Keystone
SVIZZERA
10.10.18 - 10:530

Migrazione, Berna approva il patto ONU

Secondo il Consiglio federale il documento risponde agli interessi della Svizzera

BERNA - Il Patto mondiale per la migrazione delle Nazioni Unite risponde agli interessi della Svizzera, che inoltre, in diversi ambiti politici, ne segue già le raccomandazioni. Con queste motivazioni il Consiglio federale ha deciso di approvare questo trattato durante la sua seduta odierna.

Dopo una prima discussione sull'argomento il mese scorso, l'esecutivo, si legge in un comunicato, aveva incaricato la struttura di cooperazione interdipartimentale in materia di migrazione internazionale (IMZ) di analizzare più approfonditamente le possibili ripercussioni del patto (denominato ufficialmente Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration) sulla politica interna ed estera. Il testo sarà formalmente adottato in occasione di una conferenza dei capi di Stato e governo prevista il 10 e l'11 dicembre in Marocco.

Riguardo alla migrazione, Berna conta sulla cooperazione internazionale per esempio per quanto concerne la riduzione di quella irregolare, il rafforzamento della protezione nelle regioni d'origine o l'attuazione efficace dei rimpatri. La Confederazione, viene sottolineato nella nota, ha fornito il proprio appoggio al processo di negoziazione del patto, definito una "soft law", ossia un documento che, pur non essendo giuridicamente vincolante, produce effetti politici.

Il suo obiettivo è definire parametri condivisi dalla comunità internazionale per permettere una migrazione ordinata. Comprende dieci principi fondamentali e 23 obiettivi, nonché un elenco di strumenti di attuazione volontari. Stando al governo, il contenuto corrisponde pienamente alla politica della Svizzera sulla migrazione.

Rientrano nei punti del patto dell'ONU, che non riguarda chi gode della protezione della Convenzione di Ginevra sui rifugiati, l'intensificazione dell'aiuto sul posto, la lotta contro la tratta di esseri umani, la sicurezza dei confini, il rispetto dei diritti umani, il ritorno, la reintegrazione e l'integrazione durevole. Dal punto di vista della politica interna, non è richiesto alcun intervento.

Gli strumenti di attuazione volontari sono esempi a disposizione degli Stati per consentire il raggiungimento degli obiettivi: poiché per alcuni esiste un margine di interpretazione, il Consiglio federale ha deciso di esaminare più da vicino la situazione. In un caso, concernente la detenzione amministrativa di minori a partire dai 15 anni, è emersa una discrepanza rispetto alle basi legali svizzere.

Con la scelta di approvare il patto, inviso agli Stati Uniti e all'Ungheria, l'esecutivo afferma di ribadire l'importanza della collaborazione con le Nazioni Unite nel campo della migrazione. Un aspetto fondamentale, prosegue la nota, anche per Ginevra, impostasi come centro della governance mondiale in questo settore, in quanto sede delle più importanti organizzazioni internazionali.

Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) di consultare le competenti commissioni parlamentari in merito alla decisione odierna e di informarlo dei loro pareri. L'UDC aveva chiesto di non aderire al patto, giudicato non compatibile con una gestione indipendente dell'immigrazione e con l'autodeterminazione della Svizzera.

Commenti
 
shooter01 1 anno fa su tio
altra calata di braghe. Che schifo. C'è da avere vergogna ad essere rappresentati da quelli lì
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@shooter01 Certo che tu e il compagno di merende qui sotto avete delle argomentazioni inattaccabili! Ma volete per una volta dire cosa ne pensate, cosa c'è di sbagliato nell'accordo, cosa proponi e quali conseguenze avrebbero le tue proposte al posto di vomitare slogan vuoti letti su un giornalaccio di serie D e ripetuti a pappagallo?
Danny50 1 anno fa su tio
Ma come no ! ONU, UE, dixit, CF calat (braghe)
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
2 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
18 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
18 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
20 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
20 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
23 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
23 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
23 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile