai 700’000.- annuali per ciascuna cassa sono scandalose!!!
sedelin 3 anni fa su tio
@Canis Majoris è la vergogna del nostro paese :-( tutti si lamentano e nessuno può nulla , grrrrrrrrrrrrrrr
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
45 min
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
2 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
3 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
3 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
4 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
5 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
5 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
6 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
7 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
8 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile